Francobollo-Fitav_1469001163808
logo lauretana_small1

facebook
twitter
gplus
linkedin
youtube

COMUNICATO STAMPA n. 112 del 25/08/2016

Compak Sporting

Azzurri a Londra per il Mondiale

Il Ct Spada: cercheremo di farci valere, gareggeremo al massimo


L’E.J. Churchill Shooting Ground alle porte di Londra sta facendo da palcoscenico al Mondiale 2016 di Compak Sporting. In pedana già da ieri ci sono 366 tiratori provenienti da 23 nazioni che si sfideranno fino a sabato 27 agosto sulla distanza di 200 piattelli ciascuno.

Tra loro anche gli azzurri del Commissario Tecnico Veniero Spada, lui stesso impegnato nella competizione. Nel comparto Senior i nostri colori verranno difesi da Marco Battisti di Monteciccardo (PU), Michael Spada di Fabro (TR) e da Daniele Valeri di Spoleto (PG), mentre in quello delle Ladies a vestirli saranno Brunella Gibellini di Borgosesia (VC), Martina Maruzzo di Nanto (VI), Jessica Tosti di Colombella (PG) e Katia Vaghi di Treia (MC). Tra gli Junior verremo rappresentati da Simone Brussolo di Azzano Decimo (PN), Cristian Camporese di Padova (PD), Luca Panizza di Lierna (LC) e da Pietro Piccari Ricci di Rimini ed infine, nei comparti dei Veterani e dei Master porteremo in pedana, rispettivamente, Mauro Bosi di Forlì (FC), Giovanni Provenzale di Rimini, e Carlo Sestini di Empoli (FI) ed Eugenio Bruscolini di Riccione, Alvaro Leardini di Marciano di Romagna (RN) e  Giovanni Zamboni di Gavardo (BS).

“Come sempre ci siamo impegnati al massimo per arrivare pronti a questo appuntamento – ha spiegato il CT Spada prima della partenza – Dovremo batterci con i mostri sacri di questa specialità, ma non abbiamo nessun timore reverenziale verso di loro e faremo di tutto per imporci”.

Le gare hanno preso inizio ieri ed oggi, dopo i primi 100 piattelli, il migliore dei nostri nella classifica generale è l’umbro Michael Spada, attualmente salito fino a quota 97 con il quarto miglior punteggio. Domani e sabato la gara proseguirà con altri 100 piattelli, mentre le premiazioni avranno luogo nella giornata di domenica 28 agosto.


COMUNICATO STAMPA n. 111 del 29/07/2016

XXXI OLIMPIADE ESTIVA

Trap – Skeet – Double Trap

5 – 13 agosto  2016

Rio de Janeiro (BRA)


La squadra di Benelli in partenza da Roma domenica 31

A Rio arriva lo Skeet

ed il Tiro a Volo è pronto per i Giochi

Già in Brasile le compagini di Trap e Double Trap


La XXXI Olimpiade Estiva è alle porte ed in attesa che il Presidente del CIO Thomas Bach pronunci la formula di rito durante la Cerimonia di Apertura del prossimo 5 agosto, il Villaggio Olimpico si è già popolato di molte delegazioni arrivate a Rio per prendere confidenza con il clima e con gli impianti.

Già a Rio da martedì 26 luglio le squadre di Fossa Olimpica e Double Trap, tra le prime ad arrivare. Con il Direttore Tecnico Albano Pera sono sbarcati in Brasile Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone, medaglia d’argento ai Giochi di Loondra 2012, vincitore della Finale di Coppa del Mondo 2014 a Gabale (AZE) e due volte Campione del Mondo a Lonato (ITA) 2005 e Belgrado (SRB) 2011, Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore, Campionessa Olimpica in carica e due volte Campionessa del Mondo a Maribor (SLO) 2009 e Lima (PER) 2013, e Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, medaglia di bronzo ai Giochi di Sydney 2000, medaglia d’argento a quelli di Atene 2004 e Pechino 2008, quattro volte Campione del Mondo Nicosia (CYP) 1995, a Lima (PER) 1997, a Barcellona (ESP) 1998 e di nuovo a Lima (PER) nel 2013, che con quella brasiliana arriva alla sua settima partecipazione olimpica consecutiva.

Per il Double Trap con il DT Mirco Cenci sono partiti Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), medaglia d’argento ai Campionati del Mondo di Granada (ESP) 2014 e medaglia di bronzo ai Giochi Europei di Baku (AZE) 2015 e Marco Innocenti di Montemurlo (PO), vincitore della Finale di Coppa del Mondo a Maribor (SLO) 2004 e tre volte vice Campione Europeo a Zagabria (CRO) 2001, a Brno (CZE) 2003 ed a Suhl (GER) 2013.

Gli ultimi ad arrivare a Rio saranno gli skeetisti, in partenza da Roma domenica 31 luglio. Con il DT Andrea Benelli si imbarcheranno Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS), Campione Europeo a Sarlospustza (HUN) nel 2014 ed a Maribor (SLO) nel 2015, argento europeo a Suhl (GER) nel 2013 e vincitore della Coppa del Mondo di Tucson (USA) nel 2014, Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI), medaglia d’argento ai Giochi Europei di Baku 2015 e medaglia di bronzo alla Finale di Coppa del Mondo di Abu Dhabi (UAE) 2013, Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), medaglia di bronzo al Mondiale di Lonato 2015 e vincitore della Finale di Coppa del Mondo di Nicosia (CYP) 2015, e Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Campionessa Olimpica dei Giochi di Pechino 2008, vincitrice della Finale di Coppa del Mondo a Granada (ESP) nel 2006 e quattro volte Campionessa Europea a Maribor (SLO) 2006, a Granada (ESP) 2007, a Suhl (GER) 2013 e a Sarlospuszta (HUN) 2014.

A differenza dei loro colleghi, gli azzurri di Skeet non entreranno immediatamente nel Villaggio Olimpico, ma una volta arrivati a Rio si trasferiranno nell’impianto di Tiro a Volo di Valencia, dove si alleneranno fino all’8 agosto.


LA SQUADRA AZZURRA DI FOSSA OLIMPICA

Maschile: Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli.

Femminile: Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO).

Commissario Tecnico: Albano Pera

LA SQUADRA AZZURRA DI DOUBLE TRAP

Maschile:  Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC); Marco Innocenti di Montemurlo (PO).

Commissario Tecnico: Mirco Cenci

LA SQUADRA AZZURRA DI SKEET

Maschile: Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS); Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT).

Femminile: Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI); Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD).

Commissario Tecnico: Andrea Benelli


PROGRAMMA

Giovedì 4 agosto:                  dalle ore 14.00 alle ore 21.00 – Allenamento Ufficiale

                                               dalle ore  20.00 – Technical Meeting

Venerdì 5 agosto:                  Cerimonia di Apertura (01.00 del 6 agosto)

Sabato 6 agosto:                    dalle ore 13.30 alle ore 16.45 – Pre Event Training Trap

Domenica 7 agosto:              dalle ore 14.00 alle ore 18.00 – Qualificazione Trap Femminile

                                               dalle ore 14.30 alle ore 19.00 – Qualificazione Trap Maschile

                                               dalle ore 20.00 – Semifinale e Medal Matches Trap Femminile

Lunedì 8 agosto:                   dalle ore 14.30 alle ore 17.30 – Qualificazione Trap Maschiledalle ore 20.00 – Semifinale e Medal Matches Trap Maschile

Martedì 9 agosto:                  dalle ore 13.30 alle ore 16.45 – Pre Event Training Double Trap

Mercoledì 10 agosto:            dalle ore 14.00 alle dalle ore 18.30 – Qualificazione Double Trap

                                               dalle ore 20.00 – Semifinale e Medal Matches Double Trap

Giovedì 11 agosto:                13.30 alle ore 16.45 – Pre Event Training Skeet

Venerdì 12 agosto:                dalle ore 14.00 alle ore 19.00 – Qualificazione Skeet Femminile

                                               dalle ore 15.30 alle ore 13.00 – Qualificazione Skeet Maschile

                                              dalle ore 20.00 – Semifinale e Medal Mattches Skeet Femminile

Sabato 13 agosto:                  dalle ore 14.30 alle ore 17.30 – Qualificazione Skeet Maschile

                                               dalle ore 20.00 – Semifinale e Medal Matches Skeet Maschile

Luogo delle gare: Olympic Shooting Center presso il Deodoro Olympic Park

N.B.: Gli orari sono indicati in ora locale italiana. La differenza tra Roma e Rio è di - 5 ore. (Es. Quando a Rio saranno le 15.00, a Roma saranno le 20.00)


COMUNICATO STAMPA n. 110 del 22/07/2016

Settore Giovanile

A Porpetto il 13° International Junior Grand Prix

In gara 120 tiratori da 17 nazioni. In palio anche la Junior Shotgun Cup 2016


Per il tredicesimo anno consecutivo Porpetto diventerà, da oggi fino a domenica 24 luglio, il centro del mondo tiravvolistico giovanile. Si apre oggi alle 17.00, con la Cerimonia ufficiale sul campo di Tiro, l’edizione 2016 dell’International Junior Grand Prix che ha portato in Italia 120 tiratori provenienti da 17 nazioni.

Presente nelle strutture friulane tutto lo staff del Settore Giovanile Nazionale composto dal Coordinatore Alberto Di Santolo e dai Tecnici Lamberto Castellani, Antonello Iezzi, Christian Eleuteri, Francesco Belluco e dal Preparatore Atletico Fabio Partigiani che lavoreranno con i 24 azzurrini convocati per l’evento.

Per la Fossa Olimpica gareggeranno Nicholas Antonini (Carabinieri) di Le Grazie di Portovenere (SP), Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA), Riccardo Faccani (Fiamme Oro) di Alfonsine (RA), Alessio Franquillo (Fiamme Oro) di Cannaiola (PG), Matteo Marongiu (Forestale) di Sassari, Giulio Nelli di Calci (PI), Rachele Amighetti di Costa Volpino (BG), Isabella Cristiani (Carabinieri) di San Giuliano Terme (PI), Giulia Grassia di Modean, Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA), Antonia Ricciardi (Fiamme Oro) di Mercato San Severino (SA) ed Erica Sessa (Fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni.

Nove i tiratori impegnati nelle gare dello Skeet. Per il comparto maschile ci saranno Edoardo Aloi (Esercito) di roma, Matteo Chiti (Forestale) di Pistoia (PT), Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano (RM), Erik Pittini di Priola di Sutrio (UD) ed Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN), mentre per quello femminile potremo tifare per Francesca Del Prete di Cisterna di Latina, Francesca Grieco (Fiamme Oro) di Ottati (SA) e Giada Longhi di Roccaranieri(RI).

Infine, per la specialità del Double Trap la bandiera italiana verrà portata il più in alto possibile da Eraldo Apolloni di Thiene (VI), da Jacopo Duprè de Foresta (Fiamme Oro) di Montepulciano (SI) e Lorenzo Ferrari (Fiamme Oro) di  Provaglio d’Iseo (BS).

Le gare si svolgeranno nelle giornate di sabato 23 e domenica 24 luglio


COMUNICATO STAMPA n. 109 del 18/07/2016

A Umbriaverde in 158 per il Campionato Italiano

Grazini, Tricolore Universale

Titoli italiani anche per Pintor tra le Ladies e Trabucco tra gli Junior


Tanti tiratori in gara, scudetti tricolore in palio e la visita del Presidente Internazionale Jean Francois Plainkas. Sono stati questi gli ingredienti che hanno trasformato il Campionato Italiano di Fossa Universale in grande festa del Tiro a Volo nazionale.

In totale i partecipanti sono stati 158, 10 in più riusopetti all’edizione 2015, tra i quali tanti tiratori che siamo abituati a veder praticare le pedane di altre specialità. Come, per esempio, Valerio Grazini, ventiquattrenne di Viterbo e portacolori della Forestale e riserva olimpia di Trap per Rio 2016, che con cinque serie perfette e tre 24/25 si è messo cucito al petto il Tricolore d’Eccellenza con un ottimo 197/200. Con un solo piattello in meno l’argento è andato al tuderte Carlo Angelantoni, di casa a Massa Martana, secondo sul podio con 196 davanti a Marco Panizza (Fiamme Azzurre) di Alessandria, terzo con 195 +3.

Tra le Ladies la neo Campionessa Italiana è Giulia Pintor, tiratrice della Polizia Penitenziaria di Santa Giusta (OR), anche lei appassionata di Universale, ma ultimamente prestata alla Fossa Olimpica. Con il totale di 188/200 la sarda si è messa al collo l’oro davanti a Bianca Revello di Calcinato (BS), argento con 184, e a Roberta Pelosi di Roma, bronzo con 181.

Bene anche Andrea Trabucco nel comparto del Settore Giovanile. Il sedicenne di Schio (VI) è salito sulla vetta del podio grazie al totale di 193/200, lasciandosi alle spalle Angelo Scalzone, diciottenne nipote dell’omonimo Campione Olimpico di Monaco 1972, argento con 192 +2 dopo lo spareggio con Niccolò Fabbri di Palazzolo sul Senio (FI), bronzo con 192 +1.

Complimenti anche ad Emanuele Bernasconi (Forestale) di Palombara Sabina (RI), vincitore del comparto di Prima categoria, a Francesco Ciocca di Bettona (PG), migliore in gara tra i Seconda, e a Gianfranco Merigo, primo tra i Terza. A questi neo Campioni Italiani si uniscono anche Roberto Coppiello e Lionello Masiero, che si sono meritati il tricolore nelle qualifiche Veterani e Master.

“E’ stata una gara molto interessante dal punto di vista tecnico – ha spiegato il CT azzurro Sandro Polsinelli, anche lui impegnato in pedana e argento nella classifica dei Veterani – Mi ha fatto molto piacere rivedere in pedana alcuni tiratori di alto livello che, affermatisi in altre specialità, hanno sentito ancora forte il richiamo per la Fossa Universale. Ancora più piacere mi ha dato la visita del Presidente Palinkas e del Presidente Rossi, entrambi impegnati nel Mondiale di Sporting di Piancardato. Con loro e con il Consigliere Roberto Manno abbiamo avuto modo confrontarci in vista dei prossimi impegni internazionali come il Mondiale di settembre a Marrakech. A breve renderò noti i nomi dei selezionati per quell’appuntamento. Intanto mi complimento con tutti i vincitori di questa gara: buon lavoro!”.


COMUNICATO STAMPA n. 108 del 18/07/2016

3° Gran Premio di Skeet

Moscariello, Scocchetti e Sdruccioli d’oro a Lonato

Al Trap Concaverde in gara 135 specialisti per l’ultimo Gp del 2016


Il 3° Gran Premio di Skeet ha incoronato Angelo Moscariello come il miglior tiratore tra i 135 impegnati sulle pedane del Trap Concaverde di Lonato del Garda (BS).

Il poliziotto di Montella (AV), medaglia di bronzo nella Coppa del Mondo di Pechino nel 2014, è salito sulla vetta del podio della massima serie con una gara di alto livello. Chiuse le qualificazioni con 123/125, miglior punteggio ottenuto con due 24 e tre 25, in semifinale ha commesso un solo errore e con 15/16 si è  preso il primo pass per il duello più prestigioso, quello dell’oro. Tre i tiratori che con lo score di 14/16 si sono trovai a spareggiare per il secondo: Marco Sablone (Fiamme Oro) di Roma, Sandro Bellini di Quarrata (PT) e Valerio Andreoni (Esercito) di Palombina Nuova (AN). Dopo lo shott-off ad avere la meglio è stato il primo, che nel medal match si è arreso al collega e compagno di squadra con 14 a 13. Terzo Bellini uscito vincitore del duello per il bronzo contro Andreoni con lo score di 13 a 12.

Tra le Ladies la migliore in gara è stata Simona Scocchetti (Esercito) di Tarquinia, prima in qualificazione con 70/75 e arrivata al medal match per l’oro con 13/16, stesso punteggio siglato anche dalla romana Chiara Costa (Carabinieri). Nello scontro diretto la Scocchetti ha commesso un solo errore e non ha avuto problemi a regolare l’avversaria con un netto 15 a 11. Con loro sul podio Francesca Del Prete di Cisterna di Latina (LT), bronzo dopo aver avuto ragione con 13 a 11 su Cristina Vitali di Treviolo (BG).

Vittoria netta anche quella di Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN), vincitore del gold match contro Erik Pittini di Priola di Sutrio (UD) con lo score di 15 a 12. Podio anche per Leonbruno Cavaliere (Fiamme Oro) di Roma, terzo dopo il bronze match con Niccolò Sodi di Arezzo.

D’oro anche le prestazioni concretizzate da Gianluca Flore di Galtelli (NU), oro nel comparto cadetto con 141/150, per Fabio Muzzu di Arzachena (SS), primo tra i Seconda Categoria con 137, e per Christian Barbone di Buti (PI), migliore tra i Terza con 131 (+2).


COMUNICATO STAMPA n. 107 del 18/07/2016

Sporting – Concluso il Mondiale dei record

Martina Maruzzo si prende il bronzo Mondiale

Brillano le Ladies, anche oro a squadre. D’argento i Senior ed i Super Veterani


Collazzone (PG) – Si è concluso il Mondiale di Sporting, evento dei record che ha portato sulle pedane del Tav Piancardato di Collazzone (PG) quasi 1.100 specialisti provenienti da 41 nazioni. Oltre al successo organizzativo, certificato da Jean Francois Palinkas, Presidente della Federazione Internazionale di Tiro con Armi Sportive e da Caccia, e dai vertici della Fitasc, presenti in Umbria per l’Assemblea annuale, al termine della Rassegna Iridata l’Italia incassa anche quello agonistico. A portare il tricolore più in alto sono state le azzurre. Partendo dall’individuale, Martina Maruzzo ha festeggiato il suo ventitreesimo compleanno, celebrato lo scorso 13 luglio, regalandosi una bellissima medaglia di bronzo. La vicentina di Nanto, marchigiana d’adozione e portacolori del Tav San Martino di Rio Salso di Tavullia, non è nuova ai podi internazionali e questo bronzo va ad arricchire il suo palmares composto, fino ad ora, da un argento mondiale conquistato nel 2012 a Nicosia (CYP), un bronzo europeo di Compak centrato nel 2013 a Rio Salso.

Per salire sul terzo gradino del podio con il punteggio di 168/200 l’azzurra si è battuta con valore, arrendendosi solo alla finlandese Redecka Bergkvist, oro con 170, ed alla russa Inna Alexandrova, argento con 169.

Valore confermato anche nella classifica a squadre in cui al 168 della Maruzzo si sono sommati anche il 164 di Carla Flammini di Bellante (TE) ed il 145 di Katia Vaghi di Treia (MC), per un totale complessivo di 477/600 valido per l’oro ed il titolo di Campionesse del Mondo 2016.

Da medaglia, ma in questo caso d’argento, anche la prestazione a squadre dei Senior Enrico De Tomasi di Grisignano di Zocco (VI), Michael Spada di Fabro (TR), Samuele Sacripanti di Amelia (TR) e Marco Battisti di Monteciccardo (PU) che sono saliti sulla piazza d’onore con il totale di 723/800, alle spalle degli avversari statunitensi, primi con 735, e davanti a quelli australiani, terzi con 718.

D’argento anche i Super Veterani Giancarlo Ciofini di Castel del Piano (PG), Enzo Gibellini di Borgosesia (VC) e Giovanni Zamboni di Gavardo (BS) con 453/600.

Soddisfatto il Commissario Tecnico Veniero Spada “Gareggiare in un mondiale non è mai semplice. Se giochi in casa lo è ancora meno. In ogni caso abbiamo dimostrato di essere in grado di farci valere tra le grandi nazioni di questa specialità e per questo ringrazio i miei tiratori e le mie tiratrici”.

“Questo Mondiale dei record è un orgoglio per l’Italia nel Mondo, che sa presentare in modo unico le sua storia, la sua cultura e le sue bellezze – ha commentato il Presidente della Fitav Luciano Rossi - Tutto questo è possibile grazie all’impegno corale della Federazione, della società Piancardato, dei volontari, degli sponsor, dei nostri ufficiali di gara e di tutti gli attori coinvolti: siamo una grande, bellissima famiglia. Siamo orgogliosi di questo Mondiale: di averlo prima saputo conquistare a livello internazionale, poi organizzare e adesso gestire nei migliore dei modi. Ci sono persone giunte fin qui da ogni parte del Mondo, non tutte sono qui per ambizioni di vittoria, molte sono venute per lo spirito di partecipazione, per il piacere di esserci e passare una settimana in Italia seguendo la propria passione. In questi giorni abbiamo respirato un’atmosfera bellissima, di sport e divertimento, in un connubio che sa unire generazioni da tutto il Mondo. Come italiano prima, e come presidente della FITAV poi, non posso che dichiararmi estremamente soddisfatto”.


COMUNICATO STAMPA n. 106 del 13/07/2016

Quasi 1.100 tiratori in gara e 41 Nazioni Rappresentate

A Piancardato per il super Mondiale di Sporting

Oggi alle 17.30 la Cerimonia di Apertura al Campo Sportivo di Collepepe a Collazzone


Collazzone (PG) – L’Italia continua ad essere il fulcro del Tiro a Volo internazionale. Appena spenti i riflettori sull’Europeo di Lonato del Garda, il testimone è passato al Tav Piancardato di Collazzone (PG) dove oggi prenderà il via il 38° Campionato del Mondo di Sporting con in gara quasi 1.100 tiratori provenienti da 41 paesi. In realtà la Cerimonia di Apertura, in programma oggi alle 17.30 nel Campo Sportivo di Collepepe, darà solo il via ufficiale alle gare, perché la maggior parte dei tiratori, degli officials ed i dei vertici della Fitasc, Federazione di Tiro con Armi Sportive e da Caccia guidata dal francese Jean Francois Palinkas, sono già in territorio umbro da sabato scorso per tutte le iniziative correlate all’evento sportivo.

Già da lunedì, infatti, il programma degli appuntamenti è stato fittissimo, con un Comitato di Direzione e l’Assemblea Generale a cui hanno partecipato rappresentanti di 50 nazioni, entrambi riservati ai dirigenti sportivi, mentre i tiratori hanno avuto modo di prendere confidenza con l’impianto che da domani ospiterà la Rassegna Iridata.

“Siamo molto onorati di ospitare nel Paese un evento così prestigioso – ha commentato il Presidente della Fitav Luciano Rossi – Così come accaduto a Lonato, anche in questo caso si può parlare di record, sia per quanto riguarda la partecipazione alla gara, sia per quanto riguarda quello nell’Assemblea. Ringrazio l’amico Jean Francois (Palinkas, ndr) ed il Comitato Direttivo della Fitasc per aver scelto l’Italia ed il Presidente del Comitato Organizzatore Marsilio Palermi, Presidente del Tav Piancardato, per il grande impegno profuso nell’organizzazione. A lui ed al suo Staff auguro buon lavoro!”

Da domani, dunque, si farà sul serio e i tiratori inizieranno a gareggiare con 50 piattelli al giorno a testa fino a domenica 17 luglio.

Veniero Spada, Commissario Tecnico delle specialità, coordinerà le attività dei 20 tiratori italiani convocati per l’evento. Nello specifico, per i Senior gareggeranno Marco Battisti di Monteciccardo (PU), Enrico De Tomasi di Grisignano di Zocco (VI), Samuele Sacripanti di Amelia (TR), Manrico Sani di Vinci (FI) e Michael Spada di Fabro (TR) e per le Ladies ci saranno Paola Cuccarolo di Villafranca Padovana (PD), Martina Maruzzo di Nanto (VI), Carla Flammini di Bellante (TE) e Katia Vaghi di Treia (MC). Per il comparto degli Junior a vestire al divisa azzurra saranno Simone Brussolo di Azzano Decimo (PN), Andrea Menga di Terranova Bracciolini (AR), Pietro Piccari Ricci di Rimini (RN) e Alessandro Tonini di Galleno (FI). Infine, per le qualifiche dei Veterani ci saranno Mauro Bosi di Forlì (FC), Ivano Bettini di Savignano sul Rubicone (FC) e Carlo Sestini di Empoli (FI), mentre per quella dei Super Veterani Giancarlo Ciofini di Castel del Piano (PG), Enzo Gibellini di Borgosesia (VC) e Giovanni Zamboni di Gavardo (BS).


COMUNICATO STAMPA n. 105 del 11/07/2016

Campionato Europeo

Trap – Skeet – Double Trap

5 – 11 luglio  2016

Lonato del Garda (ITA)


Double Trap – Azzurri argento a squadre senior, oro gli junior

Di Spigno si prende l’argento europeo

Piazza d’onore anche per Dupre’ de Foresta. Filippelli e Bacosi oro nel misto di Skeet


Lonato del Garda (BS) – Quello lonatese si conferma l’Europeo dei record: da guinness dei primati il numero di nazioni partecipanti e, soprattutto, il medagliere azzurro che conta ben 18 medaglie (10 d’oro, 7 d’argento e un solo bronzo).  Chiusura con il botto per i tiratori Italiani del double trap e dello skeet che hanno gonfiato la collezione di allori, arraffando altri due titoli (azzurrini in cima alla classifica del Double Trap a squadre, mentre la coppia Riccardo Filippelli (Esercito) – Diana Bacosi (Esercito) ha dominato la prova di skeet a squadre miste) e 3 argenti conquistati dai ragazzi di coach Mirco Cenci.  Impresa sfiorata da Daniele Di Spigno nel comparto Senior, che dedica la medaglia d’argento alla figlia che oggi compie tre anni. Il campione azzurro, che in bacheca ha 7 titoli europei e 2 mondiali, sale sulla pedana della semifinale grazie al terzo posto conquistato in fase di qualificazione (139/50), poi sbaglia due soli piattelli e si intasca un pass per la finalissima. Per conoscere il nome dello sfidante, l’azzurro in forza alle Fiamme Oro ha dovuto attendere l’esito dello shoot -off, vinto dal russo Vasily Mosin, campione del mondo in carica, che ha avuto la meglio sui  britannici Coward – Holley e Tim Kneale (che hanno poi duellato per il bronzo) e il tedesco Andreas Loew. Eterni rivali in pedana, buoni amici fuori dal campo, Di Spigno e Mosin hanno dato vita ad una sfida già vista e rivista negli ultimi 15 anni. Un solo fatale errore per l’azzurro, che paga a caro prezzo lo sbaglio commesso al settimo piattello: Mosin non si inceppa e si appende al collo l’ennesimo oro della carriera.

Terzo posto per il giovane britannico Matthew John Coward-Holley, al suo primo Europeo da senior. Gli altri italiani in gara, Marco Innocenti e Antonino Barillà – che a differenza di Di Spigno voleranno ai Giochi di Rio -  terminano rispettivamente in ottava e dodicesima posizione, ma possono festeggiare l’argento conquistato chiudendo in seconda posizione la classifica a squadre (titolo ai britannici, bronzo all’Ungheria).

 È d’argento anche l’azzurrino Jacopo Dupre De Foresta. Per il senese classe ’00 la prima medaglia della carriera arriva al termine di una giornata praticamente perfetta: chiusa la fase di qualificazione in cima alla classifica, con il punteggio di 141/150, ha poi vinto lo shoot-off per appendersi al collo l’oro. Nel duello con il maltese Nathan Lee Xuereb  l’azzurrino commette però 4  errori.  Ma lo junior ha di che festeggiare: insieme ai compagni junior Andrea Galesso e Lorenzo Ferrari conquista il titolo a squadre davanti agli inglesi e ai russi.

«Sono davvero felice per la medaglia di Daniele Di Spigno, che non farà parte della spedizione azzurra a Rio, ma ha dimostrato ancora una volta di essere un grande campione – ha commentato il commissario tecnico Mirco Cenci – Non brillantissima la prestazione di Innocenti (Marco, ndr) e Barillà (Antonino), ma stanno lavorando duro e sono sicuro che miglioreranno in vista di Rio. Buona anche la prestazione di Jacopo (Dupre’ De Foresta, ndr) e degli altri Junior, oro a squadre. Terzo titolo per Riccardo Filippelli, questa  volta ottenuto con il prezioso contributo di Diana Bacosi nella gara di skeet misto. I due azzurri in forza all’Esercito  hanno la meglio sulla squadra francese formata dal due volte campione del mondo Anthony Terras e Lucie Anastassiou, per 25 – 24. Bronzo alla coppia ceca composta da Jan Sychra e Libuse Jahodova.

In pedana, ma fuori dai giochi per il titolo, anche le donne del double trap: la bresciana Monica Girotto ha chiuso in terza posizione la gara individuale con 81 alle spalle della russa Lilia Valeeva, seconda con 86, e della inglese Rachel Parish, prima con 98, ed in coppia con Antonino Barillà è saòita sul terzo gradino del podio del Gran Prix Misto.

L’Europo 2016 si ferma qui. Per il treno del Tiro a Volo internazionale la prossima fermata sarà Rio De Janeiro.


COMUNICATO STAMPA n. 104 del 10/07/2016

Campionato Europeo

Trap – Skeet – Double Trap

5 – 11 luglio  2016

Lonato del Garda (ITA)


Skeet maschile – Azzurri oro a squadre con il nuovo record del mondo

Filippelli è Campione Europeo e l’Italia fa il tris

In semifinale anche Lodde, che chiude al sesto posto. Rossetti fuori allo spareggio


Lonato del Garda (BS) – Anche oggi l’Italia dello Skeet sale in cattedra è da lezioni di Tiro a Volo a tutto il continente. Dopo due anni di regno consecutivi di Luigi Lodde, il titolo di Campione Europeo di Skeet Maschile passa nelle mani di Riccardo Filippelli, autore di una gara perfetta. Trentasei anni festeggiati lo scorso 4 luglio, portacolori del Gruppo Sportivo dell’Esercito, ha iniziato la sua carriera in azzurro nel 2014 esordendo con un oro nella Coppa del Mondo di Almaty ed un bronzo al Campionato Europeo di Sarlospustza (HUN) ed ha poi proseguito con il bronzo nella Coppa del Mondo di Acapulco dello scorso anno, conquistando anche la Carta Olimpica per i Giochi di Rio.

Con 125 su 125 in qualificazione, 16 su 16 in semifinale e 16 su 16 nel gold match ha messo la firma sulla sua prima “gara perfetta”, mettendo in riga tutti gli altri tiratori ed il tedesco Sven Korte, suo avversario in duello finale, consolatosi con il secondo posto assoluto e la prima medaglia della carriera.

“Più di così non si poteva fare – ha commentato soddisfatto – Se non ricordo male, prima di me hanno fatto questo risultato solo lo statunitense Vincent Hancock ed il mio amico francese Anthony Terras. Questo mi rende molto felice e mi da la conferma che ho lavorato bene. Dopo la conquista della Carta Olimpica e fino alla decisione sui tiratori azzurri per Rio ho sentito molto la tensione di una eventuale chiamata, ma poi ho ritrovato la giusta tranquillità e questo risultato lo dimostra. Sicuramente la scelta di Andrea (il Direttore Tecnico Benelli, ndr) è stata la più giusta, come sempre d’altronde. A lui, alla mia famiglia, all’Esercito, alla Federazione ed agli Sponsor va il mio grazie per l’aiuto e le possibilità che quotidianamente mi vengono offerte”.

Ottima la prestazione anche per Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS) e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT). Il primo, in semifinale con un quasi perfetto 124 su 125, non è riuscito a proseguire la serie positiva delle ultime due edizioni, quelle di Sarlospustza (HUN) del 2014 e quella di Moaribor (SLO) nel 2015 in cui aveva conquistato il titolo continentale, e si è dovuto accontentare del sesto posto con il punteggio di 14 su 16, mentre il secondo, è rimasto fuori dall’ultimo round allo spareggio, assestandosi in dodicesima posizione con 122 (+1).

Straordinario anche il risultato a squadre, in cui gli azzurri sono saliti sul gradino più alto del podio con il nuovo record del mondo, alzando l’asticella dal precedente 367, siglato da Lodde, Filippelli e Cassandro nel 2014 all’Europeo Sarlospustza, fino all’odierno 371.

Passando al comparto degli Junior, Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano, l’anno scorso Campione del Mondo Junior proprio qui a Loanto, ha confermato di avere un ottimo feeling con le pedane gardesane e si è messo al collo la medaglia d’argento con 118/125 (+12) in qualificazione, 15/16 (+4) in semifinale e 12/16 nel duello contro il cipriota Nicolas Vasilou, oro con 14/16. Non in splendida forma gli altri due Junior in gara. Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma ed Elia Sdruccioli (Forestale) Ostra (AN) si sono fermati al 18° ed al 19° posto con 117 e 116.

“Riccardo (Filippelli, ndr) è stato eccezionale – ha commentato Benelli – Ha iniziato la sua carriera tardi, ma ha dimostrato di avere molto valore. Sono sicuro che il Commissario Tecnico che porterà il Tiro a Volo italiano a Tokyo nel 2020 potrà contare su di lui. Bene anche Luigi (Lodde, ndr) e Gabriele (Rossetti, ndr). Anche se non hanno chiuso al gara con una medagli, i punteggi delle qualificazioni rendono l’idea di quanto siano in buona forma. A differenza di Riccardo, il cui obiettivo principale era questa gara, per gli altri due il discorso è diverso. Il loro obiettivo è l’Olimpiade. Per quanto riguarda gli Junior, a parte Palmucci che si è confermato come un tiratore di livello, sugli altri si deve lavorare meglio e di più. Vale sia per il comparto maschile che per quello femminile. Ci dovremo impegnare tutti”.

Domani l’Europeo volgerà all’epilogo con le ultime competizioni. In pedana le coppie miste dello Skeet, con Filippelli e Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI) a rappresentare l’Italia, ed il Double Trap. In questo caso il Direttore Tecnico Mirco Cenci ha chiamato Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina (LT) e Marco Innocenti di Montemurlo (PO) per la gara Senior, Jacopo Dupre’ De Foresta (Fiamme Oro) di Montepulciano (SI), Lorenzo Ferrari (Fiamme Oro) di Provaglio d’Iseo (BS) e Andrea Galesso di Dolo (VE) per quello degli Junior e Edgarda Apollonio di Gavardo, Monica Girotto di Cinto Euganeo (PD) e Valeriya Sockha (Fiamme Oro) di Montecosaro (MC), impegnate in un Gran Premio Internazionale di Double Trap Femminile.

Le semifinale di Double Trap verranno trasmesse in diretta su Rai Sport 1 a partire dalle ore 16.


COMUNICATO STAMPA n. 103 del 09/07/2016

Campionato Europeo

Trap – Skeet – Double Trap

5 – 11 luglio  2016

Lonato del Garda (ITA)


Skeet donne – La friulana centra il terzo titolo continentale del quadriennio

Cainero per la quinta volta sul tetto d’Europa

Per l’Italia anche l’argento a squadre. Lodde, Rossetti e Filippelli perfetti in qualifica


Lonato del Garda (BS) – Per la quinta volta nella sua carriera, la terza nel quadriennio che culminerà con i Giochi di Rio, Chiara Cainero si è diplomata Campionessa d’Europa. La friulana di Cavalicco di Tavagnacco e portacolori del Gruppo Sportivo della Forestale con questa prestazione ha dato prova di un eccezionale stato di forma. Perfetta in qualificazione, chiusa con 75 su 75 eguagliando il Record del Mondo siglato dalla compagna di squadra Diana Bacosi nel 2015 durante i Giochi Europei di Baku (AZE), la campionessa olimpica di Pechino 2008 è stata la migliore anche nella semifinale con il punteggio di 15/16. Un secondo en.plein sfiorato, stavolta nel gold match contro la cipriota Konstantia Nikolaou, le è valso la medaglia d’oro ed il quinto titolo continentale, che va ad aggiungersi a quelli conquistati nel 2006 a Maribor (SLO), nel 2007 a Granada (ESP), nel 2013 a Suhl (GER) e nel 2014 a Sarlospustza (HUN).

“La forma è buona. Io sono una che si allena molto e ci tenevo a fare bene questa gara soprattutto per me. Ad un mese dalle olimpiadi e dopo tanto lavoro serve una verifica. E’ andata bene – ha commentato alla fine della gara – Sono molto soddisfatta di come ha sparato. Loanto è sempre Lonato, un campo bellissimo e di grande livello tecnico. Fare bene qui è importante. Poi, per la prima volta in tanti anni che sparo, mi sono trovata a disputare la semifinale ed il medal match con i campi accanto impegnati dalla gara, quindi ho dovuto contare le fucilate degli altri e regolare le mie di conseguenza. Non è stato semplice, ma ho fatto un ottimo allenamento ed ho testato la concentrazione. Ci sono tante persone che dovrei ringraziare per l’aiuto che mi danno giorno dopo giorno, partendo da mio marito e dalla mia famiglia, che mi aiutano nella non facile gestione del doppio ruolo di atleta e di mamma, arrivando fino agli sponsor ed alla federazione con il suo staff. Ma stavolta ho una dedica speciale ed è per il mio Gruppo Sportivo. A causa dell’accorpamento con i Carabinieri, probabilmente questo è stato l’ultimo Europeo in cui ho gareggiato per i colori del Copro Forestale dello Stato ed è stato un bellissimo modo per ringraziare tutti, dagli ufficiali ai colleghi, per quello che in questi anni hanno fatto per me. Su tutti l’Ing. Capone, Ennio Falco ed Gabriele Bernasconi, sempre a mia disposizione per ogni necessità”.

Molto soddisfatto anche il Direttore Tecnico Andrea Benelli “ Chiara (Cainero, ndr) è stata davvero brava. Eguagliare il Record del Mondo di Diana (Bacosi, ndr) è un ottimo segnale per i prossimi appuntamenti. Davvero molto bene!”.

Non brillantissima la prestazione delle altre due azzurre impegnate in gara. Alla fine delle tre serie di qualificazione Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI) e Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR) si sono fermate a quota 65/75, rispettivamente in 23^ e 27^ piazza individuale, ma hanno contribuito alla conquista dell’argento a squadre con il totale di 205.

Lontane dai giochi per le medaglie le Junior Francesca Del Prete di Cisterna (LT), Francesca Grieco (Fiamme Oro) di Ottati (SA) e Giada Longhi di Roccaranieri (RI), quarte a squadre.

Molto positiva, invece, la prestazione dei nostri nelle prime due serie di qualificazioni maschili. Tra i Senior Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS), Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT) e Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia (PT) conducono la classifica provvisoria a punteggio pieno, mentre tra gli Junior Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma con tre errori si è portato a quota 47, Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano (RM) con quattro a 46 ed Elia Sdruccioli (Forestale) Ostra (AN) con 5 a 45.

Domani la gara si completerà con le ultime tre serie di qualifica ed i migliori sei di entrambe le qualifiche accederanno alle semifinale, in programma dalle ore 16.00.


COMUNICATO STAMPA n. 102 del 08/07/2016

Campionato Europeo

Trap – Skeet – Double Trap

5 – 11 luglio  2016

Lonato del Garda (ITA)


Trap – Rossi e Resca in semifinale, chiudono quinti

Nella coppia mista vince la Russia

Domani la gara di Skeet. Semifinale femminile dalle 16.00


Lonato del Garda (BS) – La gara di Fossa Olimpica riservata ai Mixed Teams ha incoronato come Campioni Europei i russi Elena Tkach e Alexey Alipov. Sul podio anche i portoghesi Ana Rita Rodriguez e Jose Manuel Bruno Faria, rispettivamente d’argento e di bronzo. Buona la prestazione dei due azzurri in gara. Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO) e Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO) si sono qualificati alla semifinale con il totale di 94/100, totalizzato grazie al 46/50 della Campionessa Olimpica di Londra 2012 ed al 48 dell’argento della Coppa del Mondo di San Marino di quest’anno. Nella serie decisiva si sono scontrati con i russi e con i tedeschi Katrin Quooss e Karsten Bindrich, ma si sono dovuti fermare allo sbarramento del decimo turno di tiro con il punteggio complessivo di 16/20. A dare il contributo maggiore è stata la Rossi con un quasi perfetto 9/10, mentre purtroppo Resca è inciampato in tre errori, chiudendo a quota 7.

Chiuso il capitolo Trap, oggi è stata una giornata impegnativa anche per gli specialisti di Skeet, in pedana per gli allenamenti ufficiali.

Il Direttore Tecnico Andrea Benelli ha chiamato a vestire la divisa italiana Riccardo Filippelli (esercito) di Pistoia (PT), Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS) e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT) per la gara maschile, Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano (RM) ed Elia Sdruccioli (Forestale) Ostra (AN) per quella degli Junior Maschili, Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI), Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD) e Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR) per quella delle Ladies e Francesca Del Prete di Cisterna (LT), Francesca Grieco (Fiamme Oro) di Ottati (SA) e Giada Longhi di Roccaranieri (RI) per quella delle Junior Ladies.

Queste ultime affronteranno la competizione completa, mentre gli uomini si limiteranno ai primi 50 piattelli di qualifica. La semifinali femminili inizieranno alle 16


COMUNICATO STAMPA n. 101 del 07/07/2016


Campionato Europeo

Trap – Skeet – Double Trap

5 – 11 luglio  2016

Lonato del Garda (ITA)


Trap Maschile – Italia tre volte sulla vetta podio

Fabrizi, finalmente re d’Europa

Tra gli Junior oro a squadre, titolo per D’Ambrosio e argento per Marongiu,


Lonato del Garda (BS) – Oggi sulle pedane gardesane del Trap Concaverde è stata grande Italia. La gara di Trap Maschile del Campionato Europeo premia i nostri tiratori con ben tre titoli sui quattro in palio, a cui si sono accompagnati anche un argento ed un bronzo.

Il risultato più prestigioso è arrivato per mano di Massimo Fabbrizi, argento olimpico a Londra 2012 e bicampione del Mondo, mai fino ad ora sulla vetta del podio maschile. In realtà, il carabiniere di Monteprandone aveva conquistato due titoli continentali da Junior, nel 1996 a Tallin (EST) e nel 1997 a Sipoo (FIN), ma de senior era arrivato solo all’argento a Suhl (GER) nel 2013 ed a Sarlospustza (HUN) nel 2014. Entrato in semifinale con il punteggio di 121 su 125, secondo migliore di giornata dopo il 123 del ceco Liptak, Massimo si è guadagnato il pass per il gold match con un quasi perfetto 14 su 15, eguagliato solo dal croato Josip Glasnovic. Un duello Italia contro Croazia che ha riportato subito alla mente lo spareggio per l’oro e l’argento olimpici di Londra 2012, in cui l’azzurro fu battuto da Giovanni Cerngoraz.

Esattamente come allora, anche stavolta le sorti delle due medaglie più importanti e del titolo sono state decise da uno spareggio. Dopo aver terminato i piattelli regolamentari con 14 punti ciascuno, i due si sono affrontati nello shoot-off, ma stavolta, grazie alla grinta da leone dimostrata da Fabbrizi, l’epilogo è stato favorevole ai nostri colori con +3 a +2.

“Finalmente ho sfatato questo diceria che mi dava per troppo generoso con gli slavi – ha commentato il neo Campione Europeo al termine della gara – Sono davvero contento di aver conquistato il titolo, anche perché fino ad una settimana fa non prendevo nemmeno un portone. Invece, questa gara mi dice che sono sulla strada giusta per arrivare a Rio nel migliore dei modi. Poi, vincere in casa è davvero una gran cosa. Sentire l’esplosione di gioia del pubblico mi ha dato una grande emozione, che voglio condividere con tutti quelli che, quotidianamente, mi aiutano e supportano. Questo titolo è anche loro”.

La festa italiana è proseguita con il bronzo a squadre conquistato da Fabbrizi insieme a Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO), 16° nell’individuale con 118, e da Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, 23° con 117. Alla fine il totale per gli azzurri è stato di 356, che gli è valso il terzo gradino del podio alle spalle Croazia e Repubblica Ceca.

“Massimo (Fabbrizi, ndr) ha dimostrato che in una settimana si può fare un grande salto – ha detto il Direttore Tecnico Nazionale Albano Pera – Questo vale per tutti quelli che lavorano bene così come stanno facendo tutti i miei ragazzi. Tutto procede come programmato e continueremo a lavorare, ma oggi festeggio con i miei ragazzi queste medaglie. Bravi tutti”.

Pera ne ha ben donde di essere soddisfatto, perché ai risultati dei Senior ci sono stati quelli degli Junior, protagonisti assoluti della gara a loro riservata.

Nell’individuale le due medaglie più importanti se le sono messe al collo Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA) e Matteo Marongiu (Forestale) di Sassari. Dopo le qualificazioni e la semifinale i due compagni di squadra si sono trovati uno contro l’altro nel gold match, dominato dal campano con impressionante 14 a 8. I risultati del neo Campione Europeo e del suo vice, sommati a quelli di Riccardo Faccani (Fiamme Oro) di Alfonsine (RA), 9° con 113, hanno portato la squadra italiana anche sulla vetta del podio a squadre.

Grande emozione per loro, amplificata anche dal fatto di essere stati premiati dal pluricampione olimpico Antonio Rossi, Assessore allo Sport della Regione Lombardia, e dalla Campionessa del Mondo di Sci Lara Magoni, Consigliere Regionale lombardo.

Domani la gara proseguirà con il Mixed Team della Fossa Olimpica, in l’Italia schiererà Daniele Resca e Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO), e con gli allenamenti ufficiali di Skeet.

La semifinale della Coppia mista è programmata per le ore 16.00


COMUNICATO STAMPA n. 100 del 06/07/2016

Campionato Europeo

Trap – Skeet – Double Trap

5 – 11 luglio  2016

Lonato del Garda (ITA)


Trap Donne – Per l’Italia i titoli Senior e Junior

Stanco d’argento, Palmitessa di bronzo

In semifinale anche la Iezzi e la Cristiani. Domani semifinali maschili dalle 16.00


Lonato del Garda (BS) – L’europeo 2016 inizia con due titoli continentali a squadre e due medaglie individuali, d’argento nella gara Senior e di bronzo in quella Junior.

A meritarsi la prima è stata Silvana Stanco, battuta solo dalla slovacca Zuzana Stefecekova. L’azzurra residente in svizzera e portacolori della Guardia di Finanza, oro nella Coppa del Mondo del 2015 ad Al Ain (UAE), si è meritata l’accesso alla semifinale con lo score di 70/75 in qualificazione ed uno spareggio, ed ha poi sfoderato un perfetto 15/15 che le ha regalato il pass per il gold match contro la slovacca, due volte medaglia d’argento ai Giochi Olimpici di Pechino 2008 e Londra 2012, anche lei autrice di una serie perfetta.

Gli unici due errori del duello finale sono stati dell’azzurra, inciampata sul quarto e sul quindicesimo piattello, mentre la Stefecekova è stata di nuovo impeccabile e si è presa l’oro con 15/15.

“Mi spiace per aver mancato questa occasione di conquistare il titolo – ha spiegato la Stanco – ma sono soddisfatta della mia gara e dell’argento. La prossima volta cercherà di fare meglio, ma intanto mi godo questo risultato che dedico alla mia famiglia ed a tutti quelli che credono in me, da Albano (Pera, ndr) al Gruppo Sportivo della Finanaza, dalla Federazione ai miei sponsor”.

Terza sul podio la spagnola Fatima Galvez, Campionessa del Mondo in carica grazie al titolo conquistato qui a Lonato lo scorso anno, vincitrice del duello con la sanmarinese Alessandra Perilli, battuta con un netto 12 a 8.

In semifinale anche Alessia Iezzi, giovane tiratrice del Gruppo Sportivo dei Carabinieri, reduce dalla vittoria dell’oro alla Coppa del Mondo di Baku (AZE). Rientrata nel gruppo delle migliori sei con un ottimo 72, l’abruzzese di Manoppello (PE) ha concesso troppo alle avversarie con 11/15 si è dovuta accontentare del quinto posto.

Fuori dai giochi per le medaglie allo spareggio Jessica Rossi, Campionessa Olimpica di Londra 2012. La poliziotta di Crevalcore (BO) ha iniziato la giornata con 22/25 ed ha poi proseguito con 23 e con un perfetto 25, determinante per arrivare a spareggiare per la semifinale. Purtroppo per lei, nello shoot-off non è riuscita ad affondare il colpo e con 70 +1+2 si è dovuta accontentare della settima posizione assoluta.

Le nostre tre tiratrici, grazie alle ottime prestazioni in pedana, si sono meritate il titolo di Campionesse Europee a Squadre con il totale di 212/225, davanti a Francia e Spagna.

Buono anche il risultato delle Junior, che portano a casa il bronzo individuale con Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA) e l’oro a squadre con Isabella Crisitiani (Carabinieri) di San Giuliano Terme (PI) e Antonia Ricciardi (Fiamme Oro) di Mercato San Severino (SA).

“Grande gara di tutte le mie ragazze – ha commentato soddisfatto il Direttore Tecnico Albano Pera - Tra le Senior Silvana (Stanco, ndr) è stata bravissima in semifinale ed il suo argento è più che meritato. Bene anche Alessia (Iezzi, ndr), che ha confermato di essere in grande forma, e Jessica (Rossi, ndr) che con questa gara ha dimostrato di avvicinarsi a Rio con la gusta grinta e la giusta tecnica”.

In gara oggi anche il comparto maschile. Dopo i primi 50 piattelli la classifica provvisoria ha premiato il tedesco Karsten bindrich ed il ceco Jiri Liptak, primi con l’en-plein e seguiti a ruota da Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP) e Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO), entrambi saliti fino a quota 48. Solo un piattello di ritardo, invece, per Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, che ha chiuso la giornata con 47.

Per il comparto degli Junior, Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA) è stato quasi perfetto ed ha chiuso la giornata con 49, mentre Matteo Marongiu (Forestale) di Sassari (SS) e Riccardo Faccani (Fiamme Oro) di Alfonsine (RA) hanno chiuso, rispettivamente, con 46 e 42.

Domani, giovedì 7 luglio, la loro gara proseguirà con 75 piattelli di qualificazione per tutti e le semifinali, riservate solo ai migliori sei, in programma a partire dalle ore 16.00.


COMUNICATO STAMPA n. 99 del 05/07/2016


Campionato Europeo

Trap – Skeet – Double Trap

5 – 11 luglio  2016

Lonato del Garda (ITA)


Europeo, domani si parte con la Fossa Olimpica

Le semifinale femminili a partire dalle 16.00, iniziano le senior


La Cerimonia di Apertura, prevista oggi alle ore 17.00, darà ufficialmente il via al Campionato Europeo 2016. A celebrare la formula di rito sarà il russo Vladimir Lisin, Presidente della Confederazione Europea degli Sport di Tiro, che insieme a Luciano Rossi, Presidente della Fitav e Vice Presidente della Federazione Internazionale di Tiro, a Roberto Tardani, Sindaco di Lonato del Garda (BS), a Oreste Perri, Presidente del CONI Lombardia, e di Ivan Carella, Presidente del Comitato Organizzatore, darà il via alla rassegna continentale.

Prima della Cerimonia verranno presentati il francobollo celebrativo emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico per festeggiare i 90 anni della Fitav ed il Museo delle Medaglie Olimpiche conquistate dai Tiratori Italiani nelle edizioni dei Giochi a cui hanno partecipato.

Terminata la fase protocollare, da domani si farà sul serio e inizieranno le gare. Il lancio inaugurale spetterà alla Fossa Olimpica, impegnata in pedana mercoledì 6 luglio con la prima parte della competizione maschile e con quella completa femminile, giovedì 7 luglio con la seconda parte della gara maschile e venerdì 8 luglio con la gara della Coppia Mista.

A guidare la squadra italiana sarà il Direttore Tecnico Albano Pera “Ci siamo allenati con il consueto impegno e tutti i miei tiratori, sia gli junior che i senior, sono in buone condizioni fisiche e tecniche. Affronteremo la gara con serenità, sperando di poter raccogliere i frutti che ci aspettiamo”.

In pedana scenderanno Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), medaglia d’argento a Londra 2012, Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, argento ad Atene 2004 ea Pechino 2008 e bronzo a Sydeny 2000, Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO) per i Senior, Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA), Riccardo Faccani (Fiamme Oro) di Alfonsine (RA) e Matteo Marongiu (Forestale) di Sassari (SS) per gli Junior Mashcili, Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO), Campionessa Olimpica di Londra 2012, Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE) e Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI) per le Ladies e Isabella Cristiani (Carabinieri) di San Giuliano Terme (PI), Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA), Antonia Ricciardi (Fiamme Oro) di Mercato San Severino (SA) per il comparto delle Junior Ladies.

Le semifinali femminili inizieranno alle 16.00. Le prime a cimentarsi con i 15 piattelli determinanti per l’accesso ai giochi per le medaglie saranno le senior ed a seguire, intorno alle 17.00, le Junior.


COMUNICATO STAMPA n. 98 del 03/07/2016


Campionato Italiano di Double Trap

Barilla’ è Tricolore a Ponso

L’olimpico di Rio centra il suo primo titolo nazionale


Antonino Barillà si è diplomato Campione Italiano di Double Trap. Il marinaio di Villa San Giuseppe, Vice Campione del Mondo a Granada 2014, centra il suo primo Tricolore battendo nel medal match il pluricampione del mondo Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina (LT).

Entrati entrambi in semifinale con l’ottimo score di 147/150, i due si sono eguagliati anche nella serie determinante per l’accesso al duello per l’oro, chiudendo con 28/30.

Nello scontro il poliziotto di Terracina ha concesso troppo all’olimpico di Rio 2016, che alla fine ha prevalso con 28 a 25.

“Sono contento per due motivi. Il primo è, senza dubbio, l’aver conquistato il titolo. Fino ad ora in questa gara ero arrivato solo all’argento proprio qui a Ponso. Il secondo motivo è l’aver condotto una gara di buon livello, cosa che mi conferma di stare facendo un buon lavoro di preparazione in vista dell’Europeo e delle Olimpiadi”.

Con Barillà e Di Spigno è salito sul podio anche Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), meritatosi il bronzo dopo aver regolato con 29 a 27 Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare (PU).

Tra gli Junior il migliore in pedana è stato Lorenzo Ferrari (Fiamme Oro) di Provaglio d’Iseo (BS), primo sul podio con 140 in qualificazione, un perfetto 30/30 in semifinale e un quasi perfetto 29 nel duello che lo ha contrapposto ad Andrea Galesso di Dolo (VE), argento con 138, 30 e 27. Terzo Eraldo Apollini di Thiene (VI) con 141, 29 e 27.

Dopo molti anni di lontananza, dovuta all’esclusione della specialità femminile dalle Olimpiadi, sono tornate a gareggiare nella specialità anche le donne. Tra le partecipanti anche le tre azzurre convocate dal Direttore Tecnico Mirco Cenci per l’Europeo che inizierà il 5 luglio a Lonato del Garda: Monica Girotto di Cinto Euganeo (PD), Edgarda Apollonio di Gavardo (BS) e Valeriya Sokha (Fiamme Oro) di Montecosaro (MC).

“Questo Campionato Italiano è stato davvero di alto livello – ha commentato Cenci al termine delle gare – Ottime prestazioni dei tiratori di punta della nazionale e degli Junior. Le strutture del Tav Rosatti di Ponso hanno ospitato la gara nel modo migliore, con campi perfetti ed organizzazione eccellente. Questo ha influito sicuramente sui punteggi, ma i tiratori ci hanno messo talento e tecnica”.


COMUNICATO STAMPA n. 97 del 03/07/2016  - invito ad intervenire


Buon Compleanno Fitav

A Lonato 25 medaglie Olimpiche

celebrano la storia dell’Italia del Tiro a Volo


Brescia, 03 Giugno 2016 – Mai nella storia si è vista una collezione così ricca di emozioni. 25 medaglie Olimpiche, tutte insieme, per celebrare la storia di una delle Federazioni più medagliate dello Sport Italiano.

Da quel lontano 1 Settembre 1956, in cui Galliano Rossini consegnava alla storia la prima medaglia Italiana con la sua performance di Melbourne, fino all’Oro dei record di Jessica Rossi a Londra 2012, passando per la meravigliosa tripletta di Cainero, Pellielo e D’aniello a Pechino 2008, la Federazione Italiana Tiro a Volo ha portato la tecnica italiana sulla vetta del mondo, dominando il medagliere internazionale per 14 edizioni dei Giochi Olimpici.

La Beretta, con il patrocinio della FITAV, ha raccolto in un vero progetto museale la storia del Tiro a Volo italiano, regalando a tutti gli appassionati un percorso inedito attraverso curiosità, video e cimeli dei 21 Campioni che hanno reso grande questo sport. Protagoniste assolute, ovviamente, le 25 medaglie olimpiche, con i 9 ori, gli 8 argenti e gli 8 bronzi.

Il Museo Olimpico, allestito all’interno del Tiro a Volo Trap Concaverde di Lonato del Garda (BS), verrà inaugurato il giorno 5 luglio dalle ore 16.00 in concomitanza con la Cerimonia di Apertura dei Campionati Europei di Tiro a Volo e con la presentazione ufficiale del Francobollo che il Ministero dello Sviluppo Economico ha voluto dedicare ai 90 anni della Fitav ed al quale Poste Italiane ha riservato una speciale iniziativa filatelica, con un annullo ed un Folder realizzato appositamente per l’anniversario della fondazione.

L’accesso al Museo sarà consentito dal 6 all’11 Luglio dalle 9:00 alle 18:00.


Il Presidente Luciano Rossi, ha salutato a nome del Consiglio Federale il progetto: “Le radici contano. Ripercorrere la nostra storia grazie a questa iniziativa di Beretta, da noi sostenuta con entusiasmo, non solo rende merito ai nostri atleti, ma anche a tutti quelli che, con spirito di sacrificio, hanno reso possibile questo importante risultato. Questa è l’Italia che ci piace, a loro è dedicata tutta la nostra storia.”

Il Presidente di Fabbrica d’Armi Pietro Beretta, il cui team ha curato il progetto, aggiunge: “Supportare questa iniziativa è per noi fonte di orgoglio. Il nostro impegno nel tiro a volo Italiano è un progetto di lungo termine e questo percorso museale lo dimostra: siamo vicino alla Federazione Italiana Tiro a Volo da sempre, la loro storia è la nostra sin dal 1956 quando Liano Rossini vinse l’Oro Olimpico a Melbourne con l’SO3EL che mio prozio realizzò per lui.”                                                                                 

Hanno patrocinato l’iniziativa: Regione Lombardia, Provincia di Brescia, Comune di Lonato, Camera di Commercio di Brescia, ANPAM, Trap Concaverde e Panathlon.

Main Sponsor: Fabbrica d’Armi Pietro Beretta

Technical Partner: DASS


COMUNICATO STAMPA n. 96 del 01/07/2016


Campionato Europeo

Trap – Skeet – Double Trap

5 – 11 luglio  2016

Lonato del Garda (ITA)


Martedì 5 luglio Cerimonia di Apertura alle 17.00

A Lonato è ora di Europeo

Da mercoledì in gara tutti gli olimpici di Tiro a Volo


Mancano solo quattro giorni al lancio di inizio del Campionato Europeo 2016, organizzato ed ospitato dal Trap Concaverde di Lonato del Garda (BS). La rassegna sarà l’ultimo appuntamento internazionale prima dei XXXI Giochi Olimpici di Rio de Janeiro e rappresenterà una sorta di prova generale per tutti i tiratori olimpici del Vecchio Continente.

A dare il via alle gare, martedì 5 luglio alle ore 17.00, sarà il Presidente della Confederazione Europea degli Sport di Tiro Vladimir Lisin, che insieme a Luciano Rossi, Presidente della Fitav e Vice Presidente della Federazione Internazionale degli Sport di Tiro, darà il benvenuto ai 444 atleti provenienti da 42 Nazioni ed alle autorità presenti.

Tantissime le iniziative legate all’evento ed alla celebrazione del 90 anniversario della fondazione della Federazione Italiana Tiro a Volo, nata nel 1926. Da non perdere, sempre il giorno 5 luglio ma a partire dalle ore 16.00, la presentazione del Francobollo celebrativo del 90° Fitav emesso dal Ministero per lo Sviluppo Economico e distribuito da Poste Italiane, che ha curato la realizzazione di materiale filatelico e ci ha dedicato uno speciale annullo proprio in quella data. Inoltre, prima della Cerimonia di Apertura, verrà inaugurato il Museo delle 25 Medaglie Olimpiche conquistate dalla Fitav nelle sedici edizioni dei Giochi a cui ha partecipato, realizzato da Beretta con il patrocinio della Federazione.

Le gare prenderanno il via mercoledì 6 luglio con la Fossa Olimpica. Al comando della squadra azzurra, come di consueto, il Direttore Tecnico Albano,il quale porterà in pedana Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli e Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO) per i Senior, Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA), Riccardo Faccani (Fiamme Oro) di Alfonsine (RA) e Matteo Marongiu (Forestale) di Sassari (SS) per gli Junior Mashcili, Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE), Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO) e Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI) per le Ladies e Isabella Cristiani (Carabinieri) di San Giuliano Terme (PI), Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA), Antonia Ricciardi (Fiamme Oro) di Mercato San Severino (SA) per il comparto delle Junior Ladies.

Venerdì 8 luglio, in concomitanza con la gara di Coppia mista di Trap, ci saranno gli allenamenti ufficiali di Skeet, i cui specialisti gareggeranno sabato 9 e domenica 10. Ai comandi del Direttore Tecnico Andrea Benelli ci saranno Riccardo Filippelli (esercito) di Pistoia (PT); Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS); Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT) per la gara maschile, Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano (RM) ed Elia Sdruccioli (Forestale) Ostra (AN) per quella degli Junior Maschili, Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI), Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD) e Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR) per quella delle Ladies e Francesca Del Prete di Cisterna (LT), Francesca Grieco (Fiamme Oro) di Ottati (SA) e Giada Longhi di Roccaranieri (RI) per quella delle Junior Ladies.

Infine, lunedì 11 luglio, insieme alla gara della Coppia Mista di Skeet, gareggeranno anche gli specialisti di Double Trap. Per l’occasione il Direttore Tecnico Mirco Cenci farà competere Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), Daniele DI SPIGNO (Fiamme Oro) di Terracina (LT) e Marco Innocenti di Montemurlo (PO). tra i Senior e Junior: Jacopo Dupre’ De Foresta (Fiamme Oro) di Montepulciano (SI), Lorenzo Ferrari (Fiamme Oro) di Provaglio d’Iseo (BS) e Andrea Galesso di Dolo (VE) tra gli Junior.



COMUNICATO STAMPA n. 95 del 30/06/2016


Tiro Combinato

Azzurri a Maribor per i titoli continentali

Il Ct Paolo Pozzati: sarà una gara impegnativa, ma cercheremo di dire la nostra”


Tempo di Campionato Europeo anche per il Tiro Combinato. La Rassegna Continentale porterà i migliori tiratori a cimentarsi con il percorso misto, per metà con sovrapposto e per metà con carabina, sulle pedane slovene di Maribor.

Per l’Italia il Commissario Tecnico Paolo Pozzati di Cigliano (VC), lui stesso impegnato nella competizione, gareggerà accanto a Gianluca Anzuini di Anzio (RM), Alberto Castoldi di Boffalora Sopra (MI), Vittorio Cordero di Rivoli (TO), Flavio Formis di Muggiò (MI) e Marco Succi di Rimini.

Dopo tre giorni di allenamenti, iniziati lo scorso 28 giugno, la gara entrerà nel vivo da domani, venerdì 1 luglio, e terminerà domenica 3 luglio.


COMUNICATO STAMPA n. 94 del 28/06/2016


4ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

21 – 28 giugno  2016

Baku (AZE)


Skeet – Terzo sigillo consecutivo per il Forestale di Caserta

Bronzo per Cassandro

Il nipote dell’olimpionico Falco conferma l’ottimo stato di forma


Tre medaglie in tre Prove di Coppa del Mondo consecutive rappresentano l’eccezionale bottino messo insieme a Tammaro Cassandro in questa prima metà del 2016. Il ventitreenne di Caserta, già medaglia di bronzo alla Pre Olimpica di Rio de Janeiro e medaglia d’argento alla Coppa del Mondo di San Marino di quindici giorni fa, è salito sul podio in Azerbaijan per mettersi al collo la medaglia di bronzo della gara di Skeet Maschile della quarta ed ultima Prova di Coppa di quest’anno.

Esattamente come accaduto nelle due precedenti gare, il nipote di Ennio Falco, Campione Olimpico di Atlanta 1996, ha chiuso le qualificazioni con il miglior punteggio, in questo caso un quasi perfetto 124/125 eguagliato solo dal greco Mavrommatis. Nella semifinale l’azzurro ha commesso tre errori e si è trovato a dover spareggiare con altri tre tiratori per decidere i due protagonisti del bronze match. Alla fine con +10 i biglietti del duello medaglia sono andata a lui ed all’egiziano Mostafa Hamdy, poi affrontato e regolato grazie ad un perfetto ed inequivocabile 16 a 11 che gli ha regalato il terzo posto.

“Bella gara, anche se poteva andare meglio – ha dichiarato il casertano a fine gara – Sono comunque contento, sia di aver avuto la fiducia di Andrea (Benelli, ndr), sia di averla ripagata con questa medaglia e con le precedenti. Così come accaduto anche per Rio e per San Marino, la mia gioia la voglio condividere la mia ragazza, con la mia famiglia, con la Federazione, con l’Amministrazione della Forestale e con i miei sponsor. Ma questa volta voglio dedicare un pensiero speciale ad una persona per me molto importante e scomparsa tre anni fa. Si chiamava Giampiero Malasomma (Giovanni Pietro Salvatori Malasomma, ndr) ed è stato il mio grande maestro. Queste vittorie sono anche le sue!”.

Davanti a Cassandro sul podio sono saliti il russo Nikolas Teplyy e l’egiziano Amzy Mehelba, quest’ultimo allenato dall’italiano Diego Gasperini, rispettivamente oro ed argento con 15 +2 a 15 +1.

Un po’ di rammarico per Riccardo Filippelli. Il militare di Pistoia è stato in odor di semifinale fino alla quarta serie, ma un doppio errore nella doppia della terza pedana dell’ultimo round lo ha fatto precipitare in 18ª posizione con il totale di 121. Solo 33° Christian Benet (Fiamme Oro) di Trieste con 118.

“Non posso che dirmi soddisfatto di tutta la mia squadra. Tammaro (Cassadnro, ndr) si è reso protagonista di un’altra grande gara e porta a casa la terza medaglia in tre gare. In due giorni abbiamo piazzato tre tiratori in semifinale, poi andati tutti a podio. Davvero un buon risultato. Adesso ci concentriamo sull’Europeo e poi si penserà a Rio. In entrambi i casi, ce la metteremo tutto per far bene”

Si chiude così l’ultima Prova di Coppa del Mondo ISSF 2016. Dopo la tappa continentale dell’Europeo di Lonato del Garda (BS), in programma dal 4 al 12 luglio,  il Tiro a Volo mondiale partirà per Rio per i Giochi Olimpici 2016.



COMUNICATO STAMPA n. 93 del 27/06/2016 – Invito ad intervenire


Dal 4 al 12 luglio al Trap Concaverde

A Lonato l’Europeo di Tiro a Volo

Giovedì 30 giungo conferenza stampa di presentazione a Brescia.

Ore 10.30 sala Sant’Agostino a Palazzo Broletto


Dal 4 al 16 luglio il Trap Concaverde di Lonato del Garda (BS) ospiterà il Campionato Europeo 2016 di Trap, Skeet e Double Trap. La gara porterà in Italia 440 tra i migliori tiratori di 42 Nazioni del vecchio continente, impegnati nell’ultimo appuntamento internazionale prima dell’impegno olimpico di Rio de Janeiro. La manifestazione sportiva e gli eventi ad essa correlati, tra cui la presentazione del francobollo celebrativo del 90* Anniversario della Fondazione della Fitav e una mostra delle Medaglie Olimpiche conquistate dall’Italia nelle sue partecipazioni ai Giochii verranno presentasti nella Conferenza Stampa che si terrà a Brescia giovedì 30 giugno alle ore 10.30 nella Sala Sant’Agostino di Palazzo Broletto.


Si invita la stampa ad intervenire.


Per info e contatti: stampa@trapconcaverde.it e 3288060253



COMUNICATO STAMPA n. 92 del 27/06/2016


4ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

21 – 28 giugno  2016

Baku (AZE)


Skeet – Spada fermata da un piccolo malore poi rientrato

Cainero d’argento, Scocchetti di bronzo

Al maschile bene Cassandro e Filippelli, quasi perdetti. Insegue Benet


Due medaglie hanno premiato le azzurre dello Skeet impegnate oggi nella quarta Prova di Coppa del Mondo di Baku (AZE). A meritarsele sono state Chiara Cainero, argento, e Simona Scocchetti, bronzo, salite sul podio con la vincitrice odierna, la statunitense Amber English.

La Campionessa Olimpica di Pechino 2008, friulana di Cavalicco di Tavagnacco e portacolori del Corpo Forestale dello Stato, è entrata in semifinale con lo score di 71 su 75 a cui ha aggiunto +6 nello spareggio di ingresso, ed ha poi proseguito la sua gara facendo registrare un buon 14 su 16 accedendo di diritto al medal match per l’oro con la statunitense. Un duello iniziato con il piede sbagliato per l’azzurra, inciampata in uno zero nella prima doppia, e proseguito con altri tre zeri. Solo due i piattelli mancati dalla English che ha chiuso con il punteggio di 14 a 12 a suo favore.

Esito positivo per l’Italia ha avuto, invece, il medal match per il bronzo che ha avuto come protagoniste la Scocchetti, tiratrice del Gruppo Sportivo dell’Esercito di Tarquinia (VT) ma umbra di nascita, e la francese Lucie Anastassiou. Lo scontro è stato deciso solo da un lungo spareggio dopo che le due tiratrici avevano concluso i piattelli regolamentari con un identico 14/16. Nello shoot-off l’italiana è apparsa da subito più decisa a non mollare rispetto all’avversaria ed alla fine si è portata a casa il bronzo con +10 a +9.

Giornata sfortunata per Katiuscia Spada. La poliziotta di Fabro (TR), Vice Campionessa del Mondo nel 2003 a Nicosia (CYP) e vincitrice della Finale di Coppa del Mondo di Izmir (TUR) nel 2010, ha dovuto interrompere la gara dopo la prima serie per un problema di salute, fortunatamente rientrato senza gravi conseguenze “Già dalla prima serie mi sentivo strana e spossata. Ho provato a rilassarmi, ma quando sono iniziati dei fortissimi dolori addominali, mi sono fatta visitare dal medico sul campo, il quale ha ritenuto opportuno un ricovero veloce per approfondire ed escludere cose gravi”. Dopo accurati esami clinici l’azzurra è stata dimessa ed è voluta tornare sul campo di gara per tifare le due colleghe impegnate nella semifinale.

“Grande gara e ottima prestazione di entrambe – ha commentato il Direttore Tecnico Andrea Benelli – Torniamo a casa con due risultati importanti. Per Simona (Scocchetti, ndr), una medaglia che vale molto perché ha dimostrato che, dopo l’interruzione dovuta alla gravidanza, è rientrata a livelli altissimi. Per Chiara (Cainero, ndr) un argento importante in prospettiva del futuro prossimo. Anche se non era nel programma iniziale, abbiamo deciso di inserire questa gara nel suo avvicinamento a Rio ed è stata una scelta vincente. E’ stata una grande iniezione di fiducia. Mi spiace molto per Katiuscia (Spada, ndr), fermata da un piccolo problema di salute. A lei va il nostro abbraccio”.

Oggi in gara anche gli uomini. Al termine della prima parte della gara maschile a condurre la classifica provvisoria a punteggio pieno sono il greco Nicolaos Mavrommatis ed il russo Valeriy Shomin. Con un solo piattello di ritardo li seguono gli azzurri Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta e Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia, saldamente in seconda posizione con 74. In ritardo rispetto ai leader il terzo azzurro in gara, Christian Benet (Fiamme Oro) di Trieste, fermatosi a quota 70.

La gara riprenderà domani con gli ultimi 50 piattelli di qualifica e la semifinale per i migliori sei, in programma a partire dalle 13.45.


COMUNICATO STAMPA n. 91 del 25/06/2016


4ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

21 – 28 giugno  2016

Baku (AZE)


Double Trap – il toscano protagonista di una bellissima gara

Innocenti d’argento a Baku

In semifinale anche Chianese, poi sesto. Sedicesimo Barillà


Marco Innocenti conquista un bellissimo argento nella quarta Prova di Coppa del Mondo in Azerbaijan e dimostra di essere pronto per ben figurare in Brasile fra poco più di un mese. Il toscano di Montemurlo (PO), argento lo scorso anno nella Coppa del Mondo ad Al Ain che gli valse il pass per iGiochi,  ha iniziato le qualificazioni in sordina, chiudendo la prima serie con un 26/30 che lasciare prevedere una gara in salita, ma dalla seconda serie ha preso il ritmo giusto e con i successivi quattro 28/30 ha chiuso con il punteggio di 139/150, migliore di giornata, qualificandosi alla semifinale. Consapevole di dover dare il massimo per potersi giocare le medaglie, Innocenti ha fatto ricorso a tutta la sua concentrazione ed ha centrato il gold match con un quasi perfetto 29/30, eguagliato solo dal maltese William Chetcuti.

Nello scontro finale il primo a sbagliare è stato l’azzurro, cadendo su due zeri in occasione del quarto ed dell’ottavo turno di tiro e rischiando di lasciare il campo libero all’avversario. Fortunatamente per noi, il maltese, probabilmente già sicuro di aver chiuso il conto, si è scomposto ed è caduto nel rush finale, sbagliando due degli ultimi quattro piattelli e riaprendo la gara. Nel conseguente spareggio sul 28 pari, Innocenti non ha saputo approfittare dell’occasione e con +2 a +1 il responso è stato favorevole all’avversario.

“Tranne che per lo shoot-off finale, sono soddisfatto della gara – ha dichiarato il campione toscano – Sono in fase di rifinitura della preparazione e posso dire a buon punto. Manca ancora più di un mese a Rio e ho tempo di perfezionare il lavoro con Mirco (Cenci, ndr). Oggi mi godo questa medaglia, che voglio dedicare a tutti quelli che mi sostengono, ma da domani di nuovo testa bassa e lavoro”.

Con Cheticuti e Innocenti sul podio è salito anche il cinese Junje Mo, medaglia di bronzo dopo aver regolato con 28 a 26 il russo Artem Nekrasov.

In semifinale anche Alessandro Chianese, portacolori della Marina Militare di Casandrino (NA), quest’anno protagonista di una brillante stagione. Dopo l’oro conquistato a Cipro nella Prima Coppa del Mondo, l’azzurro non ha mai mancato l’appuntamento con la semifinale, centrando un sesto posto alla Pre Olimpica di Rio ed un quinto posto a San Marino poco più di dieci giorni fa. Rientrato tra i migliori sei con lo stesso punteggio di Innocenti, nei 30 piattelli decisivi per l’accesso ai medal match ha lasciato in pedana tre errori e con comunque buon 27/30 si è dovuto accontentare della sesta piazza.

Leggermente in ritardo Antonino Barillà, Vice Campione del Mondo a Granada 2014 e secondo azzurro convocato per i Giochi di Rio. Il marinaio di Villa San Giuseppe (RC) ha avuto qualche defaillance di troppo e con il totale di 134 non è salito oltre la 16ª posizione.

“Stiamo lavorando bene ed i risultati ci danno ragione – spiega il DTN Mirco Cenci – Marco (Innocenti, ndr) è stato davvero bravo e sono molto contento per questa medaglia, ma anche Alessandro (Chianesem ndr) non è stato da meno. Per quanto riguarda Nino (Antinino Barillà, ndr), oggi è stato un po’ sfortunato ed ha avuto qualche problema con la pioggia ed il vento, ma non mi preoccupo perche la sua condizione è comunque ottima. Nel complesso ho la fortuna di avere una squadra molto compatta ed affiatata. Non mi riferisco solo ai tre tiratori che sono qui, ma anche a quelli che sono rimasti a casa, ma che si seguono anche da lontano. Continueremo il nostro lavoro come sempre, affrontando un appuntamento per volta”.

Domani, domenica 26 giugno, in pedana ci saranno gli specialisti di Skeet, in gara lunedì 27 e martedì 28 giugno. Per l’Italia il Direttore Tecnico Nazionale Andrea Benelli schiererà Christian Benet (Fiamme Oro) di Trieste, Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta (CE), Riccardo Filippelli (esercito) di Pistoia (PT), Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Simona Scocchetti (esercito) di Tarquinia (VT) e Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR).



COMUNICATO STAMPA n. 90 del 23/06/2016


4ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

21 – 28 giugno  2016

Baku (AZE)


Fossa Olimpica

Il sanmarinese Berti vince la gara maschile

Azzurri fuori dalla semifinale. Grazini si ferma ad un piattello dallo spaereggio


La gara di Fossa Olimpica Maschile della 4ª Prova di Coppa del Mondo in svolgimento a Baku (AZE) è stata vinta dal sanmarinese Gian Marco Berti. Il trentatreenne della piccola Repubblica del Monte Titano, prima d’ora mai in una semifinale internazionale, è arrivato al gold match in cui ha affrontato lo slovacco Erik Varga, Campione del Mondo in carica dal 2014. I due tiratori hanno chiuso le fasi regolamentari in parità con 14 punti ciascuno e hanno proseguito il duello in un lungo spareggio, vinto dal primo con +10 a +9. Sul podio anche il polacco Pior Kowalczyk, uscito vincitore dallo scontro con il francese Herve Bovin con lo score di 14 a 11.

Niente semifinale per i nostri azzurri, Ad andarci più vicino è stato Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo, fermatosi in sedicesima posizione con il punteggio di 119/125 ed un solo piattello in meno dei sette tiratori che hanno partecipato allo spareggio per un posto in semifinale. Più indietro Massimo Fabbrizi (Carabinieri) e Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre). Il tiratore di Monteprandone (AP),  medaglia d’argento a Londra 2012 si è dovuto accontentare del 21° posto con 117, mentre il quattro volte Campione del Mondo di Vercelli del 28° con 116.

Domani le gare si fermeranno per gli allenamenti ufficiali di Double Trap, i cui specialisti competeranno sabato 25. La semifinale è prevista per le 14.15 italiane.


COMUNICATO STAMPA n. 89 del 22/06/2016


4ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

21 – 28 giugno  2016

Baku (AZE)


Fossa Olimpica Femminile – Il carabiniere abruzzese sale sul podio a Baku

Bronzo per Alessia Iezzi

Anche se non in semifinale buona la prova delle Rossi.

Domani semifinale maschile dalle 13.00


L’Italia inaugura la 4ª Prova di Coppa del Mondo con la medaglia di bronzo nel Trap Femminile. A meritarsi il terzo posto del podio azero è stata la giovanissima Alessia Iezzi, Campionessa del Mondo Juniores a Lonato del Garda lo scorso anno e già medaglia di bronzo nella rassegna europea juniores del 2014 a Sarlospustza (HUN) ed in quella iridata Juniores del 2013 a Lima (PER). La diciannovenne di Manoppello Scalo (PE), studentessa all’IUSM di Roma e carabiniere dal dicembre del 2015,  ha fatto centro tra le “grandi” alla sua terza partecipazione in una Prova di Coppa del Mondo, dando prova di abilità tecniche e di carattere. Entrata in semifinale con 72 su 75, secondo miglior punteggio dopo il 73 della libanese Ray Bassil, con il successivo 13/15 l’azzurra si è assicurata il primo dei due biglietti per il medal match per il bronzo in cui ha affrontato l’australiana Laetisha Scanlan, ventiseienne di Melbourne con all’attivo due ori in Coppa del Mondo, centrati ad Al Ain nel 2013 ed a Tucson nel 2014, ed un argento, conquistato insieme alla Carta Olimpica ad Acapulco lo scorso anno. Le due tiratrici hanno dato vita ad un duello ad altissimo coefficiente tecnico, in cui sono stata appaiate fino al penultimo piattello con un errore a testa. Poi, l’errore dell’australiana sull’ultimo piattello ha lasciato all’abruzzese campo libero per completare con successo la rincorsa verso il podio, meritandosi il bronzo con il finale di 14 a 13. 

“Sono talmente contenta che non riesco a trasformare in parole le mie emozioni. Ho lavorato tantissimo per arrivare a questa medaglia, che per me vale come un oro. Praticamente ho imparato a camminare sulle pedane, quelle del Tav Sant’Uberto della mia famiglia. Respiro tiro a volo da quando ho memoria e salire su un podio con la divisa azzurra è sempre stato il mio sogno. So benissimo che dovrò lavorare ancora tantissimo, ma adesso voglio godermi appieno questa gioia e condividerla con papà Antonello, mamma Marcella, e con Albano (Pera, ndr) che ha avuto fiducia in me. Naturalmente ringrazio tutti quelli che mi sostengono, dalla Federazione agli Sponsor. Questa medaglia è anche loro”.

Davanti a lei sul podio la finlandese Satu Makela-Nummela e la libanese Ray Bassil, rispettivamente oro ed argento con il 14  a13 che ha chiuso il loro gold match.

Semifinale mancata dalle due Rossi. Jessica, poliziotta di Crevalcore e Campionessa Olimpica di Londra 2012, è partita bene con un ottimo 24/25, ma nelle altre due serie non ha sfondato il muro del 22, attestandosi a quota 68 ed in 15ª posizione. Stesso punteggio anche per Fiammetta, umbra di Montefalco e anche lei portacolori delle Fiamme Oro, che non agguanta la serie decisiva per colpa del 21/25 dell’ultimo round di qualificazione. Per lei la posizione nella classifica finale è la sedicesima.

“Una gara eccezionale fatta da una ragazza molto giovane – ha commentato il Direttore Tecnico Nazionale Albano Pera – E’ ancora in età da Junior, ma ha già dimostrato di saper fare bene anche tra le Senior. Ha condotto la gara in maniera sublime, facendo una bella qualificazione e due finali ottime, come se avesse una grandissima esperienza. Per quanto riguarda le altre due tiratrici, Jessica Rossi sta crescendo bene, anche se ancora non abbiamo raggiunto il livello desiderato, ma sono fiducioso in prospettiva olimpica. Nel tempo che ci separa dalle Olimpiadi avremo modo di lavorare per completare la preparazione. Passando a Fiammetta (Rossi, ndr), sin è comportata benissimo, poi ha sentito la pressione della gara importante, cosa che capita a tutti i tiratori, è si è giocata la possibilità di entrare in semifinale negli ultimi sette piattelli della terza serie. In ogni caso può essere soddisfatta dell’esperienza”.

In gara oggi anche il comparto maschile con le prime tre serie di qualifica. Al momento la classifica provvisoria vede in testa l’indiano Chenai, il russo Smyrnov e l’argentino Borello con 74/75. Migliore dei nostri è stato Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo, arrivato a quota 72, seguito da Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli con 71 e da Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP) con 69.

La gara proseguirà domani con le ultime due serie e con la semifinale, prevista per le 13.00 italiane.


COMUNICATO STAMPA n. 88 del 20/06/2016


4ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

21 – 28 giugno  2016

Baku (AZE)


Azzurri a Baku per l’ultima Prova di Coppa 2016

In gara da mercoledì 22 giungo, inizia il Trap


Uno dopo l’altro gli appuntamenti internazionali di tiro a volo si susseguono a pieno ritmo, scandendo il count down che porterà ai Giochi di Rio del prossimo mese di agosto. Dopo la Prova di Coppa del Mondo conclusa dieci giorni fa a San Marino, si apre domani a Baku (AZE) il quarto ed ultimo appuntamento con il circuito di Coppa ISSF per il 2016.

Rispettando quello che sarà il programma olimpico, le gare verranno inaugurate dagli specialisti di Trap tra i quali, selezionati dal Direttore Tecnico Nazionale Albano Pera, ci saranno Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo e Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli per la gara maschile e Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE), Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO) e Fiammetta Rossi (Fiamme Oro) di Montefalco (PG) per quella femminile. Il calendario li vedrà impegnati in pedana nei giorni di mercoledì 22 e giovedì 23 giugno, con le qualificazioni maschili e la gara completa femminile nel primo giorno e con la conclusione di quella maschile nel secondo.

Venerdì 24 e sabato 25 giugno l’impianto azero sarà il regno degli specialisti di Double Trap. Il DTn Mirco Cenci porterà con se a Baku Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA) e Marco Innocenti di Montemurlo (PO). Per loro il programma prevede un giorno di allenamenti ufficiali e un giorno di gara.

L’onore della chiusura spetterà ai tiratori di Skeet, in gara lunedì 27 e martedì 28 giugno. Il DTN Andrea Benelli schiererà in pedana Christian Benet (Fiamme Oro) di Trieste, Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta (CE), Riccardo Filippelli (esercito) di Pistoia (PT), Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Simona Scocchetti (esercito) di Tarquinia (VT) e Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR). Esattamente come per il Trap, la competizione si articolerà in due giorni.


COMUNICATO STAMPA n. 87 del 20/06/2016


Al Campionato Europeo di Fossa Universale

Solo Italia in Ungheria

12 medaglie individuali, 4 a squadre e tutte le Coppa Europa in palio


Predominio italiano al Campionato Europeo di Fossa Universale appena concluso in Ungheria. I nostri portacolori hanno fatto incetta di medaglie e di titoli continentali, centrando anche tutte le cinque Coppa Europa in palio.

Una affermazione importante, che ha visto i nostri tiratori imporsi fra i 175 partecipanti provenienti da 13 nazioni.

Per quanto riguarda la classifica Open, in cui confluiscono tutti i partecipanti di ogni qualifica, alle spalle del francese Georges Nardoux, Campione Europeo con il punteggio di 196/200, si sono piazzati gli italiani Guglielmo De Julio di Castellammare di Stabbia (NA) e Luigi Viscovo di Cercola (NA). Approdati entrambi allo score finale di 195, pari merito con il ceco Karel Pucalka, nella serie di spareggio il primo a agguantato l’argento con un perfetto 25/25, mentre il secondo si è dovuto accontentare del bronzo con 23.

Lo stesso ordine di bandiere del podio Open è stato replicato in quello delle Ladies e degli Junior. Nel primo caso, ad aggiudicarsi l’oro ed il titolo continentale con 189/200 è stata la francese Stephane Neau, salita sul podio con l’azzurra Bianca Revello di Calcinato (BS), argento con 188, e con Roberta Pelosi di Roma, bronzo con 186. Nel secondo, il galletto Clement Bourgue si è messo al collo l’oor con 194/200, superando Nicolò Fabbri di Palazzolo sul Senio (FI), secondo con 190, e Giovanni Smedile di Spartà (ME), terzo con 189 e 24/25 nello spareggio con il francese Julien Poire.

Tutti tricolore, invece, i podi che hanno avuto come protagonisti i Veterani ed i Super Veterani. Tra i primi il massimo degli onori se lo è meritato Franco Sozzani di Trovo (PV), che chiuse le otto serie di gara con il totale di 194/200, pari merito con il Commissario Tecnico azzurro Sandro Polsinelli di Sora, ha sfidato il CT nel conseguente spareggio, battendolo con il parziale di 25 a 23. Sul podio anche Mario De Donato di Napoli, medaglia di bronzo con 193 +25 nello spareggio che l’ha visto contrapposto al francese Jean-Louis Saint-Romain.

Per quanto riguarda i Super Veterani, a salire sulla vetta del podio è stato Lionello Masiero di Santa Maria di Sala (VE), Campione Europeo di specialità grazie al buon 191/200 da lui messo in campo in questa gara. Per l’argento ed il bronzo si sono affrontati Giorgio Bottigella di Mortara (PV) e  Marco Vaccari di Novate Milanese (MI), entrambi saliti fino a quota 189 e costretti ad uno spareggio “in famiglia” per determinare le posizioni sul podio. Alla fino con 20 a 22 il verdetto dello shoot-off è stato favorevole al tiratore pavese.

Con la conquista di 12 medaglie individuali sulle 15 in palio il nostro Paese si è confermata come leader di questa specialità in ambito europeo, ed ancora meglio ha fatto nelle gare a squadre e nelle Coppa Europa.

Per quanto riguarda i titoli dei team, tranne quello Senior conquistato dai francesi con 578/600, tutti gli altri sono stati appannaggio delle squadre schierate dal CT Polsinelli. Tra le Ladies Bianca Revello, Maria Carmela Petrella e Eugenia Valente sono salite sulla vetta del podio con 550/600, così come Nicolò Fabbri, Giovanni Smedile e Andrea trabucco hanno fatto tra gli Junior con 564, Franco Sozzani, Roberto Coppiello e Francesco Pollicino hanno fatto tra i Veterani con 574, e Marco Vaccari, Giorgio Bottigella e Lionello Masiero tra i Super Veterani con 569.

Infine, tutte italiane le Coppa Europa in palio, centrate da Luigi Viscovo tra i Senior, da Bianca Revello tra le Ladies, da Nicolò Fabbri tra gli Junior, da Sandro Polsinelli tra i Veterani e Lionello Masiero tra i Super Veterani.

Soddisfatto del risultato il CT Polsinelli “Abbiamo ben figurato, dimostrando che la Fossa Universale italiana ha molto da dire in ambito internazionale. Voglio complimentarmi con tutti i miei tiratori e con quelli che, anche se fuori squadra, hanno contribuito a portare in alto il tricolore”.



COMUNICATO STAMPA n. 86 del 16/06/2016


Fossa Olimpica, l'ultima tappa prima degli Assoluti

E’ l’ora del 3° Gran Premio

A Lonato la massima serie


Sabato 18 e domenica 19 giungo la Fossa Olimpica Nazionale celebrerà l’appuntamento con il 3° Gran Premio di specialità per il 2016, ultima gara di qualificazione per la Finale del Campionato Italiano delle diverse categorie e qualifiche.

Diversi gli appuntamenti per i tiratori. Le pedane bresciane del Trap Concaverde di Lonato del Garda faranno da palcoscenico alla gara della categoria Eccellenza ed a quelle delle qualifiche Ladies, Junior Maschili e Junior Femminili. Quattro le sedi sulle quali si potranno distribuire i tiratori di Prima Categoria, in gara al Tav Accademia Lombarda (BS), Porpetto (UD), Rimini e La Silva (CS).

Di carattere regionali, invece, le competizioni riservata ai tiratori delle categorie Seconda e Terza e delle qualifiche Veterani e Master. Cliccando sul link in basso si potranno consultare tutte le sedi.

In bocca al lupo a tutti e che vinca il migliore!


COMUNICATO STAMPA n. 85 del 14/06/2016


Fossa Universale

Azzurri in Ungheria per i Titoli Continentali

Il Ct Polsinelli “Abbiamo le carte in regola per ben figurare”


Sono partiti questa mattina alla volta di Salospustza gli azzurri selezionati dal Commissario Tecnico Sandro Polsinelli per partecipare al 44° Campionato d’Europa di Fossa Universale.

Le gare si svolgeranno da giovedì 16 a domenica 19 giugno con 50 piattelli al giorno per ciascun tiratore. Ben sedici gli alfieri che avranno il compito di portare la bandiera italiana il più in lato possibile. Tra i Senior il nostro onore verrà difeso da Alessandro Camisotti di Porto Viro (RO), Nicola Carbone di Delianuova (RC) e da Stefano Narducci di Alto Pascio (LU), tra le Ledies il compito spetterà a Maria Carmela Petrella de L’Aquila, Bianca Revello di Calcinato (BS) e da Eugenia Valente di Fiumicino (RM) e tra gli Junior a Nicolò Fabbri di Palazzolo sul Senio (FI), da Giovanni Smedile di Spartà (ME) e da Andrea Trabucco di Schio (VI).

Infine, per quanto riguarda le squadre dei Veterani e dei Super Veterani, tra i primi gareggeranno Lanfranco Cappelli di Marradi (FI), Roberto Coppiello di Vigonza (PD), Francesco Pollicino di Messina e Franco Sozzani di Trovo (PV), mentre per i secondi ci saranno Giorgio Bottigella di Mortara (PV), Lionello Masiero di Santa Maria di Sala (VE) e da Marco Vaccari di Novate Milanese (MI).

“Partiamo per l’Ungheria con la ferma intenzione di far bene e di dare il meglio – ha spiegato Polsinelli – Le mie squadre hanno dimostrato di poter vincere tanto ed il nostro obiettivo sono i titoli continentali e le Coppe d’Europa in palio in questa gara. Come di consueto si competerà in quattro giorni e non sarà facile mantenere la concentrazione per così tanto tempo, ma siamo allenati a farlo e ben figureremo”.


COMUNICATO STAMPA n. 84 del 10/06/2016


3ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

2 – 10 giugno  2016

San Marino (SMR)


Skeet Maschile – Il Forestale di Caserta eguaglia il primato mondiale

Cassandro da record è d’argento a San Marino

Bene anche Rossetti, quinto in semifinale, e Lodde, fuori per un piattello


Un altro argento arricchisce il medagliere azzurro della Coppa del Mondo di San Marino. Nell’ultima gara della terza Prova 2016 a salire sul secondo gradino del podio dello Skeet Maschile è stato Tammaro Cassandro, protagonista di una prestazione di altissimo livello. Il forestale di Caserta, quest’anno bronzo nella Pre Olimpica di Rio de Janeiro del mese di aprile, ha chiuso la qualificazione mettendo la sua firma su un perfetto 125 su 125, eguagliando il Record del Mondo che, dopo la modifica ai Regolamenti Internazionale del 2012, è stato siglato per la prima volta dall’azzurro Valerio Luchini nel 2014 nella Coppa del Mondo di Pechino ed eguagliato nel 2015 dal bicampione olimpico statunitense Vincent Hancock in quella di Acapulco, dal cipriota Georgios Achilleos in quella di Larnaca e dal francese Anhony Terras al Mondiale di Lonato.

La sua corsa verso il podio è proseguita con un altro perfetto 16/16 in semifinale, che con + 6 nello spareggio gli ha aperto le porte del gold medal match in cui ha affrontato lo svedese Stefan Nilsson.

Nel duello per l’oro è arrivato l’errore dell’azzurro, inciampato in un doppio zero in seconda pedana, poi seguito da due zeri dell’avversario che hanno portato il risultato finale in parità con 14/16 ciascuno. Sfortunatamente, a cedere le armi nello shoot-off è stato Cassandro, e con + 4 a +3 l’oro è andato allo svedese.

“Non è salito il calcio ed ho perso il tempo – ha spiegato così l’errore al termine della gara – Però non mi lamento. E’ il secondo podio in due coppe del Mondo consecutive e la seconda volta che eguaglio il Record del Mondo. Ho ancora tanto da imparare e continuerò a lavorare con impegno per migliorare, sia per me sia per la squadra. Anche in questo caso il mio primo pensiero è per la mia ragazza e per la mia famiglia, che rappresentano i pilastri della mia vita. Però voglio dedicare questo risultato anche ad Andrea (Benelli, ndr), alla Forestale, alla Federazione ed alle aziende che mi sostengono nell’attività”.

La medaglia di bronzo è volata negli Stati Uniti con il bi campione olimpico Vincent Hancock, uscito vincitore dello scontro con il danese Jesper Hansen con 16 a 14.

In semifinale anche l’olimpico Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT). Il vincitore della Finale di Coppa del Mondo 2015 si è qualificato con l’ottimo punteggio di 124/125 ed è stato perfetto fino al dodicesimo piattello della semifinale, ma ha mancato l’appuntamento con i medal matches a causa di due errori negli ultimi quattro piattelli. Alla fine si è dovuto accontentare della quinta piazza con 14.

Dodicesimo l’altro olimpico Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS), rimasto fuori dallo spareggio per l’accesso in semifinale per un solo piattello e attestatosi in dodicesima posizione con lo score di 121.

“Come già dichiarato ieri per la gara femminile, non posso dirmi che soddisfatto. Luigi Lodde, dopo l’iniziale 23, ha fatto una gara in crescendo chiudendo con 121 e dimostrando un buon lavoro di preparazione in vista di Rio. Lo stesso vale per Gabriele Rossetti, eccezionale in qualificazione e un po’ sfortunato in semifinale. Per quanto riguarda Tammaro (Cassandro, ndr), ha fatto una gara praticamente perfetta e, malgrado la giovane età, ha dimostrato di essere un eccellente tiratore. Il bilancio finale è positivo e ringrazio la Federazione per il grande sostegno e per la fiducia che ci concede”.

“Questa Coppa del Mondo, fortemente voluta dal sottoscritto e sostenuta dalla Federazione Italiana, è stata portata a termine con successo dal Comitato Organizzatore e dalla Federazione Sanmarinese di Tiro, per questo faccio i miei complimenti all’amico Moreno Benedettini – ha commentato il Presidente della Fitav Luciano Rossi – Siamo davvero molto contenti del risultato. La partecipazione di 387 tiratori di 71 paesi, nell’anno olimpico ma senza l’assegnazione di Carte, rende chiara l’importanza di questa competizione. Buono anche il risultato agonistico che riguarda il tiro a volo italiano. Le medaglie d’argento conquistate da Daniele Resca nel Trap Maschile, da Diana Bacosi nello Skeet Femminile e oggi da Tammaro Cassandro nello Skeet Maschile testimoniano l’alta qualità del lavoro dei nostri tiratori e dei nostri tecnici. Il nostro primo obietti è, senz’altro, quello di ben figurare alle Olimpiadi, ma siamo concentrati anche sui tanti eventi che ci vedono protagonisti in ambito internazionale, come l’Europeo dell’Elica in svolgimento in questi giorni al Tiro a Volo Lazio di Roma, l’Europeo delle specialità olimpiche di Lonato dal 4 al 12 luglio, il Campionato del Mondo di Sporting al Tav Piancardato dal 14 al 17 luglio e la Finale di Coppa del Mondo a Valle Aniene nel mese di ottobre. Manifestazioni che richiedono un grande sforzo organizzativo, ma che rendono onore ai 90 anni di storia che festeggiamo quest’anno”.

Il prossimo appuntamento con il circuito della Coppa del Mondo ISSF sarà a Baku (AZE) dal 20 al 29 giugno.



COMUNICATO STAMPA n. 83 del 9/06/2016


3ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

2 – 10 giugno  2016

San Marino (SMR)


Skeet Femminile – Di Marziantonio sesta, Cainero settima

Bacosi, splendido argento

Nel Maschile Cassandro e Rossetti perfetti, bene anche Lodde.

Domani semifinale dalle 17.30


La gara di Skeet femminile regale un argento all’Italia per mano di Diana Bacosi. L’olimpica azzurra, nata a Città della Pieve e residente a Cetona, si è resa protagonista di una competizione di altissimo livello, chiudendo le qualificazioni con 73/75, miglior punteggio di giornata, e qualificandosi per il gold match con un perfetto 16/16 in semifinale. Nel duello per l’oro la portacolori del Gruppo Sportivo dell’Esercito ha affrontato la tailandese Sutiya Jiewchaloemmit, quest’anno d’oro nella Pre Olimpica di Rio de Janeiro, e dopo aver concluso i 16 piattelli regolamentari con un identico 15/16, si è arresa all’avversaria solo allo shoot-off con +8 a +7.

“Il mio obiettivo era quello di fare una buona qualificazione e posso dirmi contenta – ha commentato la tiratrice azzurra al termine della gara – Con Andrea (Benelli, ndr) abbiamo lavorato tanto per aumentare gli standard di qualifica, soprattutto in vista dell’appuntamento olimpico di Rio. Ho sparato bene anche in semifinale e nel medal amtch. Purtroppo negli shoot-off ci sbaglia prima lascia campo libero all’avversaria e Sutiya (Jiewchaloemmit., ndr), che è una grande tiratrice, non si è fatta sfuggire l’occasione. In ogni caso sono comunque molto contenta e voglio dedicare questa medaglia alla mia famiglia, al Gruppo Sportivo dell’Esercito, alla Federazione, agli Sponsor, insomma a tutti quelli che mi sostengono giorno dopo giorno nel mio cammino verso il sogno olimpico”.

La medaglia di bronzo è andata all’inglese Amber Hill, terza dopo essersi aggiudicata il duello contro la cinese Ning Wei con 13 (+18) a 13 (+17).

Sesta la giovane Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri (RM), entrata in semifinale con

72/75 e poi inciampata in troppi zeri nella serie di accesso ai duelli per le medaglie, chiudendo con 11/16.

Fuori dalla semifinale per un solo piattello Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Campionessa olimpica di Pechino 2008, settima con lo score di 71/75.

“La mia valutazione della gara è totalmente positiva. Partendo da Chiara (Cainero, ndr), è in grande crescita rispetto alle gare precedenti. Ha fatto una bellissima gara, lottando fino all’ultimo e chiudendo le qualificazioni con un bel 25, e rientrando nei suoi livelli. Passando alla Chiara più giovane (Di Marziantonio, ndr), sta crescendo. Sono le prime grandi gare a cui partecipa e ha ben figurato. Infine, per quanto riguarda Diana (Bacosi, ndr), ha fatto una gara quasi perfetta, dimostrando una grande regolarità, e nella semifinale è stata impeccabile sparando in maniera divina. Anche se lo spareggio le è stato propizio, sono davvero contento di come si è comportata. Meglio di così è difficile fare!”.

Protagonisti oggi sulle pedane di Serravalle anche gli uomini, impegnati nelle prime due serie di qualificazione. Al momento la classifica provvisoria è condotta da sette tiratori a punteggio pieno. Tra loro gli azzurri Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), mentre Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS) ha chiuso con un comunque ottimo 48/50.

L’ultimo atto di questa Coppa del Mondo si celebrerà domani con le ultime tre serie di qualificazione e la semifinale, prevista per le ore 17.30.


COMUNICATO STAMPA n. 82 del 9/06/2016


Tito all’Elica

Al Tav Lazio l’Europeo 2016

I migliori specialisti del continente a Roma da oggi fino a domenica 12 giugno


Da oggi fino a domenica 12 giugno Roma si trasformerà nella Capitale Europeo del Tiro all’Elica. Ad ospitare le gare del 48° Campionato continentale della specialità saranno le pedane del Tav Lazio, già gremito dai migliori tiratori impegnati negli allenamenti liberi e nelle gare organizzate dal Comitato ospitante nei giorni precedenti la competizione.

La competizione per i Titoli di Campione d’Europa si svolgerà nei giorni di sabato 11 e domenica 12 giugno ed al termine delle gare verranno assegnate anche le Coppe Europa 2016.

Uno squadrone quello convocato dal Commissario Tecnico Giuseppe Rodenghi per cercare di conquistare il maggior numero di allori possibile.

Tra i Senior gareggeranno Francesco Baldi Pergami Belluzzi di Roma, Giovanni Barbieri di Dello (BS), Giuseppe Di Giamberardino di Roma, Paolo Golfari di San Michele di Ravenna, Sebastiano Molinari di San Severino Marche (MC), Roberto Prado Leonardo di Appiano di Macerata (MC), Roberto Proietti di Terni, Marco Rodenghi di Roncadelle (BS), Bruno Tallarico di Roma, Gianguido Tarabini di Carpi (MO) e Franco Tassinari di Faenza (RA). Meno nutrite, ma comunque di altissimo livello, la altre squadre: in quella delle Ladies ci saranno Virginia Massimo Lancellotti di Roma, Franca Rota di Mozzo (BG), e Paola Tattini di Ozzano dell’Emilia (BO); tra gli Junior i colori azzurri verranno difesi da Luca Benedetti di Lavezzola (RA), Giacomo Fiocchi di Milano, Mattia Pavan di Treviso e Manuele Pirazzoli di Riolo Terme (RA); Silvano Bellandi di Ponte Buggianese (PT), Andrea Martignoni di Collesalvetti-Stagno (LI) e Claudio Sangiorgi di Faenza (RA) saranno in gara nel comparto dei Veterani, mentre Alberto Olivieri di Bologna, Giovanni Rodenghi e Giuseppe Rodenghi di Roncadelle (BS), Emilio Scaravelli di Brecia e Ginacarlo Serra di Castelfranco Emilia (MO).

In attesa di affrontare le eliche dell’Europeo i tiratori scalderanno i muscoli con competizioni collaterali, come il Trofeo d’Argento di oggi ed il Gran Premio Fitasc d’Italia di domani, venerdì 10 giugno.


COMUNICATO STAMPA n. 81 del 6/06/2016


3ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

2 – 10 giugno  2016

San Marino (SMR)


Double Trap – Chianese quinto per un problema tecnico dell’arma

Vince lo statunitense Richmond

Da domani in pedana lo Skeet. Semifinali giovedì 9 e venerdì 10 giugno


A vincere la gara di Double Trap della Coppa del Mondo del Titano è stato Joshua Richmond. Il bicampione del mondo statunitense, oro a Monaco 2010 ed a Granada 2014, è arrivato all’oro battendo nel gold match il tedesco Andreas Loew, Vice Campione del Mondo a Belgrado nel 2011, con lo score di 29 a 28. Stesso punteggio anche nel medal match per il bronzo tra il cinese Qiang Pan e l’australiano James Willet, chiuso con 29 a 28 a favore del primo.

Un inconveniente tecnico ha influenzato negativamente la semifinale del nostro Alessandro Chianese, rientrato tra i migliori sei con lo score di 139. Nella settimana pedana, infatti, il fucile del marinaio di Casandrino (NA) si è inceppato per un guasto all’estrattore. Dopo due tentativi andati a vuoto, l’azzurro ha avuto l’impressione che il problema fosse rientrato ed ha provato a chiamare i piattelli per la terza volta. Purtroppo per lui, l’arma ha continuato a non funzionare ed i giudici gli hanno assegnato un doppio zero, così come previsto dal regolamento della Federazione Internazionale. A questo punto Chianese ha chiamato il time out tecnico e ha deciso di continuare la semifinale con il fucile del compagno di squadra Marco Innocenti, qui in gara come MQS. Alla fine, malgrado una buona prestazione, si è dovuto accontentare della quinta posizione con 25/30.

Non in formissima gli altri due azzurri. Con 133/150 Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare (PU) si è fermato al ventesimo posto e Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina si è dovuto accontentare del ventitreesimo con 132.

Archiviato il capitolo Double Trap, da domani i protagonisti assoluti sulle pedane sanmarinesi saranno gli specialisti di Skeet.

Il DTN Andrea Benelli ha deciso di portare con se gli olimpici Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS) e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT) e completerà la squadra maschile con Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta (CE). Stessa scelta “olimpica” anche al femminile con le tiratrici olimpiche Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI) e Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD) a cui si aggregherà Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri.

Due giorni di allenamenti, domani ufficiali e mercoledì 8 giugno i Pre Event Training, e due giorni di gara, giovedì 9 e venerdì 10 giugno.



COMUNICATO STAMPA n. 80 del 06/06/2016


Campionato Europeo di Sporting

Italia quattro volte sul podio in Francia

Le squadre azzurre di Spada centrano quattro medaglie continentali


Concluso il Campionato Europeo di Sporting organizzato sulle pedane francesi di St. Lambert. Gli azzurri del Commissario Tecnico Veniero Spada tornano in patria con quattro medaglie a squadre, tra le quali l’oro ed il titolo continentale del comparto Senior.

A salire sulla vetta del podio sono stati Enrico De Tomasi di Grisignano di Zocco (VI), Samuele Sacripanti di Amelia (TR), Manrico Sani di Vinci (FI) e Michael Spada di Fabro (TR), primi con il totale di 539/800 davanti agli inglesi, secondi con 530, e ai russi, terzi con 524.

D’argento, invece, la prova dei Super Veterani Giancarlo Ciofini di Castel del Piano (PG), Enzo Gibellini di Borgosesia (VC) e Ferruccio Morelli di Livorno. I nostri tiratori si sono meritati la piazza d’onore con il totale di 455 alle spalle degli inglesi, d’oro con 467, e davanti ai francesi, terzi con 439.

Sul terzo gradino del podio anche le squadre Ladies e Junior. Per quanto riguarda le prime, Paola Cuccarolo di Villafranca Padovana (PD), Carla Flammini di Bellante (TE) e Katia Vaghi di Treia (MC) si sono meritate il bronzo con il totale di 451 alle spalle delle colleghe francesi, prime con 476, e di quelle inglesi, seconde con 464. Stesso ordine sul podio anche per gli Junior con l’oro ai francesi con il punteggio di 511, l’argento agli inglesi con 492 ed il bronzo a Simone Brussolo di Azzano Decimo (PN), Andrea Menga di Terranova Bracciolini (AR) e Alessandro Tonini di Galleno (FI) con 480.

Quarti per un solo punto i Veterani Giovanni Provenzale di Rimini (RN), Carlo Sestini di Empoli (FI) e Carlo Walter Tani di Prato (PO). Il loro 488/600 non è stato sufficiente a contrastare il 489 siglato dai portacolori del Belgio, il cui terzetto è salito sul terzo gradino alle spalle dei francesi, secondi con 504, e degli inglesi, primi con 550.

“Anche se non abbiamo conquistato medaglie individuali, sono comunque soddisfatto della prestazione dei miei tiratori – ha commentato il CT Veniero Spada – Il nostro prossimo appuntamento sarà il Mondiale e ci prepareremo al meglio per fare bene”.


COMUNICATO STAMPA n. 79 del 06/06/2016


Settore Giovanile

La carica dei 202, grande festa a Gioia del Colle

Tiratori, famiglie, tecnici e dirigenti uniti per uno spettacolo unico


Il futuro è dei giovani e nei giovani. E’ per questo che quando si assiste ad uno spettacolo come quello che è andato in scena nell’ultimo fine settimana sulle pedane del Tav Gioiese di Gioia del Colle (BA), non si può essere altro che contenti. Ben 202 giovani aspiranti campioni si sono cimentati con le pedane della società pugliese per aggiudicarsi le medaglie in palio nel 3° Gran Premio del Settore Giovanile e le qualificazioni alla Finale del Campionato Italiano 2016.

Oltre ai tanti tiratori, ben 46 in più rispetto alla stessa gara del 2015, ad affollare i campi da tiro sono stati anche i tecnici, gli istruttori, i dirigenti federali e le famiglie che hanno contribuito a rendere speciale l’evento.

Per quanto riguarda i risultati, nella classifica Junior Maschili Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA) si è reso protagonista di una prestazione eccellente, siglando un quasi perfetto 74/75 in qualificazione e portandosi a casa l’oro con 14/15 in semifinale e 14/15 nel gold match. Suo avversario nel duello finale è stato Antonio Michael Torsello di Surbo (LE), medaglia d’argento con 72, 14 e 11. Terzo sul podio Manuel D’Arpino di Ariccia (RM), perfetto nel bronze match contro Riccardo Faccani, battuto con 15 a 13.

Tra le Junior la vetta del podio è stata conquistata da Rachele Amighetti di Costa Volpino (BG), uscita vincitrice dal duello con Giulia Grassia di Modena con lo score di 12 a 10, mentre per assegnare il terzo gradino del podio è stato necessario un lungo shoot-off tra due tiratrici toscane, Diana Ghilarducci di Viareggio (LU) e Isabella Cristiani di San Giuliano Terme (PI), risolto con il punteggio finale di 12 +7 a 12 +6 a favore della prima.

Per quanto riguarda le altre qualifiche, tra gli Allievi il primo posto se lo è meritato Stefano Settimo Marino di San Vincenzo La Costa (CS) con 70/75 +3 e la sua omologa al femminile è stata Gaia Ragazzini di Lavezzola (RA) con 62 +3; tra le Giovani Speranze il primato è stato di Giovanni Antonio Sollami di Caltanissetta con 70/75 e per quanto riguarda le classifiche degli Esordienti, l’oro maschile se lo è preso Emanuele Iezzi di Manoppello con 70/75 e quello femminile Sofia Littamè di Baone (PD) con 53.

Passando allo Skeet, Edoardo Aloi è stato il miglior Junior Maschile in gara ieri. Il tiratore di Roma, portacolori dell’Esercito Italiano, con 71/75 in qualificazione, 16/16 in semifinale e 14/16 +6 nel gold match ha dominato la competizione meritandosi l’oro ai danni di Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, argento con 68, 15 e 14 +5. Terzo Valerio Palmucci, Campione del Mondo Junior in carica. Il tiratore delle Fiamme Oro di Fiano Romano è entrato in semifinale con 70/75 e, una volta entrato nel bronze match, ha avuto ragione di Lorenzo Ranieri con 13 a 12.

Al femminile, a decidere le medaglie d’oro e d’argento è stato uno spareggio. Protagoniste della lunga sfida sono state Giada Longhi di Roccaranieri (RI) e Francesca Grieco (Fiamme Oro) di Ottati (SA), che dopo aver chiuso le fasi regolamentari entrambe con 14/16, si sono affrontate nello shoot-off vinto dalla prima con +2 a +1. Terza Francesca Del Prete di Cisterna Di Latina (LT) con 14/16.

Bene anche Filippo Maria Boncompagni di San Casciano di Val di Pesa (FI), primo tra gli Allievi con 72/75, e Francesco Bernardini di Fara Sabina, migliore tra gli Esordienti con 56.

Infine, chiudiamo con il Double Trap. Sul gradino più alto del podio Junior è salito Andrea Galesso di Dolo (VE), primo con 136/150 in qualificazione 28/30 in semifinale e 26/30 nel duello per l’oro disputato contro Emanuele Buccolieri di San Pancrazio (BR), argento con 25. Terzo Eraldo Apolloni di Thiene (VI).

Le ultime due medaglie d’oro se le sono messe al collo Antonio D’Angelis di Fondi con 130/150 tra gli Allievi e Marco Carli di Agna (PD) con 99/120 tra gli Esordienti.


COMUNICATO STAMPA n. 78 del 04/06/2016


3ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

2 – 10 giugno  2016

San Marino (SMR)


Fossa Olimpica – Vince il ceco Liptak

Daniele Resca d’argento

Il carabiniere emiliano “Ho dimostrato di non avere paura delle finali”


“Chi sosteneva che non avevo gli attributi per affrontare con carattere le finali, adesso dovrà ricredersi” E’ stato questo il commento a caldo di Daniele Resca subito dopo aver centrato la medaglia d’argento nella terza Prova di Coppa del Mondo a San Marino. Il carabiniere di Pieve di Cento (BO), già medaglia d’argento ad Acapulco nel 2010 e di bronzo nel 2014 a Pechino, si è reso protagonista di una bella gara, meritandosi la semifinale con un buon 121/125 e conquistando il gold match con 13/15 e +4 nello shoot-off che lo ha visto contrapposto a campioni del calibro del ceco Jiri Liptak, del russo Alexey Alipov e dello spagnolo Alberto Fernandez per l’accesso al duello più importante. Alla fine dello spareggio il suo avversario nella corsa alla vetta del podio è stato il tiratore di Brno, bronzo mondiale a Monaco nel 2010, arrivato all’oro con il punteggio di 12 a 10 a danno dell’azzurro.

“Le condizioni atmosferiche non hanno aiutato la competizione ed i continui cambiamenti di luce hanno condizionato non poco le prestazioni di tutti. Poteva andare meglio, ma sono comunque molto contento di questo argento. Ho lavorato tanto per farmi trovare pronto nel caso di una chiamata del CT. A lui, all’Arma, ai miei sponsor ed alla Federazione va il mio grazie per il sostegno e la fiducia dimostrata nei miei confronti”.

Sul podio anche Alipov, Campione Olimpico di Atene 2004 e bronzo a Pechino 2008, medaglia di bronzo grazie al 13 a 11 rifilato a Fernandez, Campione del Mondo ed Europeo nel 2010.

Non brillante la prestazione di Luca Miotto e Jacopo Cipriani, entrambi in forza ai Carabinieri. Il primo, bresciano di Ciliverghe, con tre 23/25 e due 24/25 non è salito oltre il 117/125 che l’ha portato in ventiseiesima posizione, mentre il secondo, toscano di Firenze, con 110/125 si è arenato al settantottesimo posto.

“Daniele (Resca, ndr) ha fatto una bellissima gara e sono contento della sua prestazione – ha commentato il DTN Albano Pera – Per quanto riguarda gli altri due tiratori, hanno sofferto un po’ e non si sono espressi come avrebbero dovuto, nettamente al di sotto delle loro reali possibilità. Per quanto riguarda le ragazze (in gara ieri, ndr), Silvana Stanco ha fatto una buona gara e malgrado la partenza in salita è arrivata allo spareggio di ingresso alla semifinale. Deludente la prestazione di Deborah Gelisio e di Alessia Montanino. Non sono affatto contento dell’atteggiamento con cui hanno affrontato questa gara. Una Coppa del Mondo prevede un impegno maggiore, di cui entrambe, in passato, hanno dimostrato di essere capaci”.

Domani le pedane sanmarinesi ospiteranno gli allenamenti ufficiali di Double Trap. Cinque serie in cui gli atleti potranno prendere tutti i riferimenti per affrontare al meglio la competizione di lunedì 6 giugno. Per l’Italia il CT Mirco Cenci ha scelto di schierare in pedana Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina (LT) e Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare (PU). In gara anche lo Junior Jacopo Dal Moro (Fiamme Oro) di Selvazzano Dento (PD), in pedana per la classifica degli MQS (Minimum Quota Score) insieme ai tiratori olimpici Marco Innocenti di Montemurlo (PO) e Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe, qui per un allenamento.


COMUNICATO STAMPA n. 77 del 03/06/2016


3ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

2 – 10 giugno  2016

San Marino (SMR)


Fossa Olimpica – Stanco fuori dalla semifinale allo shoot-off

A San Marino vince l’australiana COX

Tra gli uomini bene Resca con il secondo miglior punteggio,

domani semifinale dalle ore 15.45


Il primo oro della Coppa del Mondo del Titano vola in australiana con Emma Elizabeth Cox. La Dopo l’oro centrato nel 2013 nei Campionati dell’Oceania, la ventiquattrenne ha dominato la gara fi Fossa Olimpica Femminile in tutte le sue fasi con 73/75 in qualificazione, 12/15 +1 in semifinale e 13/15 nel medal match che l’ha vista contrapposta all’americana Corey Cogdell, medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Pechino 2008. Con loro sul podio la francese Carole Cormenier, uscita vincitrice dal duello con la cinese Jingyu Zhu con lo score di 13 a 12

Fuori dalla semifinale allo spareggio Silvana Stanco. L’italiana residente in svizzera, portacolori delle Fiamme Gialle, ha iniziato la competizione con un non brillantissimo 21/25, poi recuperato con i successivi 25 e 24 che l’hanno spina fino al totale di 70/75. Stesso punteggio anche per la statunitense Corey Cogdell, sua avversaria nello spareggio di ingresso in semifinale, poi rientrata tra le migliori sei con +3 a +2.

Lontane dalla serie decisiva le altre due azzurre in gara. Alessia Montanino (Fiamme Oro) di Palma Campania (NA) non ha sfondato il muro del 23/25, fermandosi al totale di 67/75 in diciassettesima posizione, mentre Deborah Gelisio (Forestale) di Mel (BEL) non è andata oltre il trentesimo posto con 65.

Per quanto riguarda il comparto maschile, impegnato oggi nelle prime due serie di gara, a guidare la classifica provvisoria è lo spagnolo Alberto Fernandez, unico tiratore ad aver chiuso la giornata con un percorso netto di 50/50. Buona la prestazione del nostro Daniele Resca. Il carabiniere di Pieve di Cento (BO) ha commesso un solo errore e domani si presenterà all’appuntamento con le ultime tre serie di gara con un quasi perfetto 49/50. Leggermente in ritardo rispetto ai leaders della classifica odierna gli altri due azzurri. Luca Miotto (Carabinieri) di Ciliverghe (BS) si è fermato a quota 46/50, mentre Jacopo Cipriani (Carabinieri) di Firenze non è salito oltre 44/50.

Domani la semifinale maschile è prevista a partire dalle ore 15.45.


COMUNICATO STAMPA n. 76 del 01/06/2016


Sporting

Azzurri di Spada in Francia per l’Europeo

Oggi Cerimonia di aperura, da domani a domenica la gara


Lo Sporting celebra il Campionato Europeo 2016 in Francia, nella località di St. Lambert. Oggi alle 18.00 ci sarà la Cerimonia di Apertura, ma le gare inizieranno domani e dureranno fino a domenica 5 giugno con circa 750 tiratori in rappresentanza di 38 nazioni. .

Diciassette quelli scelti scelti dal CT Veniero Spada che affronteranno i 200 piattelli della competizione. Tra i Senior ci Saranno Enrico De Tomasi di Grisignano di Zocco (VI), Samuele Sacripanti di Amelia (TR), Manrico Sani di Vinci (FI), Michael Spada di Fabro (TR). Nel comparto Ladies i nostri colori verranno difesi da Paolo Cuccarolo di Villafranca Padovana (PD), Carla Flammini di Bellante (TE) e Katia Vaghi di Treia (MC), mentre tra gli Junior ci saranno Simone Brussolo di Azzano Decimo (PN), Andrea Menga di Terranova Bracciolini (AR), Alessandro Tonini di Galleno (FI) e Michael Nesti di Pistoia (PT). Infine, per le classifiche dei Veterani competeranno Giovanni Provenzale di Rimini (RN), Carlo Sestini di Empoli (FI) e Carlo Walter Tani di Prato (PO) e per quella dei Master Giancarlo Ciofini di Castel del Piano (PG), Enzo Gibellini di Borgosesia (VC)  e Ferruccio Morelli di Livorno.


COMUNICATO STAMPA n. 75 del 01/06/2016


3ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

2 – 10 giugno  2016

San Marino (SMR)


A San Marino al via la Coppa del Mondo

Gare da venerdì 3 a venerdì 10 giugno. Si parte con il Trap


Domani prende il via a San Marino la terza Prova di Coppa del Mondo ISSF 2016. In totale saranno 387 i tiratori provenienti da 71 nazioni che si misureranno con i piattelli dell’impianto del Mone Titano.

Le gare saranno inaugurate dalla Fossa Olimpica, la cui competizione si celebrerà venerdì 3 e sabato 4 giugno. In gara per l’Italia, convocati dal Direttore Tecnico Nazionale Albano Pera, ci saranno Jacopo Cipriani (Carabinieri) di Firenze (FI), Luca Miotto (Carabinieri) di Ciliverghe (BS), Daniele Resca (Carabinieri) di Cento (BO) per il comparto Senior e Deborah Gelisio (Forestale) di Mel (BL), Alessia Montanino (Fiamme Oro) di Palma Campania (NA) e Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI) per quello delle Ladies.

Domenica 5 giugno sarà la volta degli allenamenti ufficiali del Double Trap, i cui specialisti gareggeranno lunedì 6 giugno. Per l’occasione il Direttore Tecnico Nazionale ha scelto di schierare in pedana Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina (LT) e Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare ( (PU). In gara anche lo Junior Jacopo Dal Moro (Fiamme Oro) di Selvazzano Dento (PD), in pedana per la classifica degli MQS (Minimum Quota Score).

L’onore della chiusura spetterà allo Skeet, che già da mercoledì 8 giugno dovrà affrontare i Pre Event Training ai quali seguiranno le gare nelle giornate di giovedì 9 e venerdì 10 giugno. Il DTN Andrea Benelli ha deciso di portare con se gli olimpici Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS) e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT) e completerà la squadra maschile con Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta (CE). Stessa scelta “olimpica” anche al femminile con le tiratrici olimpiche Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI) e Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD) a cui si aggregherà Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri.


COMUNICATO STAMPA n. 74 del 30/05/2016


8th Junior Cup – Orimattila (FIN)

Italia su tutti nello Skeet e nella Fossa Maschile

Gli azzurrini centrano tre ori ed un argento


L’ottava edizione della Junior Cup di Orimattila (FIN) si chiude con i fuochi d’artificio per la delegazione italiana. Gli azzurrini di Fossa Olimpica e Skeet festeggiano la conclusione delle gare con due ori a squadre e con due medaglie individuali, l’oro di Cristian Ciccotti nello Skeet e l’argento di Nicholas Marcellini nella Fossa Olimpica.

Partendo proprio da quest’ultimo, il portacolori dei Carabinieri originario di Le Grazie di Portovenere (SP) si è qualificato tra i primi sei tiratori con 115/125, miglior punteggio di giornata, e si è poi qualificato per il gold match con un quasi perfetto 14/15. Nel duello per l’oro il suo avversario è stato l’indiano Manavadity Rathore, che con il finale di 11 a 10 si è preso l’oro lasciando l’argento al nostro tiratore. Con i due sul podio anche il finlandese Eemil Pirttisalo. Bravo Simone Spina di Ascoli Piceno, entrato in semifinale con 114 e poi attestatosi in quinta posizione con 12 +0+1. Degna di menzione la prestazione di Jacopo Dal Moro (Fiamme Oro) di Selvazzano Dentro (PD), abitualmente impegnato nelle gare di Double Trap, che si è cimentato nella specialità della Fossa Olimpica guadagnandosi un dignitosissimo ottavo posto. Il suo prezioso apporto ha contribuito alla vittoria italiana nella classifica a squadra, in cui gli azzurrini si sono meritati l’oro con il totale di 338/375 davanti ai padroni di casa finlandesi, secondi con 323, ed agli indiani, ter5zi con 318.

Passando allo Skeet, come anticipato Cristian Ciccotti, tiratore romano in forza elle Fiamme Oro, è salito sulla vetta del podio con una bella prova di carattere. Entrato in semifinale con 118/125, ha proseguito la sua corsa verso l’oro con due quasi perfetti 15/16, il primo siglato nella serie di accesso ai medal match ed il secondo nel duello che l’ha contrapposto all’indiano Anant Jeet Naruka, argento con 14. Peccato per Matteo Chiti (Forestale) di Pistoia, arrivato alla quarta posizione dopo aver perso lo scontro diretto con l’indiano Arjun Mann per 14 a 11.

In ogni caso Chiti si è consolato con l’oro a squadre, conquistato insieme a Ciccotti ed a Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano (RM), autori di un complessivo 351/375. Dietro di loro i padorni di casa finlandesi con 349 e gli indiani con 343.

Il prossimo appuntamento con le gare internazionali Junior sarà in Italia, a Porpetto dal 22 al 24 luglio, con il 13° Grand Prix Internazionale Juniores, tappa dell’8ª Shotgun Cup.


COMUNICATO STAMPA n. 73 del 29/05/2016


Fazz’a Italian Green Cup – Oro per l’egiziano Mehelba

Emanuele Fuso di bronzo nello Skeet

Chiude i battenti la sesta edizione della Fazz’a Italian Green Cup


La gara di Skeet della Fazz’a Italian Green Cup regala l’ennesima medaglia individuale all’Italia. A portare in alto la nostra bandiera è stato l’umbro Emanuele Fuso. Il tiratore del Gruppo Sportivo dell’Esercito di Spello (PG), medaglia d’argento ai Giochi Mondiali Militari dello scorso anno in Korea, si è meritato l’accesso al medal match per il bronzo con 123/125 in qualificazione e con 15 +3 in semifinale. Nello scontro a due il suo avversario è stato il compagno di squadra azzurra Riccardo Filippelli, vincitore della Prova di Coppa del Mondo di Almaty nel 2014, regolato con un netto 15 a 11.

Davanti a lui sul podio l’egiziano Azmy Mehelba, medaglia di bronzo al Mondiale di Granada 2014, unico tiratore ad aver centrato l’en-plein in qualificazione con un perfetto 125/125, arrivato all’oro con un altrettanto perfetto 16/16 nel duello che l’ha contrapposto all’inglese Ben Llewellin, argento con 12.

Tra gli Junior il migliore in pedana è stato Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN), oro grazie al 14 a 12 con cui si è imposto sul ceco Zdenek Otruba. Sul podio anche Leonbruno Cavaliere di (Fiamme Oro) di Roma con 13 a 11 contro il ceco Daniel Korcak.

Tutto azzurro il podio della classifica No ID, riservata ai tiratori non ancora iscritti negli elenchi della Federazione Internazionale di Tiro ISSF. Ad aggiudicarsi le medaglie sono stati Jacopo Di Grazia (Vigili del Fuoco) di Montecatini Terme, oro con 15 a 10 su Marco Calafiore di Roma, argento, e Maurizio Carrara di Pistoia.

Italiano anche il dominio del podio a squadre. A meritarsi la vetta sono stati Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia, Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT) e Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta, oro con il totale di 367/375. Alle loro spalle l’argento se lo sono messi al collo i colleghi Benet, Giancarlo Tazza (Fiamme Oro) di Caserta e Marco Sablone (Fiamme Oro) di Roma, autori di un complessivo 359. Sul terzo gradino è salito il terzetto formato dall’egiziano Mehelba e da Nasser Al Attya e Rashid Hamad, entrambi del Qatar, con 358.

“E’ stata davvero una bella gara, sia dal punto di vista tecnico che da quello della partecipazione – ha spiegato il Direttore Tecnico Nazionale dello Skeet Andrea Benelli – Anche l’organizzazione è stata ineccepibile. Abbiamo trovato un ambiente pronto ad ospitare manifestazioni così importanti. Faccio i miei complimenti a chi ha lavorato in questo impianto negli ultimi anni, in particolare al Presidente della Società Giuliano Proietti ed al suo staff, a cui va il merito di aver creato una realtà degna delle maggiori gare internazionali”.

Chiude così la sesta edizione della Italian Green Cup, organizzata per il terzo anno consecutivo con il Fazz’a Shooting Team del Crowne Prince di Dubai, che quest’anno ha portato in Umbria quasi 400 trai migliori tiratori del panorama internazionale da 43 Paesi, totalizzando oltre 760 iscrizioni alle diverse gare inserite nel programma e oltre mille presenze.

Appuntamento al prossimo anno con la settima edizione di una gara che, in breve tempo, è diventata una tappa fissa del calendario mondiale.


COMUNICATO STAMPA n. 72 del 29/05/2016


8th Junior Cup – Orimattila (FIN)

Sessa d’argento nella Fossa Olimpica femminile

Oggi semifinali maschili. In testa Ciccotti nello Skeet e Antonini nel Trap


La prima medaglia italiana nella ottava edizione della Junior Cup in svolgimento ad Orimattila (FIN) è arrivata per mano di Erica Sessa (Fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni (SA). L’azzurrina è stata la migliore delle qualificazioni con lo score di 65/75 e con il successivo 12/15 +1 si è meritata un pass per il gold match. Nel duello per l’oro ha affrontato l’indiana Kirti Gupta e alla fine di un continuo alternarsi al comando dovuto a molti errori, le due hanno chiuso con 9 a 8 a favore dell’indiana.

Alla nostra tiratrice resta comunque la soddisfazione dell’argento, sua prima medaglia in ambito internazionale.

Sul podio anche la russa Nataliya Chistova, medaglia di bronzo dopo aver regolato la connazionale Anna Zhemkova con 12 a 10.

Ieri in gara anche i comparti maschili di Trap e Skeet. A guidare la classifica provvisoria della Fossa Olimpica è Nicholas Antonini (Carabinieri) di Le Grazie di Portovenere (SP), primo con 47/50 insieme al norvegese Martin Larsen Siemensen, mentre nello Skeet la leadership è nelle mani di Cristian Ciccotti (Forestale) di Roma, in testa insieme al finlandese Timi Vallioniemi con 49/50.

Oggi i tiratori affronteranno le ultime tre serie di qualificazione a cui seguiranno semifinali e medal matches.



COMUNICATO STAMPA n. 71 del 28/05/2016


Fazz’a Italian Green Cup

Oro per Mosin nel Double

e per la Jiewchaloemmit nello Skeet

Nella classifica provvisoria di Skeet Maschile guidano Cassandro e Filippetti


La Fazz’a Italian Green di Double Trap se l’è aggiudicata il russo Vasily Mosin, mentre quella di Skeet Femminile è andata alla tailandese Sutiya Jiewchaloemmit.

Iniziando dal Double Trap, il medico russo di Kazan, medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Londra 2012, è salito sulla vetta del podio con un perfetto 30/30 rifilato al maltese William Chetcuti, oro nella Coppa del Mondo di Pechino 2011, argento con 28. Punteggi identici anche nel medal match per il bronzo, vinto dal tedesco Andreas Loew  vice Campione del Mondo a Belgrado nel 2011, contro l’inglese Steven Scott, medaglia di bronzo al Mondiale di Granada nel 2014.

In semifinale anche l’azzurro Marco Innocneti di Montemurlo. Il toscano, scelto dal CT Mirco Cenci per rappresentare l’Italia ai Giochi di Rio 2016, è entrato in semifinale con lo score di 142/150 e con il 26/30 della serie decisiva si è dovuto accontentare del sesto posto.

Tra gli Junior il migliore in pedana è stato il maltese Nathan Lee Xuereb, oro dopo aver regolato con 29 a 23 l’azzurro Emanuele Buccolieri di San Pancrazio (BR), tornato in puglia con la medaglia d’argento. Terzo sul podio l’inglese Conner Gorsuch, bronzo grazie al 27 a 26 con cui si è aggiudicato il duello con Jacopo Dupre’ De Foresta (Fiamme Oro) di Montepulciano (SI).

Menzione di merito per Daniele Agostini di Roma, vincitore della classifica dei NO ID con lo score di 128/150 in qualificazione, 27/30 in semifinale e 28/30 nel gold match disputato contro l’inglese Chris Jarrat.

L’ultimo trofeo del Double Trap è stato quello delle squadre. Ad aggiudicarsi il primo posto è stato il terzetto composto dai tedeschi Andreas Loew, Michale Goldbrunner e dal Russo Vasily Mosin, autori di un complessivo 435/450.Con 420 l’argento è andato allo statunitense Walton Eller, all’inglese Steven Scott e all’australiano James Willet, mentre sul terzo gradino del podio sono saliti gli azzurri Marco Innocenti, Andrea Vescovi e Davide Gasparini con 412.

Passando allo Skeet Femminile, ad alzare il trofeo è stata la tailandese Sutiya Jiewchaloemmit. Entra in semifinale con lo score di 70/75, la fresca vincitrice della Prova di Coppa del Mondo di Rio de Janeiro è approdata al gold match con un spareggio ed il punteggio di 13+2. Nello scontro diretto ha affrontato la cilena Francisca Crovetto Chadid e non ha avuto problemi ad imporsi con 14 a 12. Terza l’azzurra Simona Socchetti (Esercito), umbra di nascita e laziale di adozione. Per arrivare al bronzo la Vice Campionessa del Mondo a Lima 2013 ha dovuto battere la tedesca Katrin Wieselhuber con un netto 14 a 11.

Il podio a squadre ha visto primeggiare il team formato dalla Crovetto, dallla tailandese Jiewchaloemmit e dalla russa Olga Panarina, prime con 209/225. Con loro sul podio anche le azzurre Katiuscia Spada, la Socchetti e Chiara Di Marziantonio, seconde con 207, e le tedesche Weselhuber, Christine Wenzel e Nadine Masserschmidt, terze 206.

Ad assistere alle gare un parterre d’eccezione. Insieme al Presidente della Fitav Luciano Rossi anche il Prefetto Francesco Paolo Tronca, Commissario Straordinario di Roma, e l’Ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti in Italia Saqer Nasser, Ahmed, Abdullah Alraisi,

“Mi fa molto piacere essere qui oggi – ha commentato il Prefetto – Sono molto legato sia a questa terra, che ha ospitato i miei studi, sia alla Federazione ed al Presidente Rossi, con il quale ho una grandissima amicizia che dura da anni. Ho grandissimo rispetto di lui e del suo operato come Senatore della Repubblica e come Presidente della Federazione”.

Molto positiva anche la valutazione dell’Ambasciatore Alraisi “Questa competizione, organizzata in collaborazione con il Fazz’a Shooting Team del Crown Prince di Dubai sta crescendo moltissimo, sia in termini numerici che qualitativi. Non solo ci sono qui tiratori di 43 Paesi, ma molti di loro si stanno preparando per i prossimi Giochi Olimpici, accreditandola come un appuntamento di rilievo nel panorama internazionale. Inoltre, voglio sottolineare come questo tipo di manifestazioni siano importanti al fine di cementare i rapporti, peraltro già eccellenti, tra il mio Paese e l’Italia. Sicuramente la collaborazione continuerà anche in futuro”.

Oggi sulle pedane del Tav Umbriaverde hanno gareggiato anche gli specialisti di Skeet Maschile. Dopo le prime due serie la classifica riservata ai tiratori della categoria ID (Intenrational Identification Number) è guidata dagli azzurri Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta e da Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia, perfetti con 50/50. Come loro solo l’inglese Ben Llewellin e l’egiziano Azmy Mehelba. Primato italiano anche nel comparto Junior, con l’en-plein di Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN), ed in quello dei NO ID, con il 49/50 di Marco Calafiore di Roma.

Domani la Fazz’a Italian Green Cup si concluderà con le ultime tre serie di qualificazione per lo Skeet Maschile e la semifinale, in programma a partire dalle ore 17.30.



COMUNICATO STAMPA n. 70 del 26/05/2016


Settore Giovanile – Dal Moro quarto

Ad Orimattila nel Double vince Yukhimenko

Sabato e domenica in gara Fossa Olimpica e Skeet


L’International Junior Cuop di Orimattila ha incoronato come re del Double Trap giovanile il russo Vlacheslav Yukhimenko, salito sul podio con altri due connazionali. Uno strapotere insediato solo dall’azzurrino Jacopo Dal Moro di Selvazzano Dentro (PD), arrivato a disputare il bronze match con Kamil Khusaenov. Il giovane portacolori delle Fiamme Oro, entrato in semifinale con il punteggio di 127/150 e approdato allo scontro diretto con 24/30 +2, ha retto bene il confronto con l’avversario, quarto classificato al Mondiale Junior dello scorso anno a Lonato del Garda, ma alla fine il risultato non gli è stato propizio. Con 26 a 25 la medaglia è andata al collo del russo, mentre il nostro si è dovuto accontentare del quarto posto assoluto. Davanti a Khusaenov sul podio Yukhimenko oro con 134/150, 25/30 e 28/30, e Danil Zimarev, argento con 132, 27 e 27.

Domani le pedane finlandesi ospiteranno gli allenamenti ufficiali di Trap e Skeet, i cui specialisti gareggeranno sabato e domenica.

Per l’Italia ci saranno Nicholas Antonini (Carabinieri) di Le Grazie di Portovenere (SP), Simone Spina di Ascoli Piceno (AP) ed Erica Sessa (Fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni (SA) per la Fossa Olimpica e Matteo Chiti (Forestale) di Pistoia (PT), Cristian Ciccotti (Forestale) di Roma e Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano per lo Skeet.


COMUNICATO STAMPA n. 69 del 25/05/2016


Fazz’a Italian Green Cup di Trap – Il viterbese si impone sull’inglese Ling

Oro per Valerio Grazini

Tra gli Junior oro per Marongiu. Sabato in gara Double e Skeet


Ad aggiudicarsi la sesta Italian Green Cup di Trap Maschile è stato Valerio Grazini. L’agente Forestale di Viterbo, medaglia d’argento alla Finale di Coppa del Mondo di Abu Dhabi nel 2013 ed indicato dal Direttore Tecnico Albano Pera come riserva per i Giochi di Rio 2016, è stato il più forte delle qualificazione entrando in semifinale con lo score di 123/125, come lui solo il collega azzurro Fabio Sollami di Caltanissetta e l’inglese Edward Ling, Vice Campione del Mondo nel 2014 a Granada. Con il successivo 12/15 + 5 Grazini ha poi staccato un biglietto per il duello per l’oro in cui ha affrontato proprio l’inglese. Uno scontro tra due tiratori di livello, entrambi determinati a non concedere alcun vantaggio all’avversario, deciso solo al nono turno di tiro quando l’inglese ha commesso il primo errore scoprendo il fianco all’azzurro. A questo punto Grazini ha amministrato il vantaggio, vincendo il match con il punteggio finale di 13 a 12. Sul podio anche Oronzo Rochira di Ostui (BR), oro nella Coppa delle Nazioni del 2015, perfetto nel bronze match disputato contro Sollami e vinto con un perfetto 15/15.

Nel comparto Junior il migliore in pedana è stato Matteo Marongiu (Forestale) di Sassari, entrato in semifinale con 115/125 e poi qualificato per il duello per l’oro con 14/15. Nello scontro diretto il suo avversario è stato Giuli Nelli di Calci (PI), regolato con un netto 14 a 12. La medaglia di bronzo è stata conquistata da Lorenzo Buratta di Penna in Teverina (TR), che con 13 a 12 ha avuto ragione di Nino Cuomo di Cancello ed Arnone (CE).

Menzione di merito per Franco Felici di Bastardo (PG), di casa sulle pedane del Tav Umbriaverde, oro nel comparto dei No ID (tiratori non in possesso del numero identificativo della Federazione Internazioanle ISSF). Per arrivare alla vetta l’umbro si è qualificato alla semifinale con 116/125 ed ha poi centrato il gold match con 14/14. Ad ostacolare la sua corsa alla vetta ci ha provato Carlo Angelantoni di Todi, battuto con 11 a 10.

Per quanto riguarda la classifica a squadre, l’oro ed il trofeo se lo sono aggiudicati Oronzo Rochira, Carlo Angelantoni e Marcello Tittarelli, portacolori del Tav Umbriaverde, con il totale di 363 punti su 375. Con loro sul podio anche due squadre di tiratori azzurri. Al secondo posto si sono piazzati Valerio Grazini, Simone Lorenzo Prosepri ed Erminio Frasca con 356, mentre al terzo sono arrivati Daniele Resca, Jacopo Cipriani e Luca Miotto con 354.

Domani e dopodomani le gare si fermeranno per lasciare spazio agli allenamenti di Double Trap e Skeet e riprenderanno sabato 28 maggio.


COMUNICATO STAMPA n. 68 del 25/05/2016


Settore Giovanile

Azzurrini in Finlandia per la Junior Cup

Domani in gara il Double Trap, sabato e domenica Skeet e Trap


Inizia oggi con gli allenamenti ufficiali di Double Trap la International Junior Shotgun Cup di Orimattila (FIN), che fino a domenica 29 maggio porterà in Finlandia i migliori tiratori Junior di Fossa Olimpica, Skeet e Double Trap.

Setti gli azzurrini impegnati in pedana con la supervisione del Tecnico Christian Eleuteri. Il primo ad essere impegnato in gara sarà Jacopo Dal Moro (Fiamme Oro) di Selvazzano Dentro (PD), ce domani affronterà i 150 piattelli di qualificazione e l’eventuale semifinale.

Venerdì 27 l’impianto dell’Orimattila Shooting Club sarà tutto dedicato agli allenamenti ufficiali di Trap e Skeet, in gara sabato 28 e domenica 29 maggio.

Per l’Italia ci saranno Nicholas Antonini (Carabinieri) di Le Grazie di Portovenere (SP), Simone Spina di Ascoli Piceno (AP) ed Erica Sessa (Fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni (SA) per la Fossa Olimpica e Matteo Chiti (Forestale) di Pistoia (PT), Cristian Ciccotti (Forestale) di Roma e Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano per lo Skeet.


COMUNICATO STAMPA n. 67 del 22/05/2016


Fazz’a Italian Green Cup di Trap – Argento Raffaelli, bronzo Mazzocchi

Vince la sanmarinese Alessandra Perilli

Al maschile conduce l’egiziano Kamar. Domani semifinale maschile alle 17.30


Dopo la già ottima apertura con l’Umbria Cup dello scorso fine settimana, entra nel vivo la sesta edizione della Italian Green Cup, per il terzo anno consecutivo organizzata dal Tav Umbriaverde in collaborazione con il Fazz’a Shooting Team del Crown Prince di Dubai, lo Sceicco Hamdan Bin Mohammed Bin Rashid Al Maktoum.

In gara quasi 400 tiratori in rappresentanza di 42 Nazioni, per un totale di oltre mille persone tra staff e tecnici presenti nell’impianto di località Sant’Arnaldo.

In palio oggi il trofeo della Fossa Olimpica Femminile, alzato dalla sanmarinese Alessandra Perilli, vincitrice della Finale di Coppa del Mondo del 2015 a Nicosia (CYP). Entra in semifinale con 70 +3 in qualificazione, la tiratrice che rappresenterà la sua nazione ai Giochi di Rio il prossimo agosto ha strappato un biglietto per il gold match con 11/15 +3, trovandosi a duellare con l’azzurra Valeria Raffaelli (Fiamme Oro) di Morgano (TV), Vice Campionessa del Mondo Junior nel 2014 a Granada (ESP). Nello scontro per l’oro la nostra portacolori è partita con il piede sbagliato, mancando i primi due piattelli, e la Perilli non ha avuto grossi problemi a far pesare la maggiore esperienza in campo internazionale, meritandosi l’oro con 13 a 11.

Sul podio anche l’azzurra Daniela Mazzocchi di Sangiano (VA), vincitrice per 12 a 9 del match per il bronzo disputato contro la neozelandese Natalie Ellen Rooney, medaglia di Bronzo nella Coppa del Mondo di Acapulco nel 2015.

Nella classifica a squadre l’oro è stato del terzetto formato dalle sanmarinesi Alessandra ed Arianna Perilli e dalla spagnola Fatima Galvez, prime con il totale di 208. Alle loro spalle sul podio anche l’equipe foramta dalle inglesi Charlotte Kerwood e Sarh Wixey e dalla cipriota Georgia Konstantinnidou, medaglia d’argento con 204. Lo stesso punteggio, ma peggior ultima serie, ha garantito il bronzo dal team autonominatosi Bull’s Eye e composto dalla neozelandese Rooney, dall’australiana Laetisha Scanlan e dalla libanese Ray Bassil.

In pedana oggi anche il comparto maschile per i primi 50 piattelli di qualificazione. A condurre la classifica provvisoria dei tiratori con ID (numero identificativo della federazione internazionale di tiro ISSF) è l’egiziano Ahmed Kamar, medaglia d’argento ai Campionati Africani del 2015 ai Il Cairo, perfetto con 50/50. Tra i non ID il primato spetta a Carlo Angelantoni di Todi con 49, mentre tra i giovani il migliore di giornata è stato l’azzurro Simone D’Ambrosio di Crispano (NA), Campione del Mondo di Fossa Universale nel 2013 e dal 2015 nazionale junior di Trap.

Domani la gara di Fossa Olimpica Maschile proseguirà con altri 75 piattelli di qualificazione, la semifinale ed i medal matches. La semifinale è prevista per le 17.30.


COMUNICATO STAMPA n. 66 del 22/05/2016


La squadra con il maggior numero di tiratori

Il Tiro a Volo si presenta per Rio

Italia 9 carte olimpiche, Stati uniti e Australia 7, Russia ed Inghilterra 6, Cina 5


Il Tiro a Volo presenta ufficialmente la Squadra che parteciperà ai Giochi della XXXI Olimpiade estiva. A fare da padrino alla Conferenza Stampa di questa mattina a Roma è stato il Presidente del Coni Giovanni Malagò, accompagnato dal Segretario Generale Roberto Fabbricini. “Siete come una grande famiglia che rappresenta tutti, dal ragazzino al debutto come Gabriele (Rossetti, ndr), alle mamme agguerrite come Diana e Chiara (Bacosi e Cainero, ndr), da una grande campionessa come Jessica (Rossi, ndr) al veterano Johnny (Giovanni Pellielo, ndr). Una bella eccellenza italiana”

“Siamo la squadra che si presenta all’appuntamento olimpico con il maggior numero di tiratori e, indubbiamente, quella da battere. Ma noi ci prepariamo a questo appuntamento con la stessa umiltà di sempre e con il massimo rispetto delle pedane, consapevoli di aver fatto tutto quello che è in nostro potere per ben figurare” ha dichiarato il Presidente Luciano Rossi.

Protagonisti assoluti della giornata sono stati, comunque, i nove Tiratori ed i tre Commissari Tecnici.

Iniziando dalla Fossa Olimpica, a portare la bandiera della squadra è Giovanni Pellielo di Vercelli, quattro volte Campione del Mondo e tre volte medagliato olimpico. “Sono alla mia settima olimpiade e sette è il numero che c’è sulla divisa olimpica. Magari alla prossima ci metteranno un bell’otto”. In pedana con lui ci sarà Massimo Fabbrizi di Monteprandone (AP), bicampione del Mondo e argento a Londra 2012, che alla domanda su quale fosse il suo obietti per i Giochi di Rio ha risposto “punto all’oro, ma per me va bene anche qualunque altra medaglia”.

A completare il terzetto sarà Jessica Rossi di Crevalcore, Campionessa Olimpica in carica e determinata a difendere il titolo conquistato a Londra. “Dopo due anni in chiaroscuro ho ripreso pienamente il controllo. Ho iniziato a vincere presto ed ho continuato a farlo ininterrottamente fino al 2013. Quando sono arrivate le prime delusioni non è stato semplice accettarle e capire che, malgrado l’impegno e la determinazione che si mettono nella propria attività, la vita di tutti gli atleti è fatta di alti e bassi. Adesso sono tornata al comando e darò il massimo per dimostrarlo”.

“Ci presenteremo a Rio per fare bene, come abbiamo sempre fatto in ogni occasione – ha dichiarato il CT Albano Pera – Vince chi rompe più piattelli, anche se sono duri come quelli che abbiamo trovato alla Preolimpica. Al test event siamo stati presi di sorpresa. Ai Giochi non sarà così”.

Passando allo Skeet, a difendere i colori azzurri al maschile saranno Luigi Agostino Lodde di Ozieri (SS) e Gabriele Rossetti di Ponte Buggianese (PT). Il primo pensiero del tiratore sardo, bicampione europeo e quinto classificato a Londra 2012, è stato per il compagno di squadra Valerio Luchini, inizialmente indicato come componente della squadra olimpica e poi ritiratosi per problemi personali “ A Rio dovrò fare bene per me e per lui ed intanto gli mando un grande abbraccio”.

Molto sicuro di se il giovane toscano, lo scorso anno medaglia di bronzo al mondiale senior e vincitore della Finale di Coppa del Mondo. “Posso contare sull’esperienza tramandatami da mio padre Bruno (medaglia di bronzo ai Giochi di Barcellona 1992) e da Andrea (Benelli, oro ad Atene 2004). Sarà sicuramente una esperienza travolgente, ma resto concentrato sulla gara”.

Al femminile potremo contare su due mamme agguerrite come Chiara Cainero di Cavalicco di Tavagnacco, Campionessa Olimpica di Pechino 2008, e Diana Bacosi, oro nelle Coppe del Mondo di Al Ain e Larnaca nel 2015 e argento ai primi Giochi Europei di Baku. Per entrambe l’essere atleta di alto livello deve coniugarsi con la gestione della famiglia “Siamo super organizzate e abbiamo una carica eccezionale” hanno detto prima di dichiararsi pronte a tirare fuori tutta la loro grinta ed a vendere cara la pelle.

“Ho la fortuna di lavorare con un gruppo eccezionale – ha commentato il CT Andrea Benelli – Arriveremo in Brasile all’inizio di agosto e ci alleneremo a Valencia, un piccolo centro a circa tre ore da Rio, in modo da affinare la preparazione e arrivare all’appuntamento con la gara al top della forma”.

Su un veterano e su un debuttante potrà contare il CT del Double Trap Mirco Cenci “Sono entrambi tiratori molto forti e, insieme a Di Spigno, Chianese e Gasperini compongono una squadra che mi ha data davvero grandi soddisfazioni”. A calcare le pedane dell’Olympic Shooting Centre di Deodoro saranno Marco Innocenti di Montemurlo e Antonino Barillà di Villa San Giusppe (RC).

Il primo ha iniziato la sua carriera ormai oltre vent’anni orsono. Il suo primo risultato di prestigio fu il titolo di Campione Europeo Juniores centrato a Sipoo nel 1996. “Vincendo la carta olimpica lo scoro anno in Coppa del Mondo ad Al Ain ho dimostrato di avere ancora qualcosa di tire in questo sport. Questa sarà la mia terza olimpiade e spero di celebrarla con una medaglia”.

Al suo debutto, invece, il calabrese, vice Campione del Mondo a Granada nel 2014 e oro nella Coppa del Mondo di Larnaca nel 2015. “Sono onorato di poter dimostrare il mio valore in una appuntamento importante come l’Olimpiade. Sono nato su un campo di tiro a volo e questo sport rappresenta la mia vita e la mia professione, per questo ne ho un rispetto infinito”.

Le gare di Tiro a Volo a Rio inizieranno il 7 agosto e si concluderanno il 13 agosto



COMUNICATO STAMPA n. 65 del 22/05/2016


Fazz’a Umbria Cup – Bronzo per Simone Prosperi

Al maschile si impone il kuwaitiano Al Faihan

Domani allenamenti ufficiali e martedì si parte con l’Italian Green Cup di Trap


Dopo il podio tutto azzurro di ieri al femminile, su quello maschile di oggi sventolano due bandiere del Kuwait e una dell’Italia.

Ad aggiudicarsi la prima edizione della Fazz’a Umbria Cup è stato il kuwaitiano Abdull Rahman. Entrato in semifinale con lo score di 120/150, ha poi proseguito la sua cavalcata verso il primato con un quasi perfetto 14/115 assicurandosi un posto nel gold match disputato contro il connazionale Khaled Almudhaf, arrivato al duello con gli stessi punteggi. I due compagni di squadra non si sono risparmiati e, alla fine, il primo si è imposto con 14 a 11.

A garantire un posto sul pennone al Tricolore ci ha pensato Simone Lorenzo Prosepri. Il poliziotto di Artena è stato il migliore in qualificazione, sommando al già ottimo 74/75 di ieri il perfetto 50/50 di oggi e portandosi al totale di 124/125. Con il 13/15 della semifinale è entrato nel medal match per il bronzo contro Fabio Sollami di Caltanissetta. Entrambi i tiratori hanno concluso i piattelli regolamentari del duello con il punteggio di 13/15 costringendosi ad uno spareggio, vinto da Prosperi con +2 a +1.

Domani il programma della 6ª Italian Green Cup, organizzata per il terzo anno consecutivo in collaborazione con il Fazz’a Shooting Team del Principe di Dubai, prevede gli allenamenti ufficiali di Trap, propedeutici per le gare di martedì 24 e mercoledì 25 maggio.



COMUNICATO STAMPA n. 64 del 21/05/2016


All’Umbiraverde primi verdetti. In gara 400 tiratori da 43 Paesi

Palmitessa fa sua la Fazz’a Umbria Cup

Al maschile conduce Prosperi. Alle 18.300 la semifinale


Le pedane del Tav Umnriaverde-Todi di Massa Martana hanno emesso i primi verdetti. In palio la Fazz’a Umbria Cup, nuova gara inserita nel già collaudato programma della Fazz’a Italian Green Cup, in calendario fino al prossimo 29 maggio, che ha richiamato in Umbria circa 400 tiratori in rappresentanza di 43 Nazioni per un totale di oltre mille persone coinvolte.

Ad aggiudicarsi la Coppa in palio per il comparto di Trap Femminile è stata Maria Lucia Palmitessa, diciassettenne pugliese di Monopoli. La giovane tiratrice delle Fiamme Oro è arrivata alla vetta del podio battendo nel gold match Silvana Stanco, italiana residente in Svizzera e portacolori delle Fiamme Gialle. Quest’ultima, vincitrice delle Coppe del Mondo di Nicosia 2013 ed Al Ain 2015, ha iniziato il duello finale con un doppio zero che l’ha costretta all’inseguimento, mentre la Palmitessa, oro a squadre all’Europeo junior del 2013, ha potuto amministrare il vantaggio ed alla fine si è imposta con il punteggio di 13 a 11.

Sul podio anche Valeria Raffaelli, medaglia d’argento ai Mondiali Junior del 2014. La tiratrice di Morgano (TV), in forza al Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro, si è trovata ad affrontare la sanmarinese Alessandra Perilli nel bronze match e, senza alcun timore reverenziale nei confronti della tiratrice olimpia della piccola repubblica, si è presa il bronzo con un ottimo 14 a 10 che la dice lunga sulle sue reali capacità.

In semifinale anche Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE) e l’inglese Charlotte Kerwood, vincitrice della Finale di Coppa del Mondo del 2013 ad Abu Dhabi e migliore in qualificazione con 72/75, classificatesi, rispettivamente, in quinta e sesta posizione.

In gare anche il comparto maschile. A guidare la classifica provvisoria è stato Simone Lorenzo Prosperi, poliziotto di Artena (RM), unico a salire fino a quota 74/75 ad un solo piattello dalla perfezione.

Oggi la gara proseguirà con ulteriori 50 piattelli di qualificazione, al termine dei quali i migliori sei si confronteranno nella semifinale, prevista per le 18.00


COMUNICATO STAMPA n. 63 del 20/05/2016


Gara Internazionale

Al via la Fazz’a Italian Green CUP

In gara all’Umbriaverde 400 tiratori da 43 Paesi


Inizia ufficialmente oggi con gli allenamenti di Fossa Olimpica la 6ª Italian Green Cup, organizzata dal Tav Umnbriacverde-Todi di Massa Martana in collaborazione, per il terzo anno consecutivo, il con il Fazz’A Shooting Team del Crown Prince di Dubai (UAE) Sua Altezza lo Sceicco Hamdan Bin Mohammed Bin Rashid Al Maktoum.

Quasi 400 i tiratori iscritti alla manifestazione, divenuta in breve tempo una classica del circuito delle gare internazionali, per un totale di 43 Nazioni rappresentate.

Le gare inizieranno sabato 21 maggio con la Fazz’a Umbria Cup di Trup e proseguiranno per tutta la settimana per poi concludersi domenica 29 maggio con le ultime finale della Fazz’a Italian Green Cuo di Double Trap e Skeet.

Tanti i volti noti che non hanno voluto perdere questo prestigioso appuntamento anche in considerazione del fatto che, dall’1 all’11 giungo, molti di loro saranno impegnati con la 3ª Prova di Coppa del Mondo in programma a San Marino.

Ad alternarsi in pedana saranno, tra gli altri, molti medagliati olimpici come il croato Giovanni Cernogoraz, Campione Olimpico di Trap a Londra 2012, il ceco David Kostelecky, Campione Olimpico di Trap a Pechino 2008, il kuwaitiano Fehaid Aldeehani, bronzo nel Double Trap ai Giochi di Sydeny 2000 e nel Trap a quelli di Londra 2012, lo statunitense Walton Eller, Campione Olimpico di Double Trap a Pechino 2008, il russo Vassily Mosin bronzo nel Double Trap a Londra 2012, ed il nostro Francesco D’Aniello, medaglia d’argento nel Double Trap a Pechino 2008.

Insomma, l’impianto di Località Sant’Arnaldo del Presidente Giuliano Proietti torna nuovamente sulla ribalta internazionale con una manifestazione di primo livello.

“Siamo onorati di questa così grande risposta al nostro invito – ha spiegato Proietti – Io ed il mio staff faremo del nostro meglio per garantire il perfetto svolgimento della competizione ed assicurare a tutti gli ospiti la più esclusiva delle accoglienze”.

Parola alle pedane, si inizia!


COMUNICATO STAMPA n. 62 del 18/05/2016 – Invito a intervenire


Presentazione ufficiale dei tiratori per l’Olimpiade

Rossi e Malagò presentano gli azzurri di Tiro a Volo

Lunedì 23 maggio alle ore 12.30 al Palazzo delle Federazioni di Roma


Lunedì 23 maggio, alle ore 12.30, nell’Aula Auditorium del Palazzo delle Federazioni Sportive del CONI in viale Tiziano 74 a Roma, sarà presentata ufficialmente la squadra di Tiro a Volo che rappresenterà l’Italia ai prossimi Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Insieme ai nove tiratori ed ai tre tecnici ci saranno il Presidente della Fitav Luciano Rossi ed il Presidente del CONI Giovanni Malagò.

Si invita la stampa ad intervenire.

Dopo la conferenza stampa la Squadra sarà a disposizione della stampa per interviste e servizi fotografici.

Si prega di dare cortese conferma della partecipazione all’indirizzo ufficio.stampa@fitav.it .


COMUNICATO STAMPA n. 61 del 16/05/2016


Fossa Olimpica

Nel 2° Gran Premio l’oro è di Mola e Stanco

Tra gare nazionali e regionali in gara oltre 2.500 tiratori


Così come accaduto in occasione del primo Gran Premio di Fossa Olimpica 2016, anche il secondo appuntamento dell’anno ha coinvolto un battaglione imponente. Sono stati oltre 2.500 gli specialisti coinvolti nelle gare di tutte le categorie e le qualifiche, che da nord a sud del paese hanno invaso gli oltre trenta impianti coinvolti.

Partendo dalla massima serie, chiamata a raccolta sulle pedane del Tav Umbriaverde-Todi con le Ladies e gli junior maschile e femminili, l’oro è stato appannaggio di Massimiliano Mola, pugliese di Pezze di Greco (BR), arrivato alla vetta del podio di Eccellenza dopo aver battuto nel gold match l’emiliano Manuel Casadio di Ragone (RA) con il punteggio di 13 a 11. Con loro sul podio anche Jacopo Cipriani (Carabinieri) di Firezne, bronzo grazie al 14 a 13 rifilato a Marco Panizza (Fiamme Azzurre) di Alessandria (VC).

Tra le Ladies, Silvana Maria Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI) si è imposta con un dominio incontrastato. L’italiana residente in Svizzera, medaglia d’oro alla Coppa del Mondo di Al Ain (UAE) nel 2015 e vincitrice della Carta Olimpica nel Trap Femminile per i Giochi di Rio 2016, ha guidato tutte le fasi della competizione, qualificandosi come migliore in semifinale con il punteggio di 73/75, centrando il gold match con 15/15 e regolando Alessia Montanino (Fiamme Oro) di Palma Campania (NA) con 10 a 6 nel duello finale.

Terza Giulia Iannotti di Vallo Della Lucania (SA), medaglia di bronzo dopo aver regolato la Campionessa del Mondo Juniores 20115 Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE) con 11 a 10.

Passando al comparto del Settore Giovanile, la classifica degli Junior Maschili ha premiato come migliore Matteo Marongiu (Forestale) di Sassari, arrivato alla vetta del podio con 116/125 in qualificazione, 14/15 in semifinale e 12/15 nel gold match in cui ha battuto Riccardo Faccani (Fiamme Oro) di Alfonsine (RA), argento con 10. Sul podio con il bronzo anche Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA) con 119/125, 12 +3 e 13.

Tra le Junior Femminili, invece, il primato è stato di Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA), che dopo il 66/75 delle qualificazioni ed il 13/15 della semifinale, nello scontro finale contro Alessandra Della Valle di Solaro (MI) si è imposta con 10 a 9. Terza Isabella Cristiani di San Giuliano Terme (PI) con 74/75, miglior punteggio registrato in qualifica, 10 e 10.

Da segnalare anche la presenza di molti tiratori stranieri, in gara ma fuori classifica, già sulle pedane del Tav Umbriaverde in preparazione della sesta edizione della Fazz’a Italian Green Cup, in calendario dal 19 al 30 maggio.

Per quanto riguarda i quattro Gran Premi nazionali riservati ai tiratori di Prima Categoria, quello ad aver registrato il maggior numero di partecipanti è stato disputato sulle pedane del Tav Giorgio Rosatti di Ponso (PD) in cui hanno gareggiato 169 tiratori. In questo caso, a mettersi al collo l’oro è stato Gianluca Gaiga di Treviso, primo grazie al 119/125 siglato in qualificazione, al 11/15 della semifinale ed al 12/15 +2 con cui ha battuto l’avversario nel gold match.

Sul secondo gradino del podio delle presenze è salito il Tav Castelfidardo (AN) con 128 specialisti impegnati nella competizione. Sulle pedane marchigiane il più bravo è stato Stefano Bacchelli di Camerano (AN), medaglia d’oro con 115/125, 13/15 e 11/15.

Nell’impianto toscano del Tav Montecatini Pieve a Nievole (PT), terzo sul podio della partecipazione con 119 iscritti, a diplomarsi come migliore in pedana è stato Vincenzo Piscitelli, primo con 116/125 +4, 114/15 e 10/15.

Infine, al Tav Spinella di Torre Santa Susanna (BR), medaglia di legno con 106 iscritti, il più forte è stato Giuseppe Colonna di Altamura (BA), primo con 118/125, 13/15 e 15/15.

Anche in questo secondo Gran Premio, le gare sono state aperte anche ai tiratori disabili, nelle cui classifiche si sono imposti Giuliano Beralto di Torrebelvicino (VI), oro a Ponso con 97/125, Marcello Testella di Sant’Elpidio a Mare (AP), oro a Castelfidardo con 98/125, e Raffaelel Talamo di Roma, primo a Montecatini con 112/125.

Come ultimo dato, la partecipazione alla 2ª Prova dei Campionati Regionali di categoria 2ª e 3ª e delle qualifiche Veterani e Master ha fatto registrare il totale di 1.767 presenze, con il picco in Lomabrdia, regione in cui hanno gareggiato in 250.



COMUNICATO STAMPA n. 60 del 16/05/2016


Skeet ISSF

Rossetti e Di Marziantonio sono d’oro nel 2° GP

Al Tav Conselice in pedana 160 specialisti


Il 2° Gran Premio di Skeet formula ISSF si è concluso con la vittoria di Gabriele Rossetti e Chiara di Marziantonio, rispettivamente leaders delle classifiche di Eccellenza e Ladies.

Ad ospitare le gare è stato l’impianto del Tiro a Volo Conselice (RA), sulle cui pedane si sono dati appuntamento 160 tra i migliori tiratori di questa specialità.

Il giovane poliziotto di Ponte Buggianese (PT), lo scorso anno medaglia di bronzo al Mondiale di Lonato del Garda (BS) e oro alla Finale di Coppa del Mondo di Nicosia (CYP), è salito sul gradino più alto del podio dopo aver battuto Michael Palmieri di Ostra (AN) nel gold match. Per arrivare al duello con il marchigiano, Rossetti ha chiuso le qualificazioni con 123/125, secondo miglior punteggio dopo il quasi perfetto 124/125 di Christian Benet (Fiamme Oro) di Trieste, ed in semifinale si è imposto con u perfetto 16/16.

Lo scontro per l’oro e l’argento è stato molto impegnativo ed entrambi i contendenti sono inciampati in parecchi errori, ma alla fine con 10 a 9 a meritarsi l’oro è stato il toscano, che ha costretto il marchigiano sul secondo gradino del podio.

Al terzo posto è arrivato Luigi Agostino Lodde, bicampione europeo del Gruppo Sportivo dell’Esercito, approdato al bronzo grazie al 16 a 15 rifilato a Tammaro Cassandro (Forestale), fresco vincitore della medaglia di bronzo alla Pre Olimpica di Rio de Janeiro (BRA).

Anche tra le Ladies il gradino più alto del podio è stato occupato da una giovane e promettente tiratrice. Ad aggiudicarsi l’oro, infatti, è stata Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri, protagonista di un coinvolgente gold match con Chiara Cainero (Forestale) Campionessa Olimpica di Pechino 2008. La laziale è arrivata al duello più prestigioso con 68 centri in qualificazione e 15 +2 in semifiale, mentre la friulana con 69 e 15 +2, entrambe con la ferma intenzione di non concedere nulla all’avversaria. Nei sedici piattelli decisivi per il primo e secondo posto la Cainero ha lasciato in pedana tre errori, spianando la strada per la vittoria alla Di Marziantonio, vittoriosa con 14 a 13. A completare il podio ci ha pensato Simona Scocchetti di Tarquinia, uscita vincitrice del duello con Diana Bacosi si Cetona, unica tirat5rice ad aver chiuso le qualificazioni con un perfetto 75/75. Le due compagne di scuderia del Gruppo Sportivo dell’Esercito si sono affrontate con la consueta grinta e la Scocchetti si è presa la medaglia di bronzo grazie ad un en-plein non eguagliato dalla Bacosi, quarta con 15/16.

Passando al comparto Junior, ad aggiudicarsi il primato nella classifica del Settore Giovanile è stato Erik Pittini di Priola di Sturio (PD), vincitore del duello con Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN), regoalto con 13 a 12 nel gold match. Al terzo posto si è qualificato Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano (RM), Campione del Mondo Junior nel 2015.

Infine, i vincitori delle altre classifiche sono stati Giacomo Boncompagni di San Casciano Val di Pesa (FI), oro tra i Prima con 138/150, Antonio Spurio di Arzachena (SS), migliore tra i Seconda con 138/150, e Claudio Amenta di Roma, primo tra i Terza con 124.


COMUNICATO STAMPA n. 59 del 16/05/2016 – Invito a intervenire


Presentazione ufficiale dei tiratori per l’Olimpiade

A Roma, gli azzurri per Rio

Lunedì 23 maggio, alle ore 12.30, nell’Aula Auditorium del Palazzo delle Federazioni Sportive del CONI in viale Tiziano 74 a Roma, sarà presentata ufficialmente la squadra di Tiro a Volo che rappresenterà l’Italia ai prossimi Giochi Olimpici di Rio de Janeiro.

Si invita la stampa ad intervenire.

Dopo la conferenza stampa la Squadra sarà a disposizione della stampa per interviste e servizi fotografici.

Si prega di dare cortese conferma della partecipazione all’indirizzo ufficio.stampa@fitav.it .


COMUNICATO STAMPA n. 58 del 11/05/2016


Gara internazionale

Anche gli azzurri di Cenci a Malta per il Gran Prix

Oggi allenamenti ufficiali e domani gara completa


Anche la squadra Azzurra di Double Trap guidata dal Direttore Tecnico Mirco Cenci parteciperà al Grand Prix Internazionale di Malta in corso di svolgimento fino al prossimo 15 maggio.

Il sestetto selezionato da Cenci comprende Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), vincitore della Prima Prova di Coppa del Mondo di quest’anno a Cipro, Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare (RN), bronzo alla Coppa del Mondo di Al Ain nel 2015, Ferdinando Rossi (Marina Militare) di Montefalco (PG), Ignazio Maria Tronca (Fiamme Oro) di Roma, Vice Campione Europeo Juniores nel 2015, Valerio Vallifuoco /esercito) di Fiumicino (RM), ed Andrea Vescovi (Fiamme Oor) di Città di Castello (PG), Campione del Mondo Juniores di Granada nel 2014.

“Questo Gran Prix è ormai un appuntamento classico per il Double Trap Azzurro – ha spiegato Cenci – Ho portato due dei cinque tiratori che compongono la prima squadra (Chianese e Gasparini, ndr) e quattro giovani promettenti. Così come accade in ogni occasione nelle quali siamo impegnati, queste gare rappresentano una ottima opportunità per lavorare sulla preparazione tecnica e per confrontarsi con i migliori tiratori dello scenario internazionale”.

COMUNICATO STAMPA n. 57 del 10/05/2016


Stage di preparazione tecnica

Gli olimpici di Trap a Malta

Pera al lavoro con Pellielo, Fabbrizi e Rossi fino al 16 maggio


Albano Pera, Direttore Tecnico della Nazionale di Trap, ha deciso di portare i suoi tiratori olimpici a Malta per uno stage di preparazione tecnica intensivo.

La squadra è partita ieri dall’aeroporto internazionale di Fiumicino e sarà impegnata in sei giorni di allenamenti serrati durante i quali il Direttore Tecnico rifinirà la preparazione con Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, quattro volte Campione del Mondo e medagliato olimpico a Sydney 2000 con il bronzo e ad Atene 2004 e Pechino 2008 con l’argento, Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), pluricampione del Mondo e argento olimpico a Londra 2012, e Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore, Campionessa Olimpica di Londra 2012 e bicampionessa mondiale ed europea.

“Stiamo facendo un ottimo allenamento su questi campi ed il lavoro è reso ancora più fluido dalla fattiva collaborazione della federazione maltese – ha spiegato Pera – Ho scelto questa sede perché il prossimo 14 e 15 maggio ci sarà un Gran Prix Internazionale al quale parteciperanno molti tiratori di alto livello, tra cui il Campione del Mondo Eric Varga, ed il nostro raduno culminerà proprio con la partecipazione a questa gara. Oltre all’allenamento sul bersaglio, grazie alla disponibilità della nostra Federazione, i miei tiratori potranno approfittare anche della presenza del Preparatore Atletico Fabio Partigiani, con cui avranno modo di fare una settimana di preparazione fisica mirata”.


COMUNICATO STAMPA n. 56 del 05/05/2016


Junior World Cup – Exploit delle azzurrine di Trap

Oro per la Cristiani e la squadra, argento per la Palmitessa

Oggi semifinali di Skeet e Trap Maschile


Prosegue la serie positiva degli azzurrini impegnati nelle gare della Coppa del Mondo Giovanile ospitata in questi giorni dalle pedane tedesche si Suhl.

A portare altre tre medaglie nel forziere italiano sono state le specialiste di Fossa Olimpica, che contribuiscono al medagliere nazionale con un oro ed un argento individuali ed un oro a squadre.

Partendo dalle prime due, ad occupare il primo ed il secondo gradino del podio sono state Isabella Cristiani e Maria Lucia Palmitessa, entrambe protagoniste del gold match.

La Cristiani, toscana di San Giuliano Terme (PI), è entrata in semifinale con lo score di 66/75, ultimo utile per essere ricompresa tra le sei migliori, mentre la Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA) si è qualificata con quello di 69/75, migliore di giornata. Nella serie d’ingresso ai medal matches la Cristiani ha strappato il primo pass per il duello per l’oro con un buon 12/15 e la Palmitessa l’ha raggiunta dopo uno spareggio con il punteggio di 11 +8.

Lo scontro diretto tra le due è stato molto appassionante ed ha messo in luce il valore di entrambe, tanto da vederle arrivare al nastro d’arrivo con l’identico score di 11/15 e da costringerle allo spareggio finale, vinto dalla toscana con +2 a +1.

La Cristiani e la Palmitessa hanno bissato il podio salendo anche sul gradino più alto di quello a squadre insieme ad Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE), undicesima individuale con 63. Le azzurrine si sono imposte sulle squadre avversari con il totale di 198/225 e ben 13 punti di vantaggio sulle russe e sulle tedesche, rispettivamente seconde e terze con l’identico score di 186 favorevole alle prime per l’ultima miglior serie (61 per la Russia e 60 per la Germania ndr).

Per quanto riguarda le altre tiratrici azzurre in gara, Arianna Ricciardi (Fiamme Oro) di Mercato San Severino (SA) si è piazzata al 10° posto con 63 e Diana Ghilarducci di Viareggio (LU) ed Eirca Sessa (Fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni (SA) si sono fermate in 16ª e 17ª posizione con 61/75.

Nulla di fatto per le skeetiste. La migliore del terzetto azzurro è stata Francesca Del Prete di Cisterna di Latina (LT) approdata in decima posizione con 65/75, un solo piattello in meno di quelli necessari per partecipare allo spareggio d’ingresso alla semifinale. Più indietro si è fermata  Francesca Greico (Fiamme Oro) di Ottati, solo 19ª con 61, mentre Giada Longhi di Roccaranieri (RI) non è salita oltre quota 57/75, punteggio che l’ha relegata alla venticinquesima posizione.

Oggi in gara il comparto maschile di entrambe le specialità per la parte finale delle qualifiche, le semifinali ed i medal matches. Protagonisti delle gare saranno, per la Fossa Olimpica Nicholas Antonini (Carabinieri) di Le Grazie di Portovenere (SP), Nino Cuomo (Forestale) di Cancello ed Arnone (CE), Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA), Daniele Flammini di Teramo (TE), Alessio Franquillo (Fiamme Oro) di Cannaiola (PG) e Simone Spina di Casoria (NA) e per lo Skeet gareggeranno Edoardo Aloi (Esercito) di Roma, Leonbruno Cavaliere (Fiamme Oro) di Roma, Matteo Chiti (Forestale) di Pistoia (PT), Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano (RM) ed Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN).


COMUNICATO STAMPA n. 55 del 02/05/2016


Compak Sporting

Europei d’oro per gli azzurri di Spada

Titoli individuali per Maruzzo e Brscolini, a squadre per

Senior, Ladies, Veterani e Super Veterani


Un dominio continentale quasi assoluto è stato sancito dalle squadre azzurre di Compak Sporting impegnate nelle gare del Campionato Europeo di specialità a Sarlospuszta (HUN).

Il bottino del Team del Commissario Tecnico Veniero Spada è consistito in sei medaglie d’oro, una di bronzo ed una d’argento, centrata dallo stesso Spada tra i Veterani.

Il primo dei titoli di Campione d’Europa se lo è portato a casa Martina Maruzzo di Nanto (VI), prima tra le Ladies con lo score totale di 193/200. La vicentina ha avuto il merito di condurre tutta la gara e, malgrado un momento di défaillance nella penultima serie in cui si è fermata a quota 22/25, ha chiuso le otto tornate della competizione con due punti di vantaggio sulla più diretta tra le inseguitrici, la spagnola Beatriz Laparra Cuenza, argento con 190. Terza sul podio l’inglese Cheryl Hall, bronzo con 188.

Oro e titolo europeo sono stati conquistati anche da Eugenio Bruscolini nel comparto dei Super Veterani. Il riccionese è salito sul gradino più alto del podio con 180/200, imponendosi di misura sul russo Sergey Lebedev, argento con 179. Sul podio anche il nostro Alvaro Leardini di Marciano di Romagna (RN), medaglia di bronzo con 176.

Come anticipato in apertura, il CT Veniero Spada di Fabro (TR) è salito sul podio dei Veterani per mettersi al collo la medaglia d’argento con il totale di 191/200. Davanti a lui solo il russo Aleksandr Lubianiy, oro con 194, ed alle sue spalle il tedesco Eric Masho, bronzo con 187.

Al già ottimo risultato individuale, gli azzurri si sono imposti in quello a squadre sancendo un dominio quasi assoluto conquistando quattro dei cinque titoli europei per nazione.

Tra i Senior Marco Battisti di Monteciccardo (PU) , Diego Valeri di Artena (RM) e Michael Spada di Fabro (TR) hanno totalizzato 571 punti su 600 superando gli avversari francesi, argento con 569, e quelli russi, terzi con 565.

Tra le Ladies il titolo di Campionesse Europee se lo sono meritato Katia Vaghi di Treia (MC), Jessica Tosti di Colombella (PG) e Martina Maruzzo di Nanto (VI) con 557/600, prime sul podio davanti alle colleghe inglesi e francesi, seconde e terze con 525 e 511.

Infine, l’oro nel comparto dei Veterani è arrivato per mano di Claudio Moretti di Rimini, Carlo Sestini di Empoli (FI) e Mauro Bosi di Forlì (FC), primi sul podio con 550/600, mentre quello dei Super Veterani porta la firma di Eugenio Bruscolini di Riccione, Alvaro Leardini di Morciano di Romagna (RN) e Giovanni Zamboni di Gavardo (BS), saliti sul gradino più alto con 526/600.



COMUNICATO STAMPA n. 54 del 02/05/2016


Settore Giovanile – Junior World Cup

Italia d’oro a squadre nel Double

Galesso quarto nell’individuale. Da oggi in pedana Trap e Skeet


La Coppa del Mondo giovanile in svolgimento a Suhl (GER) si apre con un oro a squadre ed un quarto posto individuale nel Double Trap.

A trascinare alla vittoria il team degli azzurrini è stato Andrea Galesso, migliore in qualificazione con 142/150 ed il Record del Mondo Junior eguagliato. In semifinale il tiratore di Dolo (VE) ha lasciato troppo spazio agli avversari e con lo score di 24/30 si è trovato a spareggiare con il maltese Nathan Lee Xuereb per un posto nel gold match, mancato con +6 a +5 a favore del primo. Nel duello per il bronzo ha affrontato il russo Vecheslav Yukhimenko ed è riuscito a tenergli testa fino al 9 turno di tiro. Alla fine della serie decisiva per la medaglia la tensione ha influito negativamente su entrambi ed il risultato di 25 a 24 ha premiato Yukhimenko facendolo salire sul terzo gradino del podio. Invece, per l’oro e l’argento si sono affrontati Xuereb e l’inglese James Dedman, regolato con un secco 29 a 24.

Lontani dai giochi per le medaglie gli altri due azzurri. Jacopo Dal Moro (Fiamme Oro) di Selvazzano Dentro (PD) si è fermato in nona posizione con 128, mentre Emanuele Buccolieri di San Pancrazio (BR) non è salito oltre la sedicesima con 125.

Sommando i punteggi di qualificazione dei tre atleti il totale di 395/450 ha regalato all’Italia l’oro a squadre davanti ai colleghi russi ed a quelli statunitensi, rispettivamente argento e bronzo con lo score di 391 (ultima miglior serie per i primi, ndr).

Da oggi le pedane di Suhl accoglieranno gli specialisti di Trap e Skeet per gli allenamenti ufficiali. Da domani le gare con i primi 50 piattelli di qualificazione. 

Per quanto riguarda la Fossa Olimpica la divisa azzurra verrà vestita da Nicholas Antonini (Carabinieri) di Le Grazie di Portovenere (SP), Nino Cuomo (Forestale) di Cancello ed Arnone (CE), Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA), Daniele Flammini di Teramo (TE), Alessio Franquillo (Fiamme Oro) di Cannaiola (PG) e Simone Spina di Casoria (NA) per quanto riguarda la gara maschile e Isabella Cristiani di San Giuliano Terme (PI), Diana Ghilarducci di Viareggio (LU), Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE), Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA), Antonia Ricciardi (Fiamme Oro) di Mercato San Severino (SA) ed Eirca Sessa (Fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni (SA) per quanto riguarda quella Femminile.

Passando allo Skeet, in pedana scenderanno Edoardo Aloi (Esercito) di Roma, Leonbruno Cavaliere (Fiamme Oro) di Roma, Matteo Chiti (Forestale) di Pistoia (PT), Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano (RM) ed Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN), Francesca Del Prete di Cisterna di Latina (LT), Francesca Greico (Fiamme Oro) di Ottati e Giada Longhi di Roccaranieri (RI).


COMUNICATO STAMPA n. 53 del 29/04/2016


Settore Giovanile

Gli azzurrini a Suhl per la Junior World Cup

Domenica il via alle gare, inaugura il Double Trap


Sono partiti questa mattina da Roma e raggiungeranno Suhl (GER) nel pomeriggio di oggi. Siamo parlando dei ventiquattro tiratori e tiratrici che da domani fino al prossimo 5 maggio saranno impegnati nelle gare della Coppa del Mondo Junior in svolgimento nella località tedesca.

L’onore dell’apertura delle gare spetterà agli specialisti di Double Trap, che saranno impegnati in pedana domani, sabato 30 aprile, per gli allenamenti ufficiali, e domenica 1 maggio per competizione. A rappresentare l’Italia in questa gara saranno Emanuele Buccolieri di San Pancrazio (BR), Jacopo Dal Moro (Fiamme Oro) di Selvazzano Dentro (PD) e Alndrea Galesso di Dolo (VE).

Lunedì 2 maggio sarà la volta degli allenamenti ufficiali di Fossa Olimpica e Skeet, i cui specialisti gareggeranno nei giorni di martedì 3, mercoledì 4 e giovedì 5 maggio.

Per quanto riguarda la Fossa Olimpica la divisa azzurra verrà vestita da Nicholas Antonini (Carabinieri) di Le Grazie di Portovenere (SP), Nino Cuomo (Forestale) di Cancello ed Arnone (CE), Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA), Daniele Flammini di Teramo (TE), Alessio Franquillo (Fiamme Oro) di Cannaiola (PG) e Simone Spina di Casoria (NA) per quanto riguarda la gara maschile e Isabella Cristiani di San Giuliano Terme (PI), Diana Ghilarducci di Viareggio (LU), Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE), Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA), Antonia Ricciardi (Fiamme Oro) di Mercato San Severino (SA) ed Eirca Sessa (Fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni (SA) per quanto riguarda quella Femminile.

Passando allo Skeet, in pedana scenderanno Edoardo Aloi (Esercito) di Roma, Leonbruno Cavaliere (Fiamme Oro) di Roma, Matteo Chiti (Forestale) di Pistoia (PT), Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano (RM) ed Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN), Francesca Del Prete di Cisterna di Latina (LT), Francesca Greico (Fiamme Oro) di Ottati e Giada Longhi di Roccaranieri (RI).

Per entrambe le specialità la competizione inizierà con 50 piattelli per tutti il primo giorno, proseguirà con 25 piattelli per tutti e le semifinale femminili nel secondo e si concluderà con 50 piattelli e la semifinale per gli uomini nel terzo.

Ad accompagnare la delegazione sono il Coordinatore del Settore Giovanile Fitav Alberto Di Santolo ed i Tecnici Federali Antonello Iezzi e Christian Eleuteri.


COMUNICATO STAMPA n. 52 del 28/04/2016


Compak Sporting

Spada ed i suoi in Ungheria per l’Europeo

A Sarlospuszta in gara 460 tiratori da 27 nazioni


Inizia ufficialmente oggi il 22° Campionato Europeo di Compak Sporting organizzato sulle pedane ungheresi di Sarlospuszta. In gara si affronteranno 460 tiratori in rappresentanza di 27 Paesi del vecchio Continente, i quali si contenderanno i titoli in palio sulla distanza di 200 piattelli ciascuno.

Gli azzurri, guidati dal Commissario Tecnico Veniero Spada, sono in Ungheria da lunedì 25 aprile per prendere bene le misure dei campi di gara e acquisire maggiore familiarità con i piattelli che, da oggi, dovranno abbattere senza fare economia di energie. L’obiettivo dichiarato dal CT è quello di voler vincere il più possibile e tornare in Italia con il maggior numero di titolo continentali.

“Abbiamo dimostrato di poter far bene, malgrado l’alto livello tecnico degli avversari che incontreremo – ha spiegato Spada – Abbiamo dalla nostra un gruppo molto affiatato e tiratori di alto livello in tutte le qualifiche”.

Per concretizzare questo ambizioso risultato Spada ha convocato Marco Battisti di Monteciccardo (RN), Samuele Sacripanti di Amelia (TR), Michael Spada di Fabro (TR) e Daniele Valeri di Spoleto (PG) tra i Senior, Cristian Camporese di Padova, Luca Panizza di Lierna (LC) e Pietro Piccari Ricci di Rimini per quello degli Junior, Martina Maruzzo di Nanto (VI), Jessica Tosti di Colombella (PG) e Katia Vaghi di Treia (MC) per quello delle Ladies, Mauro Bosi di Forlì (FC), Claudio Moretti di Rimini e Carlo Sestini di Empoli (FI) per quello dei Master ed infine Eugenio Bruscolini di Riccione (RN), Alvaro Leardini di Morciano di Romanga (RN) e Giovanni Zamboni di Gavardo (BS).

Come anticipato in apertura, le gare sono iniziate questa mattina con i primi 50 piattelli e proseguiranno fino a domenica 1 maggio con 50 piattelli al giorno, per il totale complessivo di 200 piattelli per ciascun tiratoe. In caso di pari merito, per l’assegnazione dei titoli di Campione Europeo e per le altre medaglie si procederà con spareggi diretti.


COMUNICATO STAMPA n. 51 del 24/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event
Trap – Skeet – Double Trap
14 – 24 aprile 2016
Rio De Janeiro (BRA)


Skeet Maschile – Il Forestale di Caserta per la prima volta sul podio in Coppa
Italia finalmente di bronzo con Cassandro
Buona prova anche per Rossetti, settimo, e per Lodde, decimo.

Rio de Janeiro – La preolimpica brasiliana si chiude con una bellissima medaglia di bronzo nello Skeet Maschile. A mettere la firma sull’unico alloro azzurro in questa seconda Prova di Coppa del Mondo è stato Tammaro Cassandro, agente forestale di Caserta, già vice Campione del Mondo Juniores nel 2011 a Belgrado e medaglia di bronzo ai Mondiali 2013 di Lima. Migliore nelle qualificazioni con il punteggio di 123/125, in semifinale ha lasciato sul campo due punti che lo hanno costretto ad uno spareggio a tre per i due posti del medal match per il bronzo con il bicampione olimpico statunitense Vincent Hancock e lo spagnolo Juan Josè Aramburu, poi suo avversario nel duello grazie all’errore commesso da Hancock nella seconda doppia dello shoot-off. Nello scontro diretto Tammaro è stato perfetto e con 16/16 non ha lasciato libertà di movimento per lo spagnolo, finito quarto con 15. 
“Tanta emozione, quasi difficile da contenere – ha commentato Cassandro prima della premiazione – La medaglia non è d’oro, ma per me vale ancora di più. E’ stato un grande onore poter gareggiare con i tiratori che ci rappresenteranno qui in agosto e poter calpestare queste pedane. Fra poco metterò al collo la mia prima medaglia in una Coppa del Mondo e la voglio dedicare alla mia famiglia, alla mia ragazza, al CT, alla Forestale, alla Federazione ed ai miei sponsor, tutti pezzi fondamentali per la mia vita agonistica. Ultimo, ma non per importanza, voglio dedicarla a mio zio Ennio (Falco, ndr), dal quale ho ereditato la passione per questo sport e che oggi era qui con me”.
Ennio Falco, Campione Olimpico di Atlanta 1996, ha potuto assistere alla vittoria del nipote da vicinissimo, come allenatore dell’indiano MairaJ Ahmad Kahn, protagonista del duello per l’oro con lo svedese Marcus Swensson. Dopo aver chiuso i 16 piattelli regolamentari con un identico 14/16, i due hanno proseguito lo scontro con lo spareggio, vinto dal secondo con +2 a +1.
Ottima anche la prova degli altri due azzurri in gara, entrambi fuori dalla semifinale di pochissimo. Ad andarci più vicino è stato Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT). Il toscano, lo scorso anno vincitore del bronzo mondiale e della Finale di Coppa del Mondo, ha sommato al 72 realizzato nei primi due giorni di gara un buon 48/50 centrato oggi. Per lui il totale di 120/125 che l’ha spinto fino alla settima posizione. Anche per Luigi Lodde (esercito) di Ozieri (SS), campione europeo 2014 e 2015, oggi il responso delle pedane è stato 48/50 e per lui, che di punti fino a ieri ne aveva 71, il totale è stato di 119 e la posizione la decima.
“Una buonissima medaglia per Tammaro (Cassandro, ndr), ha fatto una grande gara – ha detto – E’ un ragazzo giovane che ha davanti ancora tanto da dare, sono molto soddisfatto. Discretamente bene Gabriele (Rossetti, ndr) e Diana (Bacosi, ndr), che hanno mancato la finale per un piattello. Da non sottovalutare anche la prestazione di Chiara (Di Marziantonio, ndr), anche lei molto giovane e già a buoni livelli. Da rivede, invece, le prestazioni di Luigi (Lodde, ndr) e Chiara (Cainero, ndr), ma può succedere. In previsione olimpica abbiamo molto tempo davanti e qui abbiamo preso qualche misura per aggiustare il tiro al meglio e sono convinto che tutti i miei ragazzi arriveranno all’appuntamento olimpico in forma”. 
La prossima Coppa del Mondo sposterà il circo del Tiro a Volo Internazionale a
San Marino dall’1 all’11 giugno.


COMUNICATO STAMPA n. 50 del 23/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event
Trap – Skeet – Double Trap
14 – 24 aprile 2016
Rio De Janeiro (BRA)


Skeet Femminile – Bacosi migliore delle azzurre, chiude ottava
Oro per la tailandese Jiewchaloemmit 
Tra gli uomini pole position per Cassandro. Domani semifinale dalle 20.30

Rio de Janeiro – La gara di Skeet Femminile è finita con un emozionate shoot-off in cui Sutya Jiewchaloemmit ha strappato la mdaglia d’oro alla Campionessa Olimpica di Londra 2012 Kimberly Rhode. La tailandese e la statunitense si sono affrontate nel gold match chiudendo entrambe le fasi regolamentari con un solo zero e lo score di 15 su 16. Nello spareggio la Rhode è caduta su uno zero nella doppia invertita della seconda pedana, lasciando campo libero all’avversaria che non ha sprecato la ghiotta occasione ed è salita in vetta al podio con +8 a +7.
Il bronzo è andato a Min Lu, cinese di Shanghai, che alla sua quinta partecipazione in un evento ISSF sale sul podio regolando con 13 a 11 la statunitense Amber English, già medaglia di bronzo alla Coppa del Mondo di Acapulco nel 2010.
Semifinale sfiorata per due delle tre azzurre in gara. Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI), con il 24/25 di oggi ha recuperato parzialmente il pasticcio del 20 della seconda serie di ieri, ma con il totale di 69/75 si è fermata in 8ª posizione con un piattello di ritardo rispetto alle migliori sei. Alle sue spalle, con 68/75, si è piazzata Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri (RM), 11ª in classifica generale grazie ai due 23 di ieri ed al 22 di oggi.
Molto più arretrata rispetto al gruppo di testa Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD). La Campionessa Olimpica di Pechino 2008 già ieri aveva lasciato sul campo troppi zeri, chiamandosi virtualmente fuori dai giochi per le medaglie, e con il 23 realizzato nella serie di oggi si è attestata al 21° posto a quota 64/75.
Passando alla gara maschile, tutte e tre i tiratori italiani hanno superato la serie odierna con il punteggio pieno. Dopo il terzo dei cinque round in programma la classifica provvisoria è condotta dal nostro Tammaro Cassandro Forestale) di Caserta con il totale di 74/75, primo insieme al bicampione olimpico statunitense Vincent Hancock ed al finlandese Timo Latinen. Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT) è incollato al terzetto dei leader con 72/75, secondo miglio punteggio, e Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS) segue con 71.
Le gare si concluderanno domani con le ultime due serie del comparto maschile. La semifinale è programmata a partire dalle 20.30 italiane.


COMUNICATO STAMPA n. 49 del 22/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event
Trap – Skeet – Double Trap
14 – 24 aprile 2016
Rio De Janeiro (BRA)


Primo girono di gara, domani semifinale femminile dalle 19.00 italiane
Nello Skeet bene Cassandro e Di Marziantonio 
Critiche all’organizzazione. Pera: difficoltà logistiche e piattelli durissimi

Rio de Janeiro – Primo girono di gara per lo Skeet in questa 2ª Prova di Coppa del Mondo brasiliana. Al termine delle due serie in programma oggi, la classifica maschile vede in testa il finlandese Timo Latinen, unico ad aver completato il suo percorso senza macchie ed a piazzarsi al comando con un perfetto 50/50. Alle sue spalle, con un solo errore all’attivo il terzetto formato dall’azzurro Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta, Vice Campione del Mondo Juniores nel 2011 a Belgrado, dal bicampione Olimpico statunitense Vincent Hancock e dal carneade rgentino Federico Gil, tutti appaiati a quota 49. A due lunghezze dal gruppo di testa troviamo il giovane Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), bronzo ai Mondiali Senior e oro alla Finale di Coppa del Mondo lo scorso anno, inciampato in tre errori e salito fino a qutoa 47. Con 46 ha chiuso Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS), Campione Europeo nel 2014 a Sarlospustza e nel 2015 a Maribor nel 2015, partito bene nella prima serie con 25/25 e poi frenato nella seconda da un brutto 21.
Identico il punteggio realizzato, al femminile, da Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri, bronzo juniores ai Mondiali del 2013 a Lima (PER), migliore delle azzurre con due 23/25.
Con 45/50 la segue Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI), lo scorso anno oro nelle Coppe del Mondo di Larnaca ed Al Ain ed argento ai Giochi Europei di Baku, anche lei partita benissimo con 25/25 e poi arenatasi sul 20/25 che l’ha allontanata dalla vetta della classifica provvisoria.
Lontana dalla cima anche Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Campionessa Olimpica a Pechino 2008. I suoi parziali sono stati 21/25 e 20/25 e con il tale di 41/50 domani per lei la perfezione sarà un imperativo categorico.
Domani la gara proseguirà con altri 25 piattelli di qualificazione per gli uomini e con l’ultima serie per donne. Le migliori sei della classifica provvisoria si affronteranno nella semifinale per accedere ai medal matches. La semifinale è prevista per le 19.00 italiane.
Intanto non si placano le polemiche, sollevate da molti team nazionali, sui problemi logistico organizzativi incontrati nei primi giorni di gara e che hanno interessato maggiormente gli specialisti di Fossa Olimpica a cui è spettato il compito di inaugurare le gare. Per quanto riguarda il punto di vista italiano chiediamo aiuto al Direttore Tecnico di Trap Albano Pera.
“Siamo partiti per il Brasile con l’intenzione di prendere tutti i riferimenti possibili per affrontare la gara Olimpica con la giusta tranquillità, ma abbiamo realizzato il nostro intento solo in minima parte. I problemi organizzativi sono iniziati immediatamente. Ci era stato assicurato che avremmo potuto accedere all’impianto ed effettuare degli allenamenti liberi almeno due giorni prima degli allenamenti ufficiali, ma non è stato così. L’impianto ha aperto il giorno stesso degli allenamenti e i Pre Event Training (allenamenti ufficiali, ndr) sono iniziati in ritardo per un problema di reperimento delle munizioni sul campo. Questo inconveniente ha limitato il tempo a nostra disposizione facendoci arrivare alla gara con poca confidenza dell’impianto. In più, la logistica di supporto non era idonea a contenere i tiratori e lo staff presente nella struttura, creando difficoltà e disagi a tutti. La tenda messa a disposizione di tutte le delegazioni era oggettivamente piccola rispetto alle reali necessità e molti di noi sono dovuto rimanere costantemente all’esterno con temperature altissime, oltre i 34 gradi all’ombra. In ogni caso ci siamo organizzati e abbiamo fatto in modo di adattarci al meglio ed abbiamo affrontato la gara. A questo punto si è palesato il problema più grave, ovvero quello di piattelli durissimi. Molti tiratori, tra cui anche i miei ragazzi e le mie ragazze, durante la gara hanno avuto la netta percezione di aver colpito bene alcuni piattelli che, però, non sono andati in frantumi come avrebbero dovuto, causando l’attribuzione di zeri (in gergo viene detto zero e considerato come errore il piattello mancato, ndr). L’errore di percezione ci può stare, ma quando è diventato troppo ricorrente, sono iniziati i dubbi, confermati poi dal ritrovamento sui campi di molti piattelli colpiti e non rotti”.
“Con questo non voglio trovare un alibi per la prestazione delle mie squadre e per le medaglie mancate – ci tiene a puntualizzare il Direttore Tecnico – Io sono sempre stato dell’opinione che, se le condizioni sono state le stesse per tutti i partecipanti ad una gara, come in questo caso, chi vince è stato molto più bravo degli altri ed ha vinto meritatamente. Il nostro dispiacere sta nel fatto che, a causa dei problemi logistici e dei piattelli che, al 90%, non saranno quelli che spareremo all’Olimpiade, il nost4ro intento di acquisire la massima confidenza con l’impianto e con la strumentazione è stato disatteso”.
“In qualità di Componente della Commissione dei Commissari Tecnici in seno alla ISSF (International Shooting Sport Federation, ndr) ho scritto al Segretario Generale Franz Schreiber spiegando dettagliatamente tutte queste difficoltà e allegando alcune delle foto fatte ai piattelli colpiti e non rotti, con la speranza che si possa intervenire per evitare che queste condizioni si possano ripetere durante i Giochi”.
“Comunque – conclude Pera – Per recuperare il tempo perduto, in agosto anticiperemo la nostra partenza per il Brasile di qualche giorno, in modo da presentarci nei giorni di gara con la giusta tranquillità”.


COMUNICATO STAMPA n. 48 del 21/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event
Trap – Skeet – Double Trap
14 – 24 aprile 2016
Rio De Janeiro (BRA)


Oggi gli Allenamenti Ufficiali
E’ l’ora dello Skeet
Da domani in gara gli olimpici Cainero, Bacosi, Rossetti e Lodde

Rio de Janeiro – Si apre oggi l’ultimo capito della 2ª Prova di Coppa del Mondo 2016, gara valida anche come Test preolimpico. Nel girono dell’accensione del Sacro Fuoco ad Olympia (GRE) e della partenza del primo tedoforo con la Fiamma che il prossimo agosto illuminerà la XXXI Olimpiade estiva, l’impianto dell’Olympic Shooting Center di Rio ospitano gli allenamenti ufficiali di Skeet.
Sotto la Direzione Tecnica di Andrea Benelli si alterneranno in pedana le tiratrici olimpiche Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Campionessa Olimpica a Pechino 2008, e Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI), lo scorso anno oro nelle Coppe del Mondo di Larnaca ed Al Ain ed argento ai Giochi Europei di Baku, accompagnate dalla giovane Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri, bronzo juniores ai Mondiali del 2013 a Lima (PER).
Al maschile la squadra sarà composta dagli olimpici Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS), Campione Europeo nel 2014 a Sarlospustza e nel 2015 a Maribor nel 2015, e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), che lo scorso anno, pur avendo ancora l’età per competere tra gli Junior, si è portato a casa la medaglia di bronzo ai Mondiali Senior e la Coppa di Cristallo nella Finale di Coppa del Mondo. Con loro in pedana anche Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta, Vice Campione del Mondo Juniores nel 2011 a Belgrado.
Così come accaduto per la Fossa Olimpica, anche lo Skeet avrà un programma di gara diluito, con tre giorni di competizioni per gli uomini e due per le donne, a partire da domani vene
rdì 22 aprile.


COMUNICATO STAMPA n. 47 del 19/04/2016

2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event
Trap – Skeet – Double Trap
14 – 24 aprile 2016


Rio De Janeiro (BRA)
Double Trap – Oro per l’australiano Willet
Due azzurri in semifinale:


Barillà chiude quarto, Chianese sesto
Soddisfatto il Direttore Tecnico Cenci “E’ mancato solo un pizzico di fortuna”

Rio de Janeiro – Nella preolimpica di Double Trap l’Italia non sale sul podio, ma ci va vicino. A sfiorare l’obiettivo medaglia sono stati Antonino Barillà ed Alessandro Chianese, entrambi in semifinale con lo score di 137/150, secondo miglior punteggio di giornata.
Il primo, marinaio di Villa San Giuseppe (RC), è riuscito a centrare il medal match per il bronzo malgrado un piccolo problema tecnico incontrato a metà della seri decisiva “Dopo i primi piattelli ho sentito una sensazione strana quando appoggiavo il fucile alla guancia e, prima di avere difficoltà serie, ho chiesto il time out tecnico per verificare cosa fosse successo. In effetti si erano allentate le viti di sostegno del nasello, cosa che non mi è mai capitata fino ad ora e su cui possono aver influito le alte temperature con cui abbiamo sparato in questi giorni e nella gara di oggi. In ogni caso, nulla di particolare”. In effetti, il Vice Campione del Mondo di Granada 2014 ha ripreso la semifinale in scioltezza, strappando il primo pass per il duello per il bronzo nel quale ha affrontato lo statunitense Walton Eller. Purtroppo per l’azzurro lo scontro diretto è iniziato con un suo zero, seguito poi da altri due che hanno irrimediabilmente minato la sua concentrazione portandolo a cadere in fallo con due doppi zero. In totale gli errori sono stati sette, troppi per sperare di battere il Campione Olimpico di Pechino 2008, che si è preso il bronzo con il punteggio finale di 28 a 23.
“Sono dispiaciuto di essermi fatto condizionare da quello zero in prima pedana. Non ci voleva proprio! E’ stata una gara impegnativa e ho lottato tanto per arrivare alla medaglia, però sono contento di essermela giocata e di aver approcciato bene questo campo”.
Fuori dai medal match Chianese, vincitore della Prima Coppa del Mondo 2016, disputata venti giorni fa a Cipro, anche lui portacolori della Marina Militare. Il tiratore di Casandrino ha tenuto il ritmo con gli avversari fino al nono turno d tiro, poi è caduto in un doppio zero che ha pregiudicato le sue ambizioni di podio. “Arrivare in semifinale non è stato facile. Il campo è impegnativo ed il caldo ha resto tutto ancora più complicato. Mi dispiace per non essere arrivato più in alto, ma sono comunque contento della mia prestazione, anche perché due semifinali in due Coppe del Mondo consecutive non sono male. Continuerò ad allenarmi per migliorare e per dare il mio contributo alla squadra”. Alla fine per lui sesto posto assoluto con 24/30.
Sulla vetta del podio l’australiano James Willet, che dopo il bronzo nella Prima Prova di Coppa del Mondo a Cipro, conferma l’ottimo stato di forma battendo nel gold match il russo Vasily Mosin, bronzo olimpico a Londra 2012 e Campione del Mondo lo scorso anno a Lonato del Garda (BS). Dopo aver chiuso le fasi regolamentari con un identico 27/30, i due hanno proseguito il duello con lo shoot-off, vinto dal primo con +2 a +1.
Lontano dalla semifinale il terzo azzurro in gara. Marco Innocenti di Montemurlo (PO), designato dal Direttore Mirco Cenci come tiratore olimpico per i Giochi di agosto insieme a Barillà, non ha trovato l’acuto necessario per superare il muro del 28/30, siglato in due delle cinque serie di gara, e con lo score totale di 131/150 si è fermato in 20ª posizione.
“Sono abbastanza soddisfatto – ha commentato a caldo Cenci – Con due tiratori in semifinale mi aspettavo qualcosa di più, ma l’obiettivo primario di questa competizione era prendere dimestichezza con i campi e siamo riusciti a farlo al meglio. Adesso abbiamo tutti gli strumenti per completare la preparazione in vista delle prossime gare e dell’appuntamento olimpico”. 
Domani pedane libera da eventi ufficiali ed i tre campi dell’Olympic Shooting Center saranno a disposizione degli specialisti di Skeet per gli allenamenti liberi.


COMUNICATO STAMPA n. 46 del 18/04/2016

2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event
Trap – Skeet – Double Trap
14 – 24 aprile 2016
Rio De Janeiro (BRA)

Double Trap
Domani in gara Barillà, Innocenti e Chianese 
Semifinale in programma a partire dalle 20.45 italiane

Rio de Janeiro – Oggi l’Olympic Shooting Center ospiterà gli allenamenti ufficiali di Double Trap, i cui specialisti saranno in gara domani con 150 piattelli di qualificazione e la semifinale. 
Massima la concentrazione degli azzurri convocati dal Direttore Tecnico Mirco Cenci, che cercheranno di fare tesoro delle valutazioni fatte dai loro colleghi di Trap circa le difficoltà tecniche dell’impianto brasiliano durante le gare dei gironi passati.
In pedana ci saranno Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), medaglia d’argento ai Campionati del Mondo di Granada 2014 e medaglia di bronzo ai Giochi Europei di Baku 2015, Marco Innocenti di Montemurlo (PO), vincitore della Finale di Coppa del Mondo del 2004 a Maribor e medaglia d’argento nella Coppa del Mondo di Al Ain 2015, scelti per rappresentare l’Italia ai Giochi, e Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), vincitore della Prima Prova di Coppa del Mondo di quest’anno a Nicosia.
La semifinale, a cui accederanno i migliori sei tiratori, inizierà alle 20.45 italiane.


COMUNICATO STAMPA n. 45 del 18/04/2016


Tiro all’Elica

Al Tav Bologna il secondo passo verso il Tricolore

Nell’impianto di Casalecchio di Reno oro per Adreveno e Rota


Il Tricolore di Elica 2016 è di due passi più vicino. Al Tav Bologna di Casalecchio di Reno si è conclusa la seconda tappa della rincorsa alla Finale del Campionato italiano a cui hanno preso parte 177 specialisti.

La classifica Assoluta ha avuto il suo dominatore in Vincendo Adreveno di Lavanga (GE) oro dopo aver concluso la gara con un percorso netto di 15 eliche su 15 ed aver avuto ragione di Andrea Martignoni di Collesalvetti Stagno (LI) e Francesco Buonanuova di Martina Franca (TA), approdati come lui all’en-plein. Alla fine il genovese ha dimostrato di avere più sangue freddo, assicurandosi la vetta con +3 e lasciando a Martignoni la piazza d’onore con +2 e a Buonaventura l’ultimo gradino del podio con +1.

Podio con spareggi anche quello del  comparto femminile. In questo caso ad aggiudicarsi l’oro è stata Franca Rota di Mozzo (BG), prima dopo aver avuto ragione di Emanuela Barillà di Spartà (ME) con 13 +3 a 13 +2. Terza Silvia Randi di Riolo Terme (RA) con 10/15 e +1 nello spareggio che l’ha vista contrapposta a Paola Tattini di Ozzano dell’Emilia, quarta con 10 +0.

Vittoria netta, invece, quella di Luca Benedetti tra gli Junior. Il giovane tiratore di Lavezzola (RA) è stato l’unico a sfiorare la perfezione arrivando al punteggio finale di 14/15. Alle sue spalle Manuele Pirazzoli di Riolo Terme (RA) e Giacomo Fiocchi di Milano (MI), entrambi arrivati al termine della gara con lo score di 13/15 e costretti ad uno spareggio per decidere l’argento il bronzo. Alla fine a  vincere il duello con +1 a +0 è stato il ravennate.

Andrea Martignoni è tornato sul podio con i tiratori di Prima categoria, ma questa volta il punteggio di 15 +2 gli è valso l’oro, così come con 15 +3 Antonio Pellegrino di Marsala (TP) si è aggiudicato quello tra i Seconda e Luca Livio Biagini di Iolo Prato (PO) con 12+3 si è messo al collo quello di Terza.

Oro anche per Mauro Casalini di Monticelli D’Ongina (PC) con 13 +3 e per Mario Sabbi  Monte San Pietro (BO) con 14 +3, rispettivamente leader delle classifiche Veterani e Master.

Dulcis in fundo, nella classifica riservata ai sestetti societari a meritarsi la vetta del podio sono stati i padroni di casa del Tav Bologna, autori di un complessivo 83/90 +6 che li ha portati davanti a quelli del Tav Le Casine, secondi con 83 +3, ed a quelli del Tav Randi, terzi con 82.

Da segnalare anche la gara sperimentale del Campionato Italiano Doppietta che ha premiato come migliori Sebastiano Molinari nella classifica Assoluta, Silvia Randi in quella delle Ladies, Luca Benedetti in quella degli Junior, Giancarlo Serra in quella dei Veterani e Arrigo Olivieri in quella dei Master.



COMUNICATO STAMPA n. 44 del 18/04/2016


Settore Giovanile

A Todi il 2° Gran Premio 2016

In gara 285 giovani aspiranti Campioni. La Fossa domina con 227 presenze


Una festa di sport e amicizia, come sempre quando si tratta di Settore Giovanile, ha monopolizzato le pedane del Tav Umbiraverde-Todi nell’ultimo fine settimana. In totale sono stati 285 i giovani aspiranti campioni provenienti da tutta Italia che si sono cimentati con la gara, valevole anche come prova di qualificaizne per la Finale di Campionato Italiano.

Come di consueto, a raggruppare il maggior numero di iscritti è stata la gara di Fossa Olimpica, alla quale hanno partecipato in 227. Tra di loro Davide Rosicarelli (Fiamme Oro) di Palestina (RM), migliore tra gli junior Maschili presenti in pedana, che grazie al 68/75 +1 in qualificazione ed ai due successi 12/15 siglati in semifinale e nel medal match per l’oro è salito fino alla vetta del podio. Dietro di lui l’argento è andato a Diego Valeri (Fiamme Oro) di Artena (RM), migliore in qualificazione con 71/75 ed in semifinale con 14/15, ma caduto su un meno brillante 11/15 nel gold match. Sul podio anche Giulio Nelli di Calci (PI), uscito vincitore per 10 a 8 nel duello per il bronzo che lo ha visto contrapposto a Teo Petroni di Fabrica di Roma (VT).

Ottima la prestazione di Isabella Cristiani tra le Juniores Femminili. La tiratrice di San Giuliano Terme (PT) è rientrata nel gruppo delle migliori sei con lo score di 68/75, centrando poi il duello più importante con un quasi perfetto 14/15. Qui ha incontrato Giulia Grassi di Catania (CT) e con un misurato 12 a 11 ha costretto la siciliana all’argento mettendosi al collo l’oro.

Medaglia di bronzo per Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello (PE), migliore in qualificazione con 69/75, e arrivata al podio dopo con il 13 +2 inflitto all’avversaria Carolina Paganini di Ameglia (SP).

D’oro anche Piero Simeoni di Valdobbiadene (TV), migliore tra gli Allievi con 72/75, eguagliato nella gara femminile da Alessandra Della Valle di Solaro (MI), prima tra el Allieve con 63/75.

Ottimo anche il risultato concretizzato da Fabio Beccari di Comacchio (FE), il quale con 72/75 si è preso l’oro del comparto delle Giovani Speranze. Infine, sulla vetta dei podi degli Esordienti sono saliti Emanuele Iezzi di Manoppello (PE) con 71+4 e Sofia Littamè di Baone (PD) con 47/75.

Numeri molto ridotti, ma comunque qualificanti, lo Skeet, in gara con 41 specialisti. In questo caso i maggiori onori del comparto di Eccellenza sono andati a Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, arrivato in vetta sul podio Juniores Maschile con 67/75 in qualificazione, 14/16 in semifinale e 15/16 nello scontro diretto per l’oro che lo ha contrapposto a Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano, argento con 12. Con loro sul podio Matteo Chiti di Pistoia (PT), bronzo dopo il 14 a 13 con cui si è imposto su Lorenzo Ranieri di Campoformido (UD).

Tra le Junior Femminili la vittoria è stata appannaggio di Francesca Grieco (Fiamme Oro) di Ottati (SA) , migliore in qualificazione con 62/75 e impostasi su Gida Longhi di Roccaranieri (RI), sua avversaria nel gold match, allo spareggio con 13/16 +5 a 13/16 +4. Medaglia di bronzo per Francesca Del Prete di Cisterna di Latina (LT) con 8 a 3 su Giulia Basso di Gazzo Padovano (PD).

Complimenti anche a Erik Pittini di Priola di Sturio (UD), oro tra gli Allievi con 73/75, a Francesco Bernardini di Fara Sabina (RI), oro tra gli Esordienti con 57/75 ed a Giorgia Lenticchia di Terni, in gara tra le Esordienti Femminili.

Passando al Double Trap, tra i tiratori del comparto Junior il più forte in pedana si è dimostrato Jacopo Dal Moro di Selvazzano Dentro (PD), primo sul podio con 124/150 nelle cinque serie di qualificazione, 27/30 in semifinale e 27/30 nel duello per l’oro. Argento, invece, per Eraldo Apolloni di Thiene (VI), argento con 21/30. Sul podio anche Lorenzo Ferrari di Provaglio d’Iseo (BS) grazie al 26 a 21 rifilato a Jacopo Dupre’ De Foresta (Fiamme Oro) di Montepulciano (SI).

Infine, nota di merito pr Nicolò Liceti di Quinto Vicentino (VI), oro tra gli Allievi con 122/150, e Marco Carli di Agna (PD), oro tra gli Esordienti con 85/120.


COMUNICATO STAMPA n. 43 del 18/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event

Trap – Skeet – Double Trap

14 – 24 aprile 2016

Rio De Janeiro (BRA)

Double Trap

Domani in gara Barillà, Innocenti e Chianese

Semifinale in programma a partire dalle 20.45 italiane


Rio de Janeiro – Oggi l’Olympic Shooting Center ospiterà gli allenamenti ufficiali di Double Trap, i cui specialisti saranno in gara domani con 150 piattelli di qualificazione e la semifinale.

Massima la concentrazione degli azzurri convocati dal Direttore Tecnico Mirco Cenci, che cercheranno di fare tesoro delle valutazioni fatte dai loro colleghi di Trap circa le difficoltà tecniche dell’impianto brasiliano durante le gare dei gironi passati.

In pedana ci saranno Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), medaglia d’argento ai Campionati del Mondo di Granada 2014 e medaglia di bronzo ai Giochi Europei di Baku 2015, Marco Innocenti di Montemurlo (PO), vincitore della Finale di Coppa del Mondo del 2004 a Maribor e medaglia d’argento nella Coppa del Mondo di Al Ain 2015, scelti per rappresentare l’Italia ai Giochi, e Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), vincitore della Prima Prova di Coppa del Mondo di quest’anno a Nicosia.

La semifinale, a cui accederanno i migliori sei tiratori, inizierà alle 20.45 italiane.


COMUNICATO STAMPA n. 42 del 17/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event

Trap – Skeet – Double Trap

14 – 24 aprile  2016

Rio De Janeiro (BRA)


Fossa Olimpica Maschile – Fabbrizi fuori dalla semifinale per un piattello

Lo spagnolo Fernandez vince la preolimpica

ISSF critica nei confronti degli organizzatori: l’impianto non è pronto


Rio de Janeiro – Due su due. Dopo aver centrato l’oro nella Prima Prova di Coppa del Mondo a Cipro ala fine del mese di marzo, lo spagnolo Alberto Fernandez si conferma in vetta al podio di Trap Maschile vincendo la preolimpica in corso a Rio De Janeiro. Il Campione Europeo e Mondiale nel 2010 ha avuto qualche problema ad avere ragione del carneade belga Yannick Peeters, che lo ha costretto ad un impegnativo shoot-off al termine del gold match. Alla fine, però, ad avere la meglio è stato il tiratore di Madrid il quale, sicuro della maggior esperienza in gare internazionali, si è messo al collo l’oro con 12 +7 a 12 +6..

Sul terzo gradino del podio è salito il guatemalteco Jean Pierre Brol Cardenas, oro nei Giochi Panamericani del 2011 a Guadalajara, ma per la prima volta a medaglia in una Prova di Coppa del Mondo grazie all’11 a 9 con cui ha avuto ragione del ceco Jiri Liptak, vice Campione Europeo nel 2012 a Larnaca (CYP) e medaglia d’oro nella Coppa del Mondo di Pechino nel 2014

Obiettivo semifinale non centrato per gli azzurri. Ad avvicinarsi di più alla vetta della classifica è stato Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), salito fino a quota 116/125, un solo piattello in meno di quelli necessari per entrare nel mega spareggio che ha coinvolto nove tiratori per un posto tra i migliori sei. Alla fine l’argento di Londra 2012 si è dovuto accontentare del 16° posto.

Vicino alla zona spareggio anche Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT), che con 115 si è attestato in 20ª piazza.

Qualche difficoltà in più per Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli. Il quattro volte Campione del Mondo e tre volte medagliato olimpico, già convocato per la sua settima avventura ai Giochi, non ha mai sfondato il tetto del 22/25 e con il totale di 108 non è salito oltre la 50ª posizione.

Indubbiamente sulla prestazione dei nostri tiratori, così come su quella dei loro avversari, hanno pesato molto le difficoltà tecniche accennate ieri dal Direttore Tecnico azzurro Albano Pera e certificate anche dal Vice Presidente ISSF Gary Andreson, che in una intervista pubblicata oggi sul quotidiano sportivo Lance, uno dei più importanti del Brasile, ha dichiarato “L’impianto non è pronto come doveva essere. Co sono ancora moltre strutture da terminare. Siamo convinti che comunque per la gara olimpica sarà tutto ok”.

Domani le gare si fermeranno per gli allenamenti ufficiali di Double Trap i cui specialisti gareggeranno martedì 19 aprile. Semifinale prevista per le 20.45 italiane.



RISULTATI

Fossa Olimpica Maschile: 1°Alberto FERNANDEZ (ESP) 121/125 – 13/15 – 12/15 (+7); 2° Yannick PEETERS (BEL) 118 – 13 – 12 (+6); 3° Jean Pierre BROL CARDENAS (GUA) 118 – 12 – 11; 4° Jiri LIPTAK (CZE) 119 – 12 – 9;  5° Marian KOVACOCY (SVK) 118 – 10; 6° Edward LING (GBR) 117 (+12) – 10; 16° Massimo FABBRIZI (ITA) 116; 20° Erminio FRASCA (ITA) 115; 50° Giovanni PELLIELO (ITA) 108..


COMUNICATO STAMPA n. 41 del 16/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event

Trap – Skeet – Double Trap

14 – 24 aprile  2016

Rio De Janeiro (BRA)


Fossa Olimpica Femminile – Stanco migliore delle azzurre

L’oro è della taiwanese Lin

Domani ultimo giorno di gara maschile, semifinale a partire dalle 20.00


Rio de Janeiro – La prima medaglia d’oro di questa Coppa del Mondo vola a Taiwan insieme a Yi Chun Lin. Partita malissimo nel gold match che l’ha vista contrapposta alla libanese Ray Bassil, con quattro zeri nei primi sei piattelli, la tiratrice che gareggia con la bandiera di Taipei, classe 1981 ed una lunga carriera di doublista alle spalle, è salita sul gradino più alto del podio di Fossa Olimpica Femminile con un colpo di coda che ha spiazzato l’avversaria, battuta con lo score finale di 10 a 9. Terza la tedesca Sonjua Scheibl, approdata al podio grazie all’11 a 9 con cui ha regolato la cinese Fang Chen.

Vicina allo spareggio d’ingresso in semifinale Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI), che grazie al 22/25 di oggi si è portata al punteggio finale di 66/75, un solo punto in meno di quelli necessari per rientrare nello spareggio di ingresso alla serie decisiva per le medaglie. Per le la undicesima piazza assoluta davanti a Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO), che si è fermata in quindicesima posizione con lo score di 65.

Terza tra le italiane Giulia Pintor (Fiamme Azzurre) di Oristano, solo ventinovesima con 58/75.

“La gara è stata sicuramente condizionata da piattelli molto duri e da sganci delle macchine lanciapiattelli irregolari – ha spiegato Albano Pera, Direttore Tecnico della Fossa Olimpica – Non voglio trovare giustificazioni per una prestazione appannata, anche perché questa è una gara in cui l’importante era ‘prendere le misure con gli impianti, ma i problemi tecnici ed il caldo torrido hanno influenzato la competizione per tutte. Per trovare punteggi così bassi delle finaliste bisogna tornare indietro di almeno quindici anni. Ci sono difficoltà oggettive, che probabilmente ci saranno anche alle Olimpiadi, per le quali cercheremo di adottare le opportune contromisure. Ai Giochi mancano ancora quattro mesi ed abbiamo tutto il tempo per correggere il tiro”.

Domani la Fossa Olimpica chiuderà i battenti con le ultime due serie di qualificazione per il comparto maschile. I migliori sei si affronteranno nella semifinale a partire dalle 20.00 italiane.


RISULTATI

Fossa Olimpica Femminile: 1ª Yi Chun LIN (TPE) 68/75 – 12/15 (+7) – 10/15; 2ª Ray BASSIL (LIB) 67 (+3) – 15 – 9; 3ª Sonja SCHEIBL (GER) 69 – 11 – 11; 4ª Fang CHEN (CHN) 70 – 12 (+6) – 9; 5ª Catherine SKINNER (AUS) 69 – 9; 6ª Laetisha SCANLAN (AUS) 70 – 8; 11ª Silvana STANCO (ITA) 66; 15ª Jessica ROSSI (ITA) 65; 29ª Giulia PINTOR (ITA) 58.


COMUNICATO STAMPA n. 40 del 16/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event

Trap – Skeet – Double Trap

14 – 24 aprile  2016

Rio De Janeiro (BRA)


2° Giorno di gara di Fossa Olimpica Maschile

Guida Fernandez, in recupero Frasca e Fabbrizi

Adesso tocca alle donne, la semifinale in programma alle 19.00 italiane


Rio de Janeiro – Secondo giorno di gara per la Fossa Olimpica. Già negli spogliatoi il comparto maschile, impegnato in una sola serie da 25 piattelli. A guidare la classifica provvisoria è sempre lo spagnolo Alberto Fernandez, solo in vetta con lo score di 74/75, anche se rispetto alla perfezione dimostrata ieri con l’en-plein di 50/50, oggi l’iberico ha lasciato sulle pedane brasiliane uno zero importantissimo per tutti gli inseguitori. Tra questi anche i tiratori azzurri, che hanno provato a rosicchiare qualche punto e accorciare le distanze con la vetta. Migliore dei nostri è stato Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno, che grazie al buon 24/25 di questa mattina si è portato in 14ª posizione con il punteggio di 70/75. Stesso risultato anche per Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), autore di un discreto 23/25. Qualche posizione recuperata anche per Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, che con il 22 di oggi si è attestato a quota 64/75 in cinquantunesima piazza.

“Piattelli durissimi e macchine che sganciano non sempre bene. Non siamo certo al top di forma, ma ci sono delle difficoltà oggettive che, salvo poche eccezioni, stanno condizionando tutti i tiratori – ci ha spiegato il Direttore Tecnico Albano Pera – In ogni caso mancano altri 50 piattelli e la gara è ancora tutta da scrivere. Adesso ci concentriamo sulla gara femminile”.

Gara femminile che è ripresa in questi istanti con l’ultima serie di qualificazione e che terminerà con la semifinale ed i medal matches, in programma a partire dalle 19.00.


RISULTATI

Qualificazione Fossa Olimpica Maschile: Alberto FERNANDEZ (ESP) 74/75; Edward LING (GBR) 72; Manavijit Singh SANDHU (IND) 72; Giovanni CERNOGORAZ (CRO) 72; Jiri LIPTAK (CZE)n 72; Erminio FRASCA (ITA) 70; Massimo FABBRIZI (ITA) 70; Giovanni PELLIELO (ITA) 64.



COMUNICATO STAMPA n. 39 del 15/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event

Trap – Skeet – Double Trap

14 – 24 aprile  2016

Rio De Janeiro (BRA)


Domani 16 aprile la finale femminile, domenica 17 quella maschile

In testa Alberto Fernandez e Chaterine Skinner

La Squadra Azzurra testa l’impianto olimpico con qualche difficoltà


Rio de Janeiro – Primi 50 piattelli per tutti all’Olympic Shooting Center di Rio. Tra le donne in testa l’australiana Catherine Skinner con 48/50, seguita con 47 dalla connazionale Laetisha Scanlan e dalla tedesca Sonja Scheibl. La migliore delle italiane è Silvana Stanco data come dodicesima in classifica generale come la sesta, la cinese di Taipei, Chun Y Lin, anche lei con il punteggio di 44/50 come altre 6 tiratrici che se la gara di qualificazione terminasse oggi dovrebbero spareggiare per un solo posto di semifinale. Jessica Rossi è quindicesima con 43, Giulia Pintor trentaseiesima con 35.

Domani si proseguirà con altri 25 piattelli per tutti e la semifinale ed i medal matches femminili, in scaletta a partire dalle 19.00 italiane.

Doppia serie anche per gli uomini che, dopo i 25 piattelli di domani, domenica 17 concluderanno la gara con gli ultimi 50 bersagli di qualificazione e a seguire ci sarà la semifinale per i primi sei fissata per le ore 20 italiane. Il primo degli italiani è Massimo Fabbrizi, 27° con 47/50, Erminio Frasca con 46 è al 55° posto, Giovanni Pellielo 55° con 42.

Giornata non particolarmente positiva, ma nulla di allarmante perché  La Squadra Azzurra è in preparazione e con molta calma sta prendendo le misure all’impianto olimpico. Inoltre rispetto al consueto programma delle gare, suddiviso in due giorni per gli uomini e concentrato in uno solo per le donne, che sarà la formula anche per Rio 2016, a causa della presenza di soli tre campi di questo impianto è stato diluito in tre giorni per il comparto maschile e in due per quello femminile. L’Olimpiade sarà un’altra storia, la preolompica è per i nostri un test e come tale va giudicata.

Guidano la classifica provvisoria con 50/50 lo spagnolo Alberto Fernandez e il ceco Jiri Liptak, seguono i due croati Giovanni Chernogoraz, Josip Glasnovic, e il belga  Yannick Peters con 49. Al sesto posto David Kostelecky (CZE) con 48 appaiato con altri 3 tiratori.


CLASSIFICHE

Fossa Femminile

1) Catherine Skinner (AUS) 48/50; 2) Laetisha Scanlan (AUS) 47;  3) Sonja Scheibl (GER) 47; 4) Fang Chen (CHN) 46; 5) Arianna Perilli (SMR) 45; 6) Chun Y Lin (TPE) 44.

12) Silvana Stanco (ITA) 44; 15) Jessica Rossi 43 (ITA); 36) Giulia Pintor 35 (ITA).



Fossa Maschile

1) Alberto Fernandez (ESP)  50/50; 2) Jiri Liptak (CZE) 50;  3) Giovanni Chernogoraz (CRO) 49; 4) Josip Glasnovic (CRO) 49  5) Yannick Peters (BEL) 49; 6) David Kostelecky (CZE) 48.

15) Massimo Fabbrizi (ITA) 47; 27) Erminio Frasca (ITA) 46; 55) Giovanni Pellielo (ITA) 42.


COMUNICATO STAMPA n. 38 del 14/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event

Trap – Skeet – Double Trap

14 – 24 aprile  2016

Rio De Janeiro (BRA)


Sabato 16 aprile la finale femminile, domenica 17 quella maschile

A Rio è di scena il Trap

In gara anche gli olimpici Pelllielo e Fabbrizi e l’olimpionica Jessica Rossi


Rio de Janeiro – Ha aperto ufficialmente i battenti in queste ore l’Olympic Shooting Center di Rio, tricampo che nel mese di agosto si trasformerà nel santuario olimpico per il Tiro a Volo e sulle cui pedane si alterneranno, per la prima volta oggi, i 121 tiratori e tiratrici arrivati in Brasile da 37 diverse nazioni. Tra questi tutti i protagonisti della gara olimpica, il cui scopo principale sarà quello di prendere la massima confidenza con l’impianto. Per quanto riguarda la delegazione italiana i riflettori saranno puntati su Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, quattro volte Campione del Mondo e tre volte medagliato olimpico con il bronzo a Sydeny 2000, l’argento ad Atene 2004 ed a Pechino 2008, su Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), medaglia d’argento a Londra 2012, e sulla Campionessa Olimpica di Londra 2012 Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore.

Per questo Test Event il Direttore Tecnico Albano Pera ha individuato come loro compagni di squadra Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT), sesto classificato a Pechino 2008 e vincitore della Finale di Coppa del Mondo del 2007 a Belgrado per quanto riguarda la arte maschile e Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI), oro alla Coppa del Mondo di Al Ain (UAE) lo scorso anno, e Giulia Pintor (Fiamme Azzurre) di Santa Giusta (OR), medaglia di bronzo ai Campionati Europei del 2001 a Zagabria, per quanto riguarda quella femminile.

Senza aver avuto la possibilità di scaldarsi i muscoli con allenamenti liberi, a causa di problemi organizzativi degli organizzatori locali, oggi i nostri tiratori debutteranno sulle pedane per gli allenamenti ufficiali in vista delle gare che inizieranno domani. Rispetto al consueto programma delle gare, suddiviso in due giorni per gli uomini e concentrato in uno solo per le donne, a causa della presenza di soli tre campi è stato diluito in tre giorni per il comparto maschile ed in due per quello femminile. Si parte domani, venerdì 15 aprile, con i primi 50 piattelli di qualificazioni sia per gli uomini che per le donne e sabato 16 si proseguirà con altri 25 piattelli per tutti e la semifinale ed i medal matches femminili, in scaletta a partire dalle 19.00 italiane. Infine, domenica 17 aprile il comparto maschile completerà le qualificazioni con gli ultimi 50 piattelli ed i primi sei della classifica provvisoria accederanno alla semifinale, prevista per le 20.00 italiane.


LA SQUADRA AZZURRA DI FOSSA OLIMPICA

Senior: Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di monteprandone (AP); Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT); Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli..

Ladies: Giulia Pintor (Fiamme Azzurre) di Santa Giusta (OR);Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO); Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI).

Commissario Tecnico: Albano Pera


LA SQUADRA AZZURRA DI DOUBLE TRAP

Senior:  Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC); Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA); Marco Innocenti di Montemurlo (PO).

Commissario Tecnico: Mirco Cenci


LA SQUADRA AZZURRA DI SKEET

Senior: Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta (CE); Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS); Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT) .

Ladies: Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI); Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD); Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri.

Commissario Tecnico: Andrea Benelli


COMUNICATO STAMPA n. 37 del 11/04/2016


Double Trap

Il 2°Gran Premio è di Innocenti

Nel comparto del Settore Giovanile oro per Lorenzo Ferrari


Marco Innocenti si è portato a casa l’oro del secondo Gran Premio 2016, affermandosi come il migliore in gara sulle pedane del Tav Umbiraverde-Todi prorpio alla vigilia della sua partenza per la Pre Olimpica di Rio de Janeiro (BRA).

La sua scalata alla vetta del podio non è stata certo priva di insidie; dopo aver chiuso le qualificazioni con lo score di 136/150 si è trovato a dover spareggiare con altri tre tiratori per un solo posto in semifinale. Una volta rientrato tra i  migliori sei grazie al +8 fatto registrare nello spareggio, nella serie decisiva si è trovato a dover passare nuovamente nelle forche caudine di uno spareggio. Alla fine con 28/30 +14 lui ed il pluricampione del Mondo Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) si sono trovati come avversari nel Gold Match. A decidere il duello sono stati i tre errori del poliziotto di Terracina (LT), che con 27 si è dovuto accontentare dell’argento, mentre Innocenti,  vincitore della Coppa di Cristallo del 2004 e medaglia d’argento nella Coppa del Mondo di Al Ain 2015, si è messo al collo l’oro con 28/30.

Sul podio anche Alessandro Chianese (Marina Militare). Il napoletano di Casandrino, oro nella Prima Prova di Coppa del Mondo di quest’anno a Cipro, ha regolato con un perfetto 30/30 il forestale Rodolfo Viganò di Castello d’Agogna (PV), quarto con 26/30.

Passando al comparto del Settore Giovanile, anche la scalata alla vetta di Lorenzo Ferrari (Fiamme Oro) di Provaglio d’Iseo (BS) non è stata semplice. Il giovane tiratore bresciano si è qualificato alla semifinale con 135/150 ed ha poi agguantato il gold match con 28/30 +6. Stessi punteggi realizzati anche da Jacopo Dal Moro (Fiamme Oro) di Selvazzano Dentro (PD), suo avversario nello scontro finale, che nel duello conclusivo si è dovuto arrendere con il punteggio di 29 a 28. Terzo Jacopo Dupre’ De Foresta (Fiamme Oro) di Montepulciano (SI) grazie al 27 +8 a 27 +7 rifilato al siciliano Umberto Onofrio Pagnotta di Caltanissetta.

Per quanto riguarda le altre categoria, a meritarsi l’oro tra i Prima è stato Matteo Serena di Brescia con 155/180, mentre quello dei Seconda e dei Terza sono andati, rispettivamente, a Alessandro Lince di Passignano Sul Trasimeno (PG) con 153/180 +4, ed a Stefano Marullo di Palagiano (TA) con 144/180.

Il prossimo appuntamento con il Double Trap sarà l’8 maggio al Tav Carisio, sulle cui pedane si celebrerà il Terzo ed ultimo Gran Premio della stagione 2016.


COMUNICATO STAMPA n. 36 del 11/04/2016


2ª Prova di Coppa del Mondo – Test Event

Trap – Skeet – Double Trap

18 – 24 marzo  2016

Nicosia (CYP)


Prove generali d’Olimpiade

Azzurri a Rio de Janeiro per la Coppa del Mondo valida come Test Event


Pur mancando ancora qualche mese all’Olimpiade brasiliana, per il Tiro a Volo i riflettori su Rio De Janeiro si accendo in questa settimana.

La città delle famose spiagge di Copacabana e Ipanema ospita la Seconda Prova di Coppa del Mondo 2016, vera e propria prova generale prima delle gare del prossimo agosto, le cui prime gare impegneranno gli specialisti di Fossa Olimpica a partire da venerdì 15 aprile.

Già a Rio da ieri, domenica 10 aprile, la squadra del Direttore Tecnico Albano Pera avrà qualche giorno per prendere confidenza con gli impianti prima degli allenamenti ufficiali, in programma giovedì 14. A vestire i colori azzurri saranno Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), medaglia d’argento a Londra 2012, Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, quattro volte Campione del Mondo e tre volte medagliato olimpico (bronzo a Sydeny 2000, Argento ad Atene 2004 e a Pechino 2008), designati dal DT e dal Consiglio Federale come componenti della squadra olimpica, ed Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT), sesto classificato a Pechino 2008 e vincitore della Finale di Coppa del Mondo del 2007 a Belgrado per la squadra Maschile, mentre per quella femminile ci saranno Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO), che a Rio andrà a difendere il titolo di Campionessa Olimpica conquistato a Londra nel 2012, Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI), oro alla Coppa del Mondo di Al Ain (UAE) lo scorso anno, e Giulia Pintor (Fiamme Azzurre) di Santa Giusta (OR), medaglia di bronzo ai Campionati Europei del 2001 a Zagabria.

Rispetto al consueto programma delle gare, suddiviso in due giorni per gli uomini e concentrato in uno solo per le donne, a causa della presenza di soli tre campi gara a Rio verrà diluito in tre giorni per il comparto maschile ed in due per quello femminile.

Lunedì 18 e martedì 19 aprile i protagonisti delle pedane dell’Olympic Shooting Center saranno i tiratori del Double Trap, partiti oggi dall’aeroporto romano di Fiumicino. Il Direttore Tecnico Mirco Cenci  schiererà in pedana Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), medaglia d’argento ai Campionati del Mondo di Granada 2014 e medaglia di bronzo ai Giochi Europei di Baku 2015, e Marco Innocenti di Montemurlo (PO), vincitore della Finale di Coppa del Mondo del 2004 a Maribor e medaglia d’argento nella Coppa del Mondo di Al Ain 2015, scelti per rappresentare l’Italia ai Giochi. A completare il terzetto ci sarà Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), vincitore della Prima Prova di Coppa del Mondo di quest’anno a Nicosia.

Per loro il programma non subirà alcun cambiamento rispetto a quello consueto, con allenamenti ufficiali nella giornata di lunedì 18 e gara completa in quella di martedì 19 aprile.

A chiudere la kermesse internazionale sarà lo Skeet. Il Direttore Tecnico Andrea Benelli e la sua squadra lasceranno l’Italia solo giovedì 14 aprile. Ad imbarcarsi alla volta di Rio saranno le tiratrici olimpiche Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Campionessa Olimpica a Pechino 2008, Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI), lo scorso anno oro nelle Coppe del Mondo di Larnaca ed Al Ain ed argento ai Giochi Europei di Baku, accompagnate dalla giovane Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri, bronzo juniores ai Mondiali del 2013 a Lima (PER).

Al maschile la squadra sarà composta dagli olimpici Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS), Campione Europeo nel 2014 a Sarlospustza e nel 2015 a Maribor nel 2015, e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), che lo scorso anno, pur avendo ancora l’età per competere tra gli Junior, si è portato a casa la medaglia di bronzo ai Mondiali Senior e la Coppa di Cristallo nella Finale di Coppa del Mondo. Con loro in pedana anche Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta, Vice Campione del Mondo Juniores nel 2011 a Belgrado.

Così come per la Fossa Olimpica, anche lo Skeet avrà un programma di gara diluito, con tre giorni di competizioni per gli uomini e due per le donne, a partire da venerdì 22 aprile.



LA SQUADRA AZZURRA DI FOSSA OLIMPICA

Senior: Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di monteprandone (AP); Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT); Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli..

Ladies: Giulia Pintor (Fiamme Azzurre) di Santa Giusta (OR);Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO); Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI).

Commissario Tecnico: Albano Pera


LA SQUADRA AZZURRA DI DOUBLE TRAP

Senior:  Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC); Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA); Marco Innocenti di Montemurlo (PO).

Commissario Tecnico: Mirco Cenci


LA SQUADRA AZZURRA DI SKEET

Senior: Tammaro Cassandro (Forestale) di Caserta (CE); Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS); Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT) .

Ladies: Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI); Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD); Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri.

Commissario Tecnico: Andrea Benelli


COMUNICATO STAMPA n. 35 del 07/04/2016


Raduni Tecnici

Il Double Trap in Umbria, la Fossa in Toscana

Allenamenti pre partenza in vista del test event di Rio de Janeiro


La seconda Prova di Coppa del Mondo è alle porte e le squadre azzurre fanno il punto sulla preparazione tecnica. Dopo il raduno dello Skeet della scorsa settimana, tocca ora al Double Trap ed alla Fossa Olimpica iniziare il percorso di avvicinamento al Test Eventi, in programma a Rio de Janeiro dal 13 al 24 aprile.

Il team del Direttore Tecnico Mirco Cenci da questa sera sarà in Umbria e lavorerà nelle strutture del Tav Umbriaverde, sulle cui pedane domenica 10 aprile si svolgerà il 2° Gran Premio di Specialità.

Convocati per la full immersion Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina (LT), Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare (PU), Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA) e, ovviamente, i due selezionati per l’Olimpiade di Rio Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC) e Marco Innocenti di Montemurlo (PO).

“Faremo il punto sullo stato di preparazione tecnica e fisica – ha spiegato Cenci – La stagione 2016 non è fatta solo di Olimpiadi. Ci sono le Coppe del Mondo e l’Europeo, appuntamento importanti nei quali vogliamo ben figurare. L’unica differenza nel programma di preparazione è costituita dalla tempistica, perché Barillà ed Innocenti devono raggiungere il top della forma in agosto. In ogni caso, tutti i miei tiratori verranno passati in rassegna dal Prof. Fabio Partigiani (Preparatore Atletico delle Nazionali azzurre di Tiro a Volo, ndr), che valuterà la preparazione fisica e darà indicazioni per eventuali correzioni di marcia.

Passando alla Fossa Olimpica, la location scelta dal Direttore Tecnico Albano Pera è quella del Tav Montecatini Pieve a Nievole (PT). “L’impianto di Rio ha tre campi di gara, quindi potremo allenarci poco in loco, solo nei giorni del 13 e 14 aprile. Considerando che partiremo nella serata del 9 aprile da Roma e che arriveremo a Rio domenica 10, ho ritenuto opportuno effettuare un allenamento pre partenza per valutare la forma dei miei tiratori”.

Sotto la lente d’ingrandimento di Pera passeranno le ladies Giulia Pintor (Fiamme Azzurre) di Santa Giusta (OR), Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI) e Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore, mentre al maschile le attenzioni del Direttore Tecnico saranno concentrate su Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT), Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP) e Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli.


COMUNICATO STAMPA n. 34 del 05/04/2016


Compak Sporting – Gran Premio Nazionale e Grand Prix Internazionale

Battisti, Maruzzo e Camporese due volte d’oro

A Rio Salso parata di Campioni. Palinkas: qui il Mondiale 2018


Il Tiro a Volo San Martino di Rio Salso di Tavullia si conferma come uno dei luoghi nevralgici per la specialità del Compak Sporting Nazionale ed Internazionale. L’ultimo evento ospitato sulle pedane marchigiane del Presidente Oliviero Pacassoni è stato il 2° Gran Premio Fitav della specialità che ha coinciso con il Grand Prix D’Italie per la FITASC, Federazione Internazionale di Tiro con Armi Sportive e da Caccia. Tra i 254 iscritti alle due gare, con rappresentati di Russia, Inghilterra, Ucraina, Lituania, Ungheria, Francia e Svizzera, anche il Presidente della Fitasc Jean Francois Palinkas il quale, dopo una riunione con il Presidente della Fitav Luciano Rossi ed il Presidente del sodalizio Pacassoni, ha confermato l’intenzione di assegnare al Tav San Martino l’organizzazione del Campionato del Mondo di Compak Sporting del 2018.

“Per queste pedane non è una novità – ha commentato Rossi – lo staff del Presidente Pacassoni ha dimostrato di avere capacità organizzative eccezionali già nelle passate edizioni degli eventi internazionali a loro assegnati. Sono sicuro che, grazie alla passione ed alla dedizione dimostrata da tutti loro, il Mondiale 2018 sarà una ulteriore conferma di queste professionalità”.

Tornando alle gare, a dominare senza rivali le classifiche della massima serie, ovvero quella di Eccellenza per la gara nazionale e quella Open per la gara internazionale, è stato Marco Battisti. Il tiratore di Monteciccardo (PU), già Vice Campione del Mondo nel 2013 a San Pietroburgo (RUS), ha chiuso le otto serie di gara con lo score totale di 195/200, meritandosi l’oro della manifestazione internazionale ed il primo posto tra i sei finalisti per quella nazionale, ed ha poi proseguito verso l’oro del Gran Premio siglando un quasi perfetto 24/25 che lo ha consacrato come migliore anche della classifica di Eccellenza. Alle sue spalle sul podio nazionale sono saliti Samuele Sacripanti di Amelia (TR), argento con 218, e Michael Spada di Fabro (TR), bronzo con 217 +23, mentre su quello internazionale Michael Spada si è messo al collo l’argento con il totale di 193 ed il padre Veniero, Commissario Tecnico della specialità Compak e Sporting, si è meritato il bronzo con lo score di 192 +23.

Bis d’oro anche per Martina Maruzzo di Nanto (VI), Vice Campionessa Europea del 2013, medaglia conquistata proprio a Rio Salso nel 2013, migliore di entrambe le classifiche con il punteggio di 188 in qualificazione e quello di 24 in finale, con il totale di 212. Per quanto riguarda il Gran Premio sul podio con lei sono salite Katia Vaghi di Treia (MC), argento con 205, e Jessica Tosti di Colombella (PG), bronzo con 193. Per quanto riguarda, invece, il podio del Grand Prix d’Italie, la piazza d’onore è stata occupata dall’inglese Cheryl Hall con 186 ed il terzo posto è andato a nostra Vaghi con 182.

Identica la situazione anche per il podio Junior. A meritarsi il massimo degli onori è stato Cristian Camporese di Padova (PD), oro nel Grand Prix con 186/200 e nel Gran Premio con 209/225. Le medaglie d’argento in palio se le sono divise l’inglese Henry Young con 181/200 e Luca Panizza di Lienra (LC) con 199/225. Per le medaglie di bronzo l’unico vincitore è stato Pietro Piccari Ricci di Rimini, il quale si è messo al collo quella del Grand Prix con 177/200 e quella del Gran Premio con 196/225.

Veniereo Spada è tornato sul podio anche per la classifica internazionale dei Veterani, in cui si è meritato l’oro con 192/200 davanti a Claudio Moretti di Rimini ed a Mauro Bosi di Forlì, rispettivamente argento e bronzo con 190 e 185. Questi ultimi due tiratori si sono ritrovati anche sul podio del Gran Premio in prima e seconda posizone, il primo con 214 ed il secondo con 210, davanti a Paolo Battisti di Monteciccardo (PU), bronzo con 206.

L’ultimo podio doppio è stato quello dei Master: su quello internazionale sono saliti Alvaro Leardini di Morciano di Romagna, Giovanni Zamboni di Gavardo (BS) e lo svizzero Alan Reyna, rispettivamente oro con 184/200, argento con 181 e bronzo con 179; su quello nazionale Leardini e Zamboni sono stati accompagnati da Ferruccio morelli di Livorno, ma in questo caso i punteggi sono stati 206/225 per l’oro, 204 per l’argento e 201 per il bronzo

Infine, complimenti anche ai dominatori delle classifiche solo nazionali di Prima Categoria, guidata da Maurizio Caruso di Volterra con 217/225, di Seconda Categoria, in cui ha primeggiato Marco Di Girolamo di Pontinia (LT) con 207/225, e di quella di Terza Categoria, in cui si è imposto Marco Ciampini di Santa Maria a Monte (PI), oro con 207/225.


COMUNICATO STAMPA n. 33 del 04/04/2016


Skeet formula ISSF

Nel 1° Gran Premio vincono Filippelli,

Scocchetti e Palmucci

In gara a Scanzano 125 specialisti


Ad aggiudicarsi la medaglia d’orno nel Primo Gran Premio 2016 per la specialità dello Skeet formula Issf è stato Riccardo Filippelli. L’azzurro di Pistoia, portacolori per il Gruppo Sportivo dell’Esercito Italiano, ha imposto il suo ritmo alla gara dominandone tutte le fasi con carattere e determinazione. La sua scalata alla vetta è partita dalle qualificazioni, iniziate con tre perfetti 25/25 e proseguite con i successivi 21 e 24, che lo hanno portato in semifinale con 120/125, miglior punteggio di giornata. Nel seconda fase si è assicurato l’accesso al gold match con un quasi perfetto 15/16 più 2 nello spareggio d’ingresso che lo ha visto contrapposto a Tammaro Cassandro e ad Eros Marcellini. Anche nel duello finale, disputato conto Cassandro, agente Forestale di Caserta, Filippelli ha sfiorato la perfezione sbagliando un solo piattello e mettendosi al collo l’oro con il parziale di 15 a 14.

Terzo sul podio Giancarlo Tazza, poliziotto di Caserta, medaglia di bronzo grazie al 15 a 12 rifilato a Eros Marcellini di Roma.

Tra i 125 tiratori che hanno affollato le pedane del Tav Lo Schioppo di Scanzano (MT), oltre a quelli della categoria Eccellenza, a competere sono stati anche quelli delle qualifiche Ladies e Settore Giovanile e quelli delle Categorie Prima, Seconda e Terza.

Per quanto riguarda la gara femminile, a salire fino alla vetta del podio è stata Simona Scocchetti di Tarquinia )VT), anche lei come Filippelli portacolori dell’Esercito, arrivata alla medaglia d’oro dopo aver battuto nel gold match l’avversaria Chiara Costa (Carabinieri) di Roma con il puneggio di 15 a 13.

Sul podio anche Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri (RM), terza in classifica dopo aver avuto ragione di Francesca Grieco (Fiamme Oro) di Ottati (SA) con un deciso 14 a 12.

Nel comparto del Settore Giovanile continua la serie positiva di Valerio Palmucci. Il giovane tiratore delle Fiamme Oro di Fiano Romano (RM), già Campione del Mondo Junior nel 2015, ha agguanto la medaglia d’oro con un bellissimo en-pelin nel duello conclusivo contro il compagno di squadra Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, argento con un comunque ottimo 15/16. Con loro sul podio anche Leonbruno Cavaliere (Fiamme Oro) di Roma, arrivato al bronzo grazie al 15 a 12 rifilato ad Erik Pittini di Provaglio d0Iseo (UD).

Infine, complimenti anche ai vincitori delle classifiche di Prima, Seconda e Terza Categoria, che hanno gareggiato seconda la formula in vigore fino a Londra 2012. Ad aggiudicarsi le medaglie d’oro sono stati Marco D’Amico di Macerata Campania (CE) con 144/150, Claudio Boccardo di Monsummano Terme (PT) con 133/150 +6 e Giovanni Don Vito di Francavilla Fontana (BR) con 122 +3.

Il prossimo appuntamento nazionale con lo Skeet formula ISSF è fissato al Tav Conselice (RA) per il 14 e 15 maggio con il 2° Gran premio di specialità.



COMUNICATO STAMPA n. 32 del 31/03/2016


Skeet Olimpico

Benelli raduna i suoi prima del test event a Rio

Bacosi, Cainero e Rossetti al lavoro al Tav Laterina fino al 3 marzo


Il test event di Tiro a Volo, in gergo “pre olimpica”, si svolgerà a Rio de Janeiro dal 13 al 25 aprile e le squadre olimpiche scaldano i motori per arrivare al top della forma al secondo appuntamento più importante della stagione. Da oggi e fino a domenica 3 aprile il Direttore Tecnico dello Skeet Andrea Benelli ha chiamato i suoi tiratori olimpici sulle pedane del Tav Laterina per un raduno pre partenza.

“Su questa gara costruiremo la nostra Olimpiade – ha spiegato Benelli – Avremo la possibilità di prendere confidenza con le pedane, con la visibilità, con le macchine, con i piattelli e con tutto quello con cui ci dovremo confrontare nella competizione di agosto. Sarà un vero e proprio test, durante il quale raccoglieremo tanti dati che poi riutilizzeremo nei prossimi mesi”.

Presenti al raduno Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Campionessa Olimpica di Pechino 2008, Diana Bacosi (esercito) di Cetona (SI, oro alle Coppe del Mondo di Al Ain (UAE) e Larnaca (CYP) nel 2015 e medaglia d’argento alla prima edizione dei Giochi europei di Baku 2015, e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), l’anno scorso medaglia di bronzo al Mondiale di Lonato del Garda (BS) e vincitore della Finale di Coppa del Mondo a Nicosia (CYP).

Assente giustificato a questo stage Luigi Loddo (Esercito) di Ozieri (SS), Campione Europeo in carica dal 2014, entrato nella squadra olimpica solo due giorni fa, ma è già stata confermata la sua presenza alla gara in Brasile.


COMUNICATO STAMPA n. 31 del 24/03/2016


1ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

18 – 24 marzo  2016

Nicosia (CYP)


Trap Maschile

Oro ed argento per la Spagna con Fernandez e Bailon

Due azzurri in semifinale: Miotto chiude quinto, Resca sesto


Nicosia (CYP) – Dominio spagnolo nella gara di Fossa Olimpica Maschile alla Coppa del Mondo di Cipro. Nell’ultimo evento della prima tappa del circuito ISSF (Federazione Internazionale degli Sport di Tiro), gli iberici l’hanno fatta da padroni meritandosi le due medaglie più preziose. Ad affrontarsi nel gold match sono stati, infatti, Alberto Fernandez, Campione Europeo e Mondiale nel 2010, e Antonio Bailon, oro alla Coppa del Mondo di Monaco nel 2014, che si sono resi protagonisti di un duello equilibrato, deciso dallo shoot-of con il punteggio finale di 11+2 a 11 +1 a favore del primo.

La medaglia di bronzo è andata al Campione Olimpico di Londra 2012 Giovanni Cernogoraz. Per salire sul podio il croato ha dovuto affrontare il turco Yavuz Ilnam, battuto con  lo score di 13 a 12.

Occasione sprecata quella di Luca Miotto e Daniele Resca, entrambi portacolori dei Carabinieri, entrati in semifinale con l’identico punteggio di 122/125, migliore di giornata.

Il primo, bresciano di Ciliverghe al debutto nella squadra Senior, ha tenuto il ritmo degli avversari fino a metà della serie decisiva ed ha poi infilato quattro zeri che lo hanno tagliato fuori dai giochi per le medaglie.

Pesante black out in partenza quello subito, invece, dall’emiliano di Pieve di Cento (BO), che ha esordito sbagliando i primi quattro piattelli ed aggiungendo altri due zeri nella seconda fase della semifinale. Alla fine con lo score di 10/15 Miotto si è dovuto accontentare della quinta posizione, non male per la sua prima volta tra i grandi, mentre con 9/15 Resca è scivolato fino alla sesta piazza.

Niente semifinale per Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo che ai 70 punti conquistati ieri ha aggiunto i 43 accumulati oggi con un 24/25 e d un 22/25, arrivando al totale di 116/125 ed alla trentaduesima posizione.

La prossima tappa di Coppa del Mondo porterà i migliori tiratoi a Rio de Janeiro per la prova generale prima dei Giochi di questa estate. Sicuramente in pedane tutti i protagonisti della gara di agosto, con il via alle competizioni venerdì 15 aprile.


RISULTATI


Finale Trap Maschile: 1° Alberto FERNANDEZ (ESP) 121 – 13 (+4) – 11 (+2); 2° Antonio BAILON (ESP) 120 (+4) – 13 (+4) – 11 (+1); 3° Giovanni CERNOGORAZ (CRO) 120 (+3+1) – 12 – 13; 4° Yavuz ILNAM (TUR) 120 (+4) – 13 (+4) – 12; 5° Luca MIOTTO (ITA) 122 – 10; 6° Daniele RESCA (ITA) 122 – 9; 32° Valerio GRAZINI (ITA) 116.


COMUNICATO STAMPA n. 30 del 23/03/2016


1ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

18 – 24 marzo  2016

Nicosia (CYP)


Trap Maschile

Resca al comando con un en-plein sfiorato

Bene anche il debuttante Miotto, rincorre Grazini. Domani semifinale alle 14.00


Nicosia (CYP) – Niente podi oggi all’Olympic Shooting Range di Latsia a Nicosia, le cui pedane sono state impegnate dalla prime tre serie di qualificazione della Fossa Olimpica Maschile.

A condurre la classifica provvisoria è il nostro Daniele Resca autore di un quasi perfetto 74 su 75. Il carabiniere di Pieve di Cento, già medaglia di Bronzo alla Coppa del Mondo di Pechino 2014, ha commesso un solo errore nell’ultima serie odierna e si trova in vetta in compagnia del croato Giovanni Cernogoraz, Campione Olimpico a Londra 2012, e dello spagnolo Alberto Fernandez, Campione Europeo e Mondiale nel 2010, entrambi arrivati allo stesso punteggio.

Scorrendo al classifica, con un solo piattello di ritardo rispetto ai tre leader troviamo il giovane Luca Miotto, salito fino al quarto posto provvisorio con 73. Venti anni di Ciliverghe, da poco entrato nelle fila dei Carabinieri, Miotto è al suo debutto tra i Senior ed ha all’attivo un argento ai Campionati del Mondo Junior del 2014 a Sarlospustza (HUN) ed un titolo di Vice Campione del Mondo Junior nel 2015 a Lonato del Garda (BS).

Più attardato rispetto al gruppetto di testa il terzo azzurro in gara. Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo, medaglia d’oro nella Coppa del Mondo di Acapilco 2013 e medaglia d’argento nella Finale di Coppa del Mondo di Abu Dhabi dello stesso anno, si è infatti femrato a quota 70.

Domani la gara proseguirà con altri 50 piattelli di qualificazione al termine dei quali di determineranno i migliori sei che avranno accesso alla semifinale, programmata per le 14.00 italiane.


RISULTATI


Qualificazione Trap Maschile: Daniele RESCA (ITA) 74/75; Giovanni CERNOGORAZ (CRO) 74; Alberto FERNANDEZ (ESP) 74; ; Luca MIOTTO(ITA); Valerio GRAZINI (ITA) 70.


COMUNICATO STAMPA n. 29 del 22/03/2016


1ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

18 – 24 marzo  2016

Nicosia (CYP)


Spada fuori dalla semifinale allo spareggio

L’americana Craft è d’oro nello Skeet Femminile

Da domani in gara il Trap Maschile con Grazini, Miotto e Resca


Nicosia (CYP) – La più forte dello Skeet Femminile è sempre Morgan Craft. La statunitense di Hughesville in Pennsylvania ha chiuso il 2015 con la vittoria al Campionato del Mondo di Lonato del Garda (BS) ed ha messo le cose in chiaro anche per il 2016, aggiudicandosi una gara non facile. L’oro è arrivato grazie ad un perfetto 16/16 siglato nel gold match che l’ha vista opposta alla padrona di casa Andri Elefteriou, medaglia d’argento con 15/16. Ha completato il podio la medaglia di bronzo della diciassettenne statunitense Katharina Monika Jacob, alla sua prima esperienza tra le tiratrici Senrio, approdata al terzo posto grazie al 14 a 12 rifilato alla slovacca Danka Bartekova.

Semifinale sfiorata da Katiuscia Spada. Per la poliziotta di Fabro (TR) è stato fatale il 22/25 dell’ultima serie, che sommato ai 47 punti guadagnai in precedenza, l’ha portata al totale di 69/75, pari merito con altre cinque tiratrici per due soli posti nella serie di accesso ai medal matches. Purtroppo nello spareggio l’azzurra è stata la prima a cedere le armi fermandosi a +5 e attestandosi in 10ª  posizione.

Giornata non positiva nemmeno quella di Simona Scocchetti, tiratrice dell’Esercito Italiano, che dopo il perfetto 25/25 della prima serie è incappata in un brutto 19/25 che ha stroncato la sua marcia verso la semifinale. Alla fine con il totale di 68 si è dovuta accontentare della 13ª piazza.

Solo 45ª Francesca Del Prete di Cisteran di Latina che ha pagato caro lo scotto del debutto, fermandosi a quota 58/75.

Domani sarà il turno dello Skeet Femminile, in pedana oggi per i pre event training. A difendere i colori azzurri ci proveranno Francesca Del Prete di Cisterna di Latina, al suo debutto nella squadra Senior, Simona Scocchetti (Esercito) di Tarquinia (VT), Vice Campionessa del Mondo a Lima (PER) 2013, e Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR), vincitrice della Coppa di Cristallo nel 2013 e dell’ultima Prova di Coppa del Mondo 2015 a Gabala (AZE).

Si aprirà domani l’ultimo capito di questa prima Prova di Coppa del Mondo . L’onore della chiusura spetta agli specialisti della Fossa Olimpica Maschile, in gara domani mercoledì 23 e giovedì 24 marzo. Per l’Italia si cimenteranno con le pedane cipriote Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo, medaglia d’oro nella Coppa del Mondo di Acapilco 2013 e medaglia d’argento nella Finale di Coppa del Mondo di Abu Dhabi dello stesso anno, Luca Miotto (Carabinieri) di Ciliverghe (BS), al suo debutto nella squadra Senior ma già Vice Campione Europeo nel 2014 a Sarlospuszta e Vice Campione del Mondo 2015 a Lonato del Garda come Junior, e Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO), medaglia di Bronzo alla Coppa del Mondo di Pechino 2014.

Il primo giorno di gara li impegnerà con tre serie di qualificazione, mentre nel secondo dovranno fare i conti con fina delle qualificazioni e con la semifinale, in programma alle 14.00 di giovedì 24 marzo.


RISULTATI


Finale Skeet Femminile: 1ª Morgan CRAFT (USA) 71/75 – 14/16 (+2) – 16/16; 2ª Andri ELEFTERIOU (CYP) 72/75 – 14 (+2) – 15; 3ª Katharina Monika JACOP (USA) 69 (+7 +2) – 14 (+1) – 14; 4ª Danka BARTEKOVA (SVK) 69 (+8) – 13 (+6) – 12; 5ª Sutiya JIEWCHALOEMMIT (THA) 72 – 13 (+5); 6ª Kimberly RHODE (USA) 70 – 10; 10ª Katiuscia SPADA (ITA) 69 (+5); 13ª Simona SCOCCHETTI (ITA) 68; 45ª Francesca DEL PRETE (ITA) 58.


COMUNICATO STAMPA n. 28 del 21/03/2016


1° Gran Premio Fossa Universale

Oro per Brunelli, Avveduto, Viscovo e Narducci

Record di presenze con 409 iscritti. Il Ct Polsinelli: continuiamo a crescere


Oltre alla medaglie ed ai podi delle diverse categorie e qualifiche, il dato importante è anche quello relativo alla partecipazione alle gare organizzate per il 1° Gran Premio di Fossa Universale. Sono stati oltre 409 i tiratori che hanno calcato le pedane dei quattro impianti del Tav Carisio (VC), del Tav Interdonato di Nizza di Sicilia (ME), del Tav Acquaviva di Cellino Attanasio (TE) e del Tav Vecio Piave di San Dona’ di Piave (VE).

Partendo dai risultati del primo, in cui è stato registrato il dato di partecipazione più alto con 122 iscritti, ad imporsi nella classifica di Eccellenza è stato Gianfranco Brunelli di Mazzano Negrar (VR), oro dopo aver battuto allo spareggio Alessandro Antonio Musolino di Torino con lo score di 97/100 +6 a 97 +5. Con loro sul podio Ivan Rossi di Crevalcore, medaglia di bronzo grazie al punteggio di 96. Per la qualifica Ladies la vetta del podio è stata occupata da Cristina Bocca di Candelo (BI), che con il punteggio di 95/100 ha avuto ragione delle avversarie Daniela Mazzocchi di Sangiano (VA), seconda con 93, e Jessica Bergia di Carmagnola (TO), terza con 85 +2. Per quanto riguarda le altre medaglia d’oro assegnate, a centrare quella del Settore Giovanile è stato Luca Calza di Rivarolo Canavese (TO) con 80/100, quella di Prima è andata a Dario Bolognesi di Borgaro Torinese (TO) con 98, quella di Seconda a Giorgio Maestri di Cava Manara (PV) con 95, quella di Terza a Marco Eliseo di Casalino Cameriano (NO) con 91+1, quella dei Veterani a Franco Sozzani di Trovo (PV) con 94 e quella dei Master ad Angelo Idone di Samarate (VA) con 94+3.

Seconda gara per numero di iscritti è stata quella del Tav Interdonato di Nizza di Sicilia (ME), in cui si sono dati appuntamento 121 tiratori. Sulla vetta del podio siciliano di Eccellenza è salito Adriano Avveduto di Modica (RG), che ha conquistato l’oro solo dopo aver avuto ragione di Nicola Carbone di Delianuova (RC). I due hanno concluso la gara con un identico 73/75 ed hanno risolto la questione con lo spareggio vinto da Avveduto con +5 a +4. Bronzo per Salvatore Dell’Aquia di Siracusa, salito sul terzo gradino del podio con 71. Ad avere lo stesso onore raggiunto da Avveduto nella massima serie sono stati anche Giovanni Smedile di Spartà (ME) con 65 nel comparto del Settore Giovanile, Francesco Mozzicato di Niscemi (CL) con 71 +12 in quello dei Prima, Sebastiano Germano di Solarino (SR) con 71 in quello dei Seconda, Massimo Lanza di Rometta (ME) con 70 +2 in quello di Terza, Salvatore Petralia di Fiumefreddo di Sicilia (CT) con 71 +3 in quello dei Veterani e Calogero Gibiino di Catania con 69 in quello dei Master.

Solo, si fa per dire, 92 i partecipanti alla gara organizzata dal Tav Acquaviva di Cellino Attanasio (TE). In questo caso l’oro della massima serie è stato appannaggio di Luigi Viscovo di Cercola (NA), primo sul podio con un perfetto 100/100 che la dice lunga sulle sue doti tecniche. Secondo malgrado un comunque ottimo 97/100 Giampaolo Micheletti di Ponte di Nona (RM), mentre al terzo posto con 96 +2 si è piazzato Roberto Manno di Martignano (LE), Consigliere Federale e grande appassionato della specialità.Tra le Ladies la vetta del podio è stata di una incontenibile Roberta Pelosi di Roma, oro con lo score di 91/100 davanti a Maria Carmela Petrella de L’Aquila, seconda con 87, e ad Eugenia Valente di Fiumicino (RM), terza con 86. Sulla vetta del podio anche Sebastiano Connola di Orta di Atella (CE) tra i Prima con 96/100, Arturo Marcocci de L’Aquila tra i Seconda con 94, Diego Testi di Cortona (AR) tra i Terza con 94, Claudio Sciurpa di Castiglione del Lago (PG) tra i Veterani con 95 +11 e Giuseppe Papararo di Castel Volturno (CE) tra i Master con 95.

Infine, l’ultima gara è quella disputatasi sulle pedane del Tav Vecio Piave di San Dona’ di Piave (VE), che ha richiamato 74 iscritti. In questo caso a conquistare l’oro di Eccellenza è stato Stefano Narducci di Altopascio (LU), primo con 97/100 e due lunghezze di vantaggio su Fabrizio Bruni di Firenze, argento con 95, e con quattro di vantaggio su Paolo Cavarzan di Vedelago (TV), bronzo con 93 +7.. Oro anche per Gianni Brunato di Terrarossa Padovana (PD), migliore tra i Prima con 95, per Tommaso Pesucci di Rignao Sull’Arno (FI), primo tra i Seconda con 93, per Flavio Tommasini di Mansuè (TV),  leader tra i Terza con 92, e per Lanfranco Cappelli di Marradi (FI) e per Lionello Masiero di Santa Maria di Sal (VE), rispettivamente primi tra i Veterani e tra i Master con un identico 95.


COMUNICATO STAMPA n. 27 del 21/03/2016


1ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

18 – 24 marzo  2016

Nicosia (CYP)


Trap Femminile – Montanino 15ª migliore delle azzurre

Oro per la libanese Bassil

Domani in pedana Stanco, Raffaelli e Montanino per il Trap Femminile


Nicosia (CYP) – Nella gara di Fossa Olimpica Femminile a dominare è stata Ray Bassil, ventottenne libanese per la prima volta su un podio di Coppa del Mondo. Entrata in semifinale con uno spareggio, la Bassil è stata la migliore della serie di qualificazione per i medal matches, entrando in quello per l’oro e l’argento con un quasi perfetto 14/15. Ad tentare di ostacolare la sua corsa verso l’oro ci ha provato la tedesca Sonja Scheibl, che le si è arresa con il parziale di 12 a 10, accontentandosi della medaglia d’argento. Molto più netta la vittoria della spagnola Fatima Galvez sulla finlandese Mopsi Veromaa, regolata dalla Campionessa del Mondo nel 2015 a Lonato del Garda con un inappellabile 13 a 9.

Lontane dalla zona medaglia le azzurre. Alessia Montanino (Fiamme Oro) di Palma Campania (NA), Vice Campionessa Europea Juniores nel 2012 a Larnaca (CYP),  è partita bene con il 23/25 della prima serie ed il 24/25 della seconda, però poi ha rovinato tutto con il 20/25 della terza che l’ha inchiodata alla quindicesima posizione. Sedicesima Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI), oro nella Coppa del Mondo del 2013 proprio qui a Nicosia e oro in quella di Al Ain (UAE) nel 2015 che le valse la Carta Olimpica azzurra per i Giochi di Rio, inciampata in due 21/25 nella seconda e nella terza serie che hanno vanificato il buon 24/25 siglato nella prima. Alla fine il suo punteggio è stato di 66. Diciannovesima Valeria Raffaelli (Fiamme Oro) di Morgano (TV), Campionessa Europea Junior nel 2013 a Suhl (GER) e Vice Campionessa Mondiale Junior nel 2014 a Granada (ESP), non andata oltre il totale di 64/75 e la diciannovesima posizione.

Domani sarà il turno dello Skeet Femminile, in pedana oggi per i pre event training. A difendere i colori azzurri ci proveranno Francesca Del Prete di Cisterna di Latina, al suo debutto nella squadra Senior, Simona Scocchetti (Esercito) di Tarquinia (VT), Vice Campionessa del Mondo a Lima (PER) 2013, e Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR), vincitrice della Coppa di Cristallo nel 2013 e dell’ultima Prova di Coppa del Mondo 2015 a Gabala (AZE).

Esattamente come per le colleghe della Fossa Olimpica Femminile, anche le skeetiste gareggeranno sulla distanza di 75 piattelli di qualificazione e le migliori sei accederanno alla semifinale, in programma alle 15.15 italiane.



RISULTATI


Finale Trap Femminile: 1ª Ray BASSIL (LIB) 68/75 (+1) – 14/15 – 12/15; 2ª Sonja SCHEIBL (GER) 70 – 13 – 10; 3ª Fatima GALVEZ (ESP) 70 – 10 – 13; 4ª Mopsi VEROMAA (FIN) 71 – 12 – 9; 5ª Alessandra PERILLI (SMR) 69 – 9; 6ª Natalie Ellen ROONEY (NZL) 69 – 8; 15ª Alessia MONTANINO (ITA) 67; 16ª Silvana STANCO (ITA) 66; 19ª Valeria RAFFAELLI (ITA) 64



COMUNICATO STAMPA n. 26 del 21/03/2016


1° Gran Premio Settore Giovanile

A Montecatini la carica dei 300

Iscrizioni record e premiazioni bagnate dalla pioggia


Il Gran Premio del Settore Giovanile inaugura la stagione estiva facendo registrare un record di iscrizioni. Sono stati 302 i giovani tiratori che si sono dati appuntamento sulle pedane del Tav Montecatini Pieve a Nievole (PT) del Presidente Bruno Rossetti.

Un esercito armato, ma totalmente pacifico, che si è cimentato nelle tre specialità olimpiche del Trap, dello Skeet e del Double Trap per meritarsi le medaglie in palio ed i bonus di qualificazione nel Primo appuntamento qualificante alla Finale del Campionato Italiano 2016.

Iniziando dalla Fossa Olimpica, la classifica degli Junior Maschili ha premiato Daniele Flammini di Teramo. La sua scalata verso la vetta del podio non è stata priva di insidie. Dopo aver fatto registrare il punteggio di 47/50 nella qualificazione, si è trovato a dover spareggiare con sei tiratori per cinque posti nella semifinale, poi agguantata con +1 nello shoot.in. Una volta guadagnatosi l’accesso al gold match con un quasi perfetto 14/15, l’abruzzese se l’è dovuta vedere con il corregionale Simone Spina di Ascoli Piceno, regolato solo dopo un ulteriore spareggio con 11 +2 a 11+ 1. Sul podio con i due abruzzesi è salito anche il toscano Giulio Nelli di Calci (PI), bronzo grazie al 14 a 12 rifilato ad Alessio Franquillo (Fiamme Oro) di Cannaiola (PG).

Per quanto riguarda la classifica delle Junior Femminili, in gara in questa occasione con la vecchia formula della finale ad un colpo sulla distanza di 25 piattelli, la medaglia d’oro è stata conquistata da Michaela Borgiadi Bagnolo Piemonte (CN) con lo score finale di 21, davanti ad Antonia  Ricciardi di Mercato San Severino (SA), argento con 18, e a Diana Ghilarducci di Viareggio (PI), bronzo con 16.

Luca Cataldi di Ceccano (FR) è stato il migliore del comparto degli Allievi e si è aggiudicato il primo posto con il totale di 70/75. Con lui sul podio dopo uno spareggio a tre sono saliti anche Leonardo Tosto di Capalbio (GR), secondo con 68 +2, e Carlo Angleini di Fasano di Brindisi (BR), terzo con 68 +1. Tra le Allieve ad imporsi è stata Gaia Ragazzini di Lavezzola (RA) salita sul vetta del podio con 59/75 davanti a Alessandra Della Valle di Solaro (MI) e a Sara Dusi di Endine Gaiano (BG), rispettivamente seconda con 58 e terza con 57 +4..

Bene anche Fabio Beccari di Comacchio (FE), migliore tra le Giovani Speranze con 69/75, seguito sul podio da Alessandro Pesce di Trivero (BI), secondo con 67 +4, e da Luca Vivaldi di Livorno, terzo con 67 +3.

Le ultime due medaglie d’oro della Fossa Olimpica se le sono meritate Samuele Faustinelli di Pian Cumino (BS) ed Iris Buccini di Popoli (PE), migliori delle classifiche degli Esordienti con 64 e 17.

Passando allo Skeet, Elia Sdruccioli (Forestale) di Ostra (AN) si è aggiudicato l’oro tra gli Junior Maschili con un ottimo 71/75 in qualificazione, un altrettanto ottimo 15/16 in semifinale e con il 14 a 12 con cui ha regolato Matteo Chiti (Forestale) di Pistoia (PT), autore degli stessi punteggi nelle altre fasi della gara. Terzo Cristian Ciccotti (Fiamme Oro) di Roma, vincitore del duello con Leonbruno Cavaliere (Fiamme Oro) di Roma con il punteggio di 14 a 12.

Tra le Junior Femminili il primato è stato tutto di Francesca Grieco (Fiamme Oro) di Ottati (SA), oro con 61/75 in qualificazione 13/16 in semifinale e 13 nel gold match. Seconda Giada Longhi di Roccaranieri (RI), argento con 9 nel duello con la Longhi. Terzo Giulia Basso di Gozzo Padovano (PD) con 7/16.

Nel comparto Allievi si è imposto Lorenzo Merlo Fiorillo di Alife (CE), primo sul podio con 68/75, seguito a ruota da Niccolò Sodi di Arezzo con 66 e da Filippo Maria Boncompagni di San Casciano Val di Pesa (FI) con 95. Oro anche per Cristian Ghilli di Ponteginori (PI) tra gli Esordienti con il totale di 53.

Infine il Double Trap. A centrare l’oro della qualifica Junior è stato Jacopo Dal Moro (Fiamme Oro) di Selvazzano Dentro (PD), risultato il migliore di tutta la gara con un primato consolidato in tutte le sue fasi. Infatti, il padovano ha chiuso le qualificazioni con lo score di 137/150 e ben 12 punti di vantaggio sul migliore degli inseguitori, andandosi poi a prendere l’oro con il quasi perfetto 29/30 della semifinale ed il successi 24/30 del gold match, punteggio non eccezionale ma sufficiente per battere l’avversario Jacopo Dupre’ De Foresta (Fiamme Oro) di Montepulciano (SI) argento con 23. Terzo Lorenzo Ferrari (Fiamme Oro) di Provaglio d’Iseo (BS) con il 28 a 27 rifilato ad Andrea Galesso di Dolo (VE).

Tra gli Allievi si è imposto Lorenzo Franquillo (Fiamme Oro) di  Cannaiola, oro con il totale di 123/150 davanti ad Antonio D’Angelis di Fondi (LT) e a Pietro Martinelli di Artogne (BS), secondo e terzo con 121 e 120. L’ ultimo premiato di giornata è stato Marco Carli di Agna (PD), oro tra gli Esordienti con il totale di 95/150.

“Siamo molto contenti del nostro Settore Giovanile – ha commentato il Presidente Luciano Rossi, presente al Tav Montecatini per tutta la giornata – Non mi riferisco al solo aspetto numerico, che comunque sta toccando traguardi eccezionali, ma anche a quello tecnico. I nostri giovani hanno dimostrato di poter far bene anche tra i grandi”.


COMUNICATO STAMPA n. 25 del 20/03/2016


1ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

18 – 24 marzo  2016

Nicosia (CYP)


Lodde è il migliore degli azzurri e chiude quindicesimo

Nello Skeet Maschile vince l’ucraino Milchev

Domani in pedana Stanco, Raffaelli e Montanino per il Trap Femminile


Nicosia (CYP) – Sul gradino più alto dl podio di Skeet Maschile è salito l’ucraino Mikola Milchev, Campione Olimpico di Sydney 2000, medaglia d’oro dopo aver battuto, non senza parecchia difficoltà, il giovane inglese Ben William David Llewellin, ventiduenne che celebra con un meritatissimo argento il suo debutto in una Prova di Coppa del Mondo.

La medaglia di bronzo è andata al collo dello spagnolo Juan Josè Aramburu, il quale ha avuto il merito di battere con 15 a 14 bicampione olimpico statunitense Vincent Hancock, oro a Pechino 2008 e Londra 2012.

Giornata non fortunata quella dei tre azzurri. Il migliore dei nostri è stato Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS), Campione Europeo nel 2014 a Sarlosputszta (HUN) e a Maribor (SLO) nel 2015, che dopo il perfetto 75/75 di ieri, stamattina ha chiuso la prima serie con un pesante 20/25, seguito poi dal conclusivo 23 che lo ha portato al totale di 118 in 15ª posizione.

Parabola discendente anche quella disegnata da Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia, che ha sommato al 71 del primo giorno di gara il 45 realizzato oggi, assestandosi in 24ª posizione con 116, e da Christian Eleuteri (Forestale) di Latina, che al buon 72/75 di ieri ha fatto seguire un non altrettanto valido 43, fermandosi in 29ª piazza con 115 .

Chiuso il capitolo Skeet Maschile si apre subito quello del Trap Femminile. Dopo gli allenamenti ufficiali di oggi, le specialiste della Fossa Olimpica domani gareggeranno per le medaglie. Per l’Italia ci saranno tre giovanissime e talentuose tiratrici come Alessia Montanino (Fiamme Oro) di Palma Campania (NA), Vice Campionessa Europea nel 2012 a Larnaca (CYP), Valeria Raffelli (Fiamme Oro) di Morgano (TV), Campionessa Europea Junior nel 2013 a Suhl (GER) e Vice Campionessa Mondiale Junior nel 2014 a Granada (ESP), e Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI), oro nella Coppa del Mondo del 2013 proprio qui a Nicosia e oro in quella di Al Ain (UAE) nel 2015 che le valse la Carta Olimpica azzurra per i Giochi di Rio.

Il programma della gara prevede 75 piattelli di qualificazione e la semifinale, fissata per le 14.45 italiane.


RISULTATI


Finale Skeet Maschile: 1° Mikola MILCHEV (UKR) 121 – 15 – 14 (+4); 2° Ben William David LLEWELLIN (GBR) 120 – 15 – 14 (+3); 3° Juan Josè ARAMBRURU (ESP) 119 (+8) – 14 (+5) – 15; 4° Vincent HANCOCK (USA) 121 – 14 (+4+5) – 14; 5° Jasper HANSEN (DEN) 122 – 14 (+4+4); 6° Azmy MEHELBA (EGY) 118 (+7+1) – 13; 15° Luigi Agostino LODDE (ITA) 118; 24° Riccardo FILIPPELLI (ITA) 116; 29° Christian ELEUTERI (ITA) 115.



COMUNICATO STAMPA n. 24 del 19/03/2016


1ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

18 – 24 marzo  2016

Nicosia (CYP)

Double Trap – Prima vittoria del marinaio di Casandrino in Coppa

Oro per Chianese a Cipro

Luigi Lodde perfetto nello Skeet con 75/75. Domani la semifinale alle 14.30


Il primo giorno di gare all’Olympic Shooting Range di Latsia a Nicosia si chiude con l’Inno di Mameli suonato in onore di Alessandro Chianese, vincitore della competizione di Double Trap.

Il venticinquenne di Casandrino (NA), portacolori della Marina Militare Italiana, è entrato in semifinale con lo score di 138/150 ed ha poi conquistato il pass per il gold match con un ottimo 28 (+6), stesso punteggio realizzato dall’americano Jeffrey Holguin, vincitore della Finale di Coppa del Mondo del 2014. Nel duello finale l’americano ha iniziato male, mancando due dei primi sei piattelli, e Chianese ha mantenuto il controllo fino alla fine, vincendo 28 a 27. Per l’azzurro, già medaglia d’argento e di bronzo ai Mondiali Junior 2009 e 2010, questo è il primo podio in una Prova di Coppa del Mondo ISSF. Sposatosi a dicembre con la tiratrice australiana Stephanie Tigani, fa la spola tra Melbourne e l’Umbria, sua terra di adozione tiravolistica

“Mi sono allenato tanto e sapevo di poter far bene, ma non pensavo alla medaglia – ha spiegato alla fine sella gara – Una volta centrata la semifinale ho puntato al risultato e finalmente sono arrivato a questa bellissima affermazione. E’ una emozione grande che voglio condividere con mia moglie e con la mia famiglia, ma anche con il CT Cenci al quale va il mio grazie per avermi dato la possibilità di dimostrare le mie capacità. Grazie anche alla Fitav, alla Marina Militare ed alle ditte Fiocchi e Beretta, tutti protagonisti fondamentali per la mia vita di tiratore”.

Sul terzo gradino del podio è salito l’australiano James Wallet, medaglia di bronzo dopo aver battuto nel medal match il tedesco Andreas Loev con lo score di 26 a 25.

Occasione mancata quella di Davide Gasparini (Esercito). Il tiratore di Gabicce Mare (PU) ha chiuso le qualificazioni con lo score di 136, pari merito con il guatemalteco Brol e l’indiano Dahiya, ma non è riuscito a meritarsi l’ultimo pass per la serie definitiva, fermandosi in settima piazza con +7 nello spareggio di ingresso. Decima posizione assoluta, invece, per il pluricampione del mondo Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina, che nelle cinque serie di gara ha totalizzato 134 punti.

Oggi è stato un giorno di gara anche per lo Skeet Maschile. Al termine delle prime tre serie la classifica provvisoria ha consegnato la prima posizione al nostro Luigi Agostino Lodde (Esercito) di Ozieri (SS), Campione Europeo dal 2014, unico tiratore ad aver chiuso i 75 piattelli senza errori. Poco più indietro si è fermato Christian Eleuteri (Forestale) di Latina, che ha sfiorato l’en-plein in ogni tornata, arrivando al totale di 72, mentre Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia (PT) si è fermato a quota 71

Domani, domenica 20 marzo, la competizione proseguirà con le ultime due serie di qualificazione dello Skeet Maschile. I migliori sei accederanno alla semifinale, prevista per le 14.30, e si affronteranno per l’accesso ai medal matches..


RISULTATI


Finale Double Trap: 1° Alessandro CHIANESE (ITA) 138/150 – 28/30 (+6) – 28/30; 2° Jeffrey HOLGUIN (USA) 139 – 28 (+6) – 27; 3° James WILLET (AUS) 138 – 28 (+1) – 26; 4° Andrea LOEV (GER) 139 – 28 (+5) – 25: 5° Enrique BROL (GUA) 136 (+8) – 27;  6° William CHETCUTI (MLT) 145 – 27 ;7° Davide GASPARINI (ITA) 136 (+7); 10° Daniele DI SPIGNO (ITA) 134.


Qualificazione Skeet Maschile: Luigi Agostino LODDE (ITA) 75/75; Christian ELEUTERI (ITA) 72; Riccardo FILIPPELLI (ITA) 71..



COMUNICATO STAMPA n. 23 del 18/03/2016


1ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

18 – 24 marzo  2016

Nicosia (CYP)

A Nicosia domani il via alle gare

Si parte con il Doulbe Trap e lo Skeet

Per i primi gara completa e semifinale alle 15.15, per i secondi qualificazioni


Alle 16.00 di oggi pomeriggio nell’impianto dell’Olympic Shooting Range di Latsia a Nicosia verrà dato il via ufficiale alla Prima Prova di Coppa del Mondo ISSF 2016.

Per l’intera giornata le pedane cipriote hanno ospitato gli allenamento ufficiali degli specialisti di Double Trap e Skeet Maschile, impegnati nelle competizioni domani e domenica 20 marzo. Per quanto riguarda il Double Trap, in gara ci saranno Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina (LT) e Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare (PU), mentre per lo skeet a vestire i colori azzurri saranno Christian Eleuteri (Forestale) di Latina, Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia (PT); Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS).

I ragazzi del Direttore Tecnico Mirco Cenci affronteranno la gara in una unica soluzione, cimentandosi nelle consuete cinque serie di qualificazione che determineranno i sei semifinalisti. La semifinale è prevista per domani, sabato 19 marzo dalle 15.15.

Gli skeetisti di Andrea Benelli, invece, domani dovranno misurarsi solo con le prime due serie di gara, per poi proseguire domenica 20 marzo con il resto delle qualificazioni e la semifinale, in programma per le 14.30.



COMUNICATO STAMPA n. 22 del 16/03/2016


1ª Prova di Coppa del Mondo

Trap – Skeet – Double Trap

18 – 24 marzo  2016

Nicosia (CYP)


A Cipro la Prima Prova di Coppa 2016

Le gare inaugurate dal Double Trap sabato 19 marzo. Concluderà il Trap il 24


A Cipro è tutto pronto per il lancio inaugurale della stagione agonistica internazionale, il cui acme saranno i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro nel mese di agosto.

Già da ieri le delegazioni internazionali stanno animando l’impianto dell’Olympic Shooting Range di Latsia a Nicosia per prendere la massima confidenza con le pedane cipriote.

I primi a gareggiare saranno gli specialisti di Double Trap e Skeet Maschile, impegnati nelle competizioni sabato 19 e domenica 20 marzo. Per quanto riguarda il Double Trap, il Direttore Tecnico Mirco Cenci schiererà Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Terracina (LT) e Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare (PU). Sia Chianese che Di Spigno hanno ben figurato nel Gran Prix Internazionale ospitato nello stesso impianto la scorsa settimana, aggiudicandosi rispettivamente argento e oro, ponendo una pesante ipoteca sul podio di questa gara.

Contemporaneamente saranno impegnati in pedana gli skeetisti del Direttore Tecnico Andrea Benelli, già a Cipro dallo scorso 12 marzo per un raduno intensivo con i quattro componenti della sua squadra olimpica, nessuno dei quali convocato per la gara. A vestire i colori azzurri in questa occasione saranno, invece, Christian Eleuteri (Forestale) di Latina, Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia (PT); Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS) per il comparto maschile e Francesca Del Prete di Cisterna di Latina, Simona Scocchetti (Esercito) di Tarquinia (VT) e Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR). Con un programma insolito per una Coppa del Mondo ISSF, le gare maschili e femminili della stessa disciplina avverranno in gironi diversi: gli uomini gareggeranno sabato 19 e domenica 20 marzo, mentre le donne dovranno aspettare fino a martedì 22.

Stessa divisione anche per la Fossa Olimpica, ma in questo caso la precedenza verrà data alle donne, in pedana lunedì 21 marzo, e gli uomini chiuderanno le gare giovedì 24.

Per la trasferta cipriota il Direttore Tecnico Albano Pera ha convocato Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo, Luca Miotto (Carabinieri) di Ciliverghe (BS) e Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO) al maschile e Alessia Montanino (Fiamme Oro) di Palma Campania (NA), Valeria Raffelli (Fiamme Oro) di Morgano (TV) e Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI).

Venerdì 18 marzo alle ore 17.00



COMUNICATO STAMPA n. 21 del 15/03/2016


Fossa Olimpica

Pavan, Marchini e Francioni Campioni d’Inverno

Nelle tre gare della Finale Nazionale oltre 200 tiratori in gara


La Finale Nazionale del Campionato d’Inverno di Fossa Olimpica ha chiuso ufficialmente il circuito delle gare della stagione fredda, iniziati all’inizio del mese di gennaio in tutte le Regioni italiani e che hanno portato in pedana più di duemila atleti in tutti i fine settimana fino a quello appena concluso.

Tre le gare che hanno assegnato i titoli di Campioni d’?inverno nelle diverse categorie e qualifiche. Al Tav Accademia Lombarda di Battuda (PV) sono scesi in pedana i tiratori di Eccellenza, le Ladies ed i rappresentanti del Settore Giovanile per un totale di 45 iscritti. Tra gli Eccellenza l’oro e lo scudetto stagionale sono andati a Stefano Pavan di Pogliano Milanese, primo con lo score totale di 95/100. Con lui sul podio anche Jacopo Cipriani (Carabinieri) di Firenze, argento con 94, e Raffello Grassi di Riposto (CT), bronzo con 93 +12.

Tra le Ladies il primato è stato di Erica Marchini di Cigliano (VC), che si è imposta sulle avversarie con lo score di 89 punti e 4 lunghezze di vantaggio su Catia Cunio di Monticelli Brusati (BS), salita sulla piazza d’onore con 85. Al terzo posto si è classificata Cristina Bocca di Candelo (BI)  con il finale di 84. Vittoria altrettanto netta quella di Marco Francioni di Campiglia Marittima (LI) tra i rappresentanti del Settore Giovanile. Il suo 91/100 gli è stato sufficiente per mettere in riga Mirko Baccino di Loano (SV) ed Edoardo Maifredi di Ciliverghe (BS), rispettivamente argento con 89 e bronzo con 88 +1.

Per quanto riguarda la Prima e la Seconda Categoria, i 56 tiratori iscritti alla gara si sono ritrovati sulle pedane del Tav Campomarino (CB) ed a meritarsi gli Scudetti del 2016 sono stati Antonio Conte di Castel Volturno (CE), oro nella serie cadetta con 94/100, e Salvatore Grillo di Nocera Inferiore (SA), migliore tra i Seconda con 95.

Infine, 99 sono stati i tiratori che si sono dati appuntamento sulle pedane toscane del Tav Laterina per aggiudicarsi i titoli di Terza Categoria e delle qualifiche Veterani e Master, centrati rispettivamente da Maurizio Staltari di Sezzadio (AL) con 89, da Oscar Giagnolini di Colbordolo (PU) con 88 e da Giuseppe Venturini di Lido di Camaiore (LU) con 90


COMUNICATO STAMPA n. 20 del 14/03/2016


Double Trap

Nel 1° Gran Premio oro per Chianese e Dal Moro

Al Tav Sandonaci in gara 78 specialisti sotto la lente del Ct Cenci


E’ Alessandro Chianese il vincitore del Primo Gran Premio di Double Trap della stagione 2016 per la categoria Eccellenza. Il marinaio di Casandrino (NA) si è reso protagonista di una gara di buon livello, imponendosi come migliore in tutte le sue fasi. Dopo il quasi perfetto 29/30 della prima serie è inciampato in un brutto 23/30 che ha rischiato di compromettere la sua prestazione. Fortunatamente per lui, è riuscito a riprendere il controllo e con i successi due 28 ed il 29 conclusivo, si è guadagnato il primo posto in semifinale con il totale di 137/150. Anche nella serie decisiva per l’ingresso nei medal matches Chianese ha sfoderato un quasi perfetto 29/30 che gli ha garantito il primo pass per lo scontro diretto per l’oro. Ad insediare la sua scalata alla vetta del podio ci ha provato Valerio Vallifuoco (Esercito) di Fiumicino (RM), vincitore di uno spareggio a tre per l’ingresso nel gold match con lo score di 28+2, ma alla fine del duello il marinaio campano ha avuto la meglio sul militare laziale con il punteggio di 27 a 26. Terzo sul podio Andrea Vescovi, poliziotto di Città di Castello (PG), che si è messo la collo il bronzo grazie al 28 a 27 rifilato al compagno di squadra Giuseppe Ciavaglia (Fiamme Oro) di Borgo San Michele (LT).

Tra gli Juniores il primato è stato Jacopo Dal Moro, giovane portacolori del Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro di Selvazzano Dentro (PD), arrivato all’oro grazie al 132/150 realizzato in qualificazione, al lusinghiero 30/30 della semifinale ed all’altrettanto eccellente 29/30 del gold match vinto contro Umberto Onofrio Pagnotta di Caltanissetta, argento con 27.

Terzo Lorenzo Ferrari (Fiamme Oro) di Provaglio d’Iseo, medaglia dopo aver regolato Andrea Galesso di Dolo (VE) con lo score di 28 a 27.

Questi i vincitori della altre categorie, in pedana con la formula di gara usata fino ai Giochi di Londra 2012: Michael Rimo di Racale (LE) con 150/180 tra i Prima, Gaetano Alessandro Piazza di Niscemi (CL) con 152/180 tra i Seconda e Vito Colucci di San Michele Salentino (BR) con 130/180.,


COMUNICATO STAMPA n. 19 del 09/03/2016


Double Trap

A San Donaci raduno azzurro pre Gran Premio

Barillà, Chianese, Di Spigno, Gasparini ed Innoccenti al lavoro con Cenci


Il prossimo fine settimana il Tav Sandonaci di San Donaci (BR) ospiterà il 1° Gran Premio di Double Trap del 2016 ed il Commissario Tecnico della specialità ha deciso di approfittare dell’occasione per organizzare, nella località pugliese, un raduno riservato ai suoi cinque tiratori di punta. A sua disposizione ci saranno Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), Marco Innocenti di Montemurlo (PO), entrambi scelti come componenti della Squadra Olimpica per Rio 2016, Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare (PU), Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA) e Daniele Di Spigno (Fiamme Oro) di Teracina (LT).

“Il Gran premio precede di una settimana la Prima Prova di Coppa del Mondo a Cipro ed i tre convocati (Chianese, Di Spigno e Gasparini, ndr) potranno affinare ulteriormente la loro preparazione – ha spiegato Mirco Cenci – Già da questa mattina sono al lavoro con Barillà, Gasparini e Innocenti, mentre Chianese e Di Spigno arriveranno nel pomeriggio direttamente da Cipro, dove hanno partecipato ad un gran Prix Internazionale ed hanno vinto oro ed argento. Sono molto soddisfatto del lavoro di tutti. Stanno dimostrando di essere un gruppo coeso e molto valido dal punto di vista tecnico. Grazie all’altissima qualità dell’impianto del Tav Sandonaci approfitteranno di questi giorni per migliorare ulteriormente, esattamente come ha fatto il Dobule Trap in questa Regione, al momento numero uno in Italia per la crescita della specialità”.


COMUNICATO STAMPA n. 18 del 09/03/2016


Raduno Internazionale di Skeet

Benelli porta gli olimpici a Cipro

In partenza domani Cainero, Bacosi, Luchini e Rossetti


I quattro componenti della squadra Olimpica di Skeet partiranno domani, venerdì 11 marzo, alla volta di Larnaca (CYP) per sei giorni di allenamento intensivo che li impegnerà sia sul fronte tecnico sia su quello della preparazione fisica.

La delegazione, capitanata dal Direttore Tecnico Andrea Benelli e composta da Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Diana Baocsi (Esercito) di Cetona (SI), Valerio Luchini (Carabinieri) di Roma e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), potrà contare anche sulla presenza del Preparatore Atletico delle Nazionali di Tiro a Volo Fabio Partigiani.

“Questo raduno a Cipro segnerà il debutto della squadra olimpica in ambito internazionale – ci ha spiegato Benelli – In questi giorni potremo respirare quell’internazionalità che caratterizzerà la vita ai Giochi. Oltre a questo, ci alleneremo intensamente in un impianto attrezzato come quello di Rio de Janeiro e con temperature più miti rispetto a quelle italiane di questo periodo. Insomma, un ottimo primo passo verso il Brasile”.

I quattro tiratori resteranno a Cipro fino al prossimo 17 marzo, data prevista per il loro rientro, mentre il Direttore Tecnico ed il Preparatore Atletico si tratterranno a Cipro per la Prima Prova di Coppa del Mondo, in programma a Nicosia dal 17 al 25 marzo.


COMUNICATO STAMPA n. 17 del 07/03/2016


Collegiale di Fossa Olimpica

Raduno generale per gli azzurri di Pera

Da oggi fino a venerdì nell’impianto del Tav Umbiraverde


Il Direttore Tecnico Albano Pera chiama tutti i suoi tiratori ad una adunanza generale per impostare la stagione agonistica nazionale ed internazionale. Da questa sera fino al prossimo venerdì 11 marzo il Tav Umbiraverde-Todi ospiterà l’intera rosa azzurra di Fossa Olimpica per un collegiale di preparazione tecnica e fisica.

“Voglio fare il punto della situazione su tutta la squadra in modo da valutare lo stato di preparazione sia dei tiratori che parteciperanno alle prime due Coppe del Mondo, compresi i tre che andranno a Rio, sia degli altri che si troveranno impegnati nel 1° Gran Premio di specialità – ha spiegato Pera – Qui a Todi abbiamo la possibilità di poter concentrare la preparazione tecnica e quella fisica in un unico appuntamento, rendendo più completo il lavoro. Insieme al Prof. Fabio Partigiani organizzeremo le giornate con sessioni simultanee in pedana ed in palestra ottimizzando i tempi”.

Due i gruppi che si alterneranno da stasera fino a venerdì. I primi ad arrivare saranno i Senior Mauro De Filippis (Fiamme Oro) di Taranto, Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP), Giulio Fioravanti (Forestale) di Roma, Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT), Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo, Carlo Mancarella di Brindisi, Luca Miotto (Carabinieri) di Ciliverghe (BS), Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, Simone Lorenzo Prosperi (Fiamme Oro) di Artena (RM), Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO), Francesco Rio di Roma e Fabio Sollami di Caltanissetta, mentre per le Ladies le convocate per oggi sono Alessia Montanino (Fiamme Oro) di Palma Campania (NA), Giulia Pintor (Fiamme Azzurre) di Santa Giusta (OR), Valeria Raffaelli (Fiamme Oro) di Morgano (TV), Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO) e Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI). Questi diciassette tiratori resteranno in Umbria fino al primo pomeriggio di mercoledì 9 marzo e nel pomeriggio dello stesso giorno arriveranno i diciassette del secondo, formato dalle Lady Martina Bartolomei di Carabinieri) di Laterina (AR), Federica Caporuscio (Forestale) di Roma, Deborah Gelisio (Forestale) di Mel (BL), Lisa Nicole Marzo (Fiamme Oro) di Olbia, Daniela Mazzocchi di Sangiano (VA) e Fiammetta Rossi (Fiamme Oro) di Montefalco (PG), le Lady Junior Rachele Amighetti di Costa Volpino (BG), Isabella Cristiani di San Giuliano Terme (PI), Alessia Iezzi (Carabinieri) di Manoppello Scalo (PE), Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA) ed Erica Sessa (Fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni (SA), ed infine gli Junior Maschili Nicholas Antonini (Carabinieri) di La Grazie di Portovenere (SP), Nino Cuomo (Forestale) di Cancello ed Arnone (CE), Alessio Franquillo (Fiamme Oro) di Cannaiola (PG), Piergiuseppe Gaggioli (Fiamme Oro) di Martina Franca (TA) e Diego Valeri (Fiamme Oro) di Artena (RM). Questi ultimi si tratterranno nell’impianto fino al primo pomeriggio di venerdì 11 marzo.


COMUNICATO STAMPA n. 16 del 07/03/2016


Double Trap – Rossi dodicesimo

Ciavaglia d’oro in Kuwait

Nel duello finale ha battuto Aldeehani, bronzo olimpico a Sydney e Londra


Il Double Trap azzurro continua a farla da padrone nello scenario internazionale. Dopo l’eccellente risultato nel Qatar Open di due settimane fa, conclusosi con la vittoria di Marco Innocenti e con la medaglia d’argento di Daniele Di Spigno (Fiamme Oro), anche l’Amir Grand Prix del Kuwait ha incoronato come migliore in pedana un italiano. A mettersi al collo l’oro è stato Giuseppe Ciavaglia, poliziotto di Borgo San Michele (LT). L’azzurro della nazionale del Direttore Tecnico Mirco Cenci, non brillantissimo in qualificazione con lo score di 127/150, dopo aver centrato l’ingresso in semifinale ha tirato fuori tutta la sua grinta, sfoderando due quasi perfetti 29/30. Il primo gli è servito per accedere come migliore nel gold match, mentre il secondo per avere ragione di Fehaid Aldeehani, medaglia di bronzo olimpica a Sydney 2000 e a Londra 2012.

Lontano dalla zona medaglie, invece, Ferdinando Rossi (Marina Militare) di Montefalco (PG), dodicesimo con 119.

“E’ stata una gara altalenante, ma alla fine quello che conta è averla vinta  - ha spiegato Ciavaglia al termine della gara – Ringrazio Cenci (Il Direttore Tecnico Mirco, ndr) per avermi dato questa possibilità e la Federazione e l’Amministrazione della Polizia di Stato per il sostegno quotidiano. E’ sempre un onore rappresentare l’Italia in una manifestazione internazionale, specialmente quando si riesce a farlo nel migliore dei modi”.


COMUNICATO STAMPA n. 15 del 29/02/2016


Double Trap

D’Aniello è il Re d’Inverno

Tra le squadre scudetto per i pugliesi de la Salentina


Per il Double Trap nazionale il primo verdetto della stagione 2016 proclama Francesco D’Aniello Campione d’Inverno della specialità. Sulle pedane romane del Tav Valle Aniene il poliziotto di Nettuno, medaglia d’argento a Pechino 2008, si è cucito al petto lo scudetto stagionale firmando un’ottima competizione in cui si è distinto sui colleghi del comparto di Eccellenza con due 28/30, un 27/30 ed un quasi perfetto 29/30 nell’ultima serie. Ed è stato proprio l’en-plein sfiorato nel fine gara ad assicurargli l’oro con il totale di 112/120, miglior punteggio assoluto davanti ai due 111 di Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC) e Andrea Vescovi (Fiamme Oro) di Città di Castello (PG), appaiati in seconda posizione. Per determinare l’assegnazione dell’argento e del bronzo i due si sono affrontati in un lungo ed appassionate shoot-off, chiuso a favore del marinaio calabrese con il punteggio di 22 a 20.

Scudetto Invernale anche per Andrea Galesso tra gli Junior. Il veneto di Dolo è salito sul gradino più alto del podio con il totale di 102/120, miglior punteggio davanti a Antonio D’Angelis di Fondi (LT) e Jacopo Dal Moro (Fiamme Oro) di Selvazzano Dentro (PD), rispettivamente secondo e terzo con 100 +4 e 100 +3.

Per quanto le altre categorie, i titoli di Campione d’Inverno sono andati a Michael Rimo di Racale (LE) tra i Prima con 102/120, a Giuseppe Strafino di Veglie (LE) tra i Seconda con 100/120 +6, a Vito Colucci di San Michele Salentino (BR) tra i Terza con 93/120, a Maurizio Pasciuti di Latina tra i Veterani con 89/120 e Germano Di Spigno con 98/120 tra i Master.

Infine, lo scudetto Invernale a Squadre per le Società di Prima, Seconda e Terza categoria è stato appannaggio dei pugliesi del Tav Salentina, primi sul podio con il totale di 298/360 davanti ai siciliani de La Contea, argento con 297, ed ai padroni di casa del Tav Valle Aniene, bronzo con 294, mentre tra quelle delle Forze Armate e dei Corpi dello Stato l’oro è andato al collo dei portacolori della Polizia di Stato con 332, seguiti da quelli della Marina Militare con 310 e da quelli dei Vigili del Fuoco con 176.

Presente nella struttura romana anche il Presidente della Fitav Luciano Rossi che ha premiato tutti i vincitori insieme al Direttore Tecnico del Double Trap Mirco Cenci e dai Consiglieri Nazionali Rosario Avveduto e Fabrizio Forti.



COMUNICATO STAMPA n. 14 del 25/02/2016


Qatar Open – Fossa Olimpica Maschile

Oro per lo spagnolo Fernandez

Pera deluso dai suoi “Così proprio non è sufficiente”


La gara di Fossa Olimpica Maschile ha chiuso il Qatar Open di Tiro a Volo e l’ultima medaglia d’oro se la mette al collo Alberto Fernandez. Per arrivare alla vetta del podio lo spagnolo si è reso protagonista di una scalata molto impegnativa, complicata da ben due spareggi. Il primo di selezione per entrare nella semifinale, in cui ha dovuto affrontare e battere altri cinque tiratori, compresi gli azzurri Valerio Grazini e Daniele Resca rimasti fuori; il secondo con il tedesco Waldemar Schanz nel medal match per l’oro. Infatti, al termine dei 15 piattelli decisivi per le medaglie più importanti i due si sono trovati appaiati a quota 14/15. Per dirimere la questione sono serviti 16 lanci e l’errore del tedesco sull’ultimo. Alla fine con +16 Feranndez ha preso l’oro, mentre con +15 Schanz si è dovuto accontentare dell’argento.

Con loro sul podio Yavuz Ilnam. Anche in questo caso è stato necessario uno spareggio tra il turco e l’australiano Mitchell Iles-Crevatin, chiusosi a vantaggio del primo con 13 +1  a 13 +0.

Non positiva la prova degli azzurri, tutti fuori dai giochi per le medaglie. Ad arrivare più vicino alla semifinale sono stati Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO) e Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo, entrambi saliti fino a 120/125 ed allo spareggio di ingresso tra i migliori sei. Purtroppo, entrambi i nostri hanno sbagliato il primo piattello, autoeliminandosi dai giochi e fissando il risultato alla nona e decima posizione assoluta. Vicini anche Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone, undicesimo con 119, e Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, quindicesimo con 118. Decisamente più lontani gli altri due italiani in gara: Francesco Rio di Roma non è andato oltre la ventitreesima piazza con il totale di 115, mentre Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno 8LT), ventottesimo con 114.

Puntuale la strigliata del Direttore Tecnico Albano Pera “Sono molto deluso della gara dei miei ragazzi. Non tanto per Fabbrizi e Pellielo, ai quali avevo detto di considerarla solo come primo allenamento in vista delle Olimpiadi, ma soprattutto dagli altri tiratori, che sono chiamati a fare le prime trasferte. Perdere è fisiologico – specifica Pera – E’ normale nel tiro a volo, anche perché non si può essere sempre protagonisti, ma c'è modo e modo di farlo. Senza lottare e  lasciandosi condizionare dagli eventi   mi fa arrabbiare, perché così non si fanno passi in avanti per crescere. Mi auguro che questo serva di lezione per imparare a impegnarsi di più e sempre. Così proprio non è sufficiente”.

RISULTATI


Trap Maschile: 1° Alberto FERNANDEZ (ESP) 120/125 (+8 +4) – 13/15 – 14/15 (+16); 2° Waldemar SCHANZ (GER) 120 (+9) – 12 (+4) – 14 (+15); 3° Yavuz ILNAM (TUR) 122 – 12 (+3) – 13 (+1); 4° Mitchell ILES-CROVATIN (AUS) 122 – 12 (+2) – 13 (+0); 5° Jiri LIPTAK (CZE) 121 – 11; 6° Abdulrahman ALFAIHANI (KUW) 121 – 11; 9° Daniele RESCA (ITA) 120 (+0); 10° Valerio GRAZINI (ITA) 120 (+0); 11° Massimo FABBRIZI (ITA) 119; 15° Giovanni PELLIELO (ITA) 118; 23° Francesco RIO (ITA) 115; 28° Erminio FRASCA (ITA) 114..


COMUNICATO STAMPA n. 13 del 24/02/2016


Qatar Open – Fossa Olimpica

Jessica Rossi è d’oro a Doha

In semifinale anche la Stanco, poi quinta. Tra gli uomini primo Fabbrizi


Inizia bene anche Fossa Olimpica. Jessica Rossi ha conquistato la medaglia d’oro al Qatar Open mettendo subito in chiaro le sue intenzioni per il prosieguo della stagione internazionale. La poliziotta di Crevalcore, Campionessa Olimpica di Londra 2012 e bi Campionessa Mondiale ed Europea, si è resa protagonista di una prestazione crescente. Dopo un inizio non brillantissimo, in cui ha chiuso la prima serie con 23/25, ha ripreso il controllo della gara chiudendo la seconda ed la terza serie con due quasi perfetti 24/25 ed è entrata in semifinale con lo score di 71/75. Davanti a lei solo la compagna di squadra Silvana Stanco (Fiamme Gialle) con 72 e la russa Tatiana Barsuk con 73. Nei quindici piattelli decisivi per l’accesso ai medal matches la Rossi ha chiuso con il totale di 12, pari, merito con la russa Ekaterina Rabaya e la kazaka Mariya Dimitriyenko, costringendole allo shhot-in per agguantare i due posti del gold match. Alla fine ad avere la meglio sono state l’azzurra e la russa, entrambe con +2, mentre alla Dimitriyenko è toccato affrontare l’australiana Catherine Skinner nel duello per il bronzo. Forte di una ritrovata serenità e di nuovo vigore agonistico, Jessica ha regolato l’avversaria con un inappellabile 14 a 12 mettendosi al collo l’oro e costringendo all’argento. Terza sul podio la Skinner grazia al 9 a 8 rifilato alla kazaka.

Come anticipato, buona anche la prova di Silvana Stanco, entrata in semifinale con il secondo miglior punteggio, che con il conclusivo 10/15 si è dovuta accontentare del quinto posso assoluto.

“Le due ragazze hanno fatto una bella gara malgrado il contesto abbastanza difficile – ha spiegato il Direttore Tecnico Albano Pera – Tra il vento ed il buon numero di partecipanti, molte delle quali rincontreremo ai Giochi di Rio, il risultato non era scontato. Jessica (Rossi, ndr) ha trovato una buona concentrazione anche in semifinale; Silvana un po’ meno, ma certamente una prova positiva anche per lei. Tirando le somme, è stato un ottimo allenamento, primo obiettivo della nostra partecipazione a questo evento”.

In gara anche Valeria Raffaelli (Fiamme Oro) di Morgano (TV), dodicesima con 68, Federica Caporuscio (Forestale) di Roma, diciottesima con 64, e Fiammetta Rossi (Fiamme Oro) di Montefalco (PG), ventesima con 62.

In gara oggi anche il comparto maschile. Al termine delle due serie di qualificazione la classifica provvisoria è condotta da cinque  tiratori appaiati a quota 50/50. Tra questi anche il carabiniere marchigiano Massimo Fabbrizi di Monteprandone (AP), medaglia d’argento a Londra 2012, in entrambe le manches. Con un solo piattello di ritardo (49/50) seguono il gruppetto di testa anche Giovanni Pellielo (Fiamme Azzure) di Vercelli, medaglia di bronzo a Sydney 2000 e medaglia d’argento ad Atene 2004 e Pechino 2008, e Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo. Bene anche Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO) e Francesco Rio di Roma, saliti entrambi fino a quota 48. A completare il gruppo Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT), arenatosi a quota 46. Domani la gara proseguirà con re serie di gara, la semifinale ed i medal matches.


RISULTATI


Trap Femminile: 1ª Jessica ROSSI (ITA) 71/75 – 12/15 (+2) – 14/15; 2ª Ekaterina RABAYA (RUS) 69 (+1) – 12 (+2) – 12; 3ª Catherine Skinner (AUS) 69 (+1) – 11 – 9; 4ª Mariya DIMITRYENKO (KAZ) 70 – 12 (+1) – 8; 5ª Silvana STANCO (ITA) 72 – 10; 6ª Tatiana BARSUK (RUS) 73 – 10; 12ª Valeria RAFFAELLI (ITA) 68; 18ª Federica CAPORUSCIO (ITA) 64; 20ª Fiammetta ROSSI (ITA) 62.


Trap Maschile: Massimo FABBRIZI (ITA) 50/50;Abduirahman ALFAIHAN (KUW) 50/50; Josip GLASNOVIC (CRO) 50/50; Mitchell ILES-CREVATIN (AUS) 50/50; Erik VARGA (SVK) 50/50; Valerio GRAZINI (ITA) 49/50; Giovanni PELLIELO (ITA) 49/50; Daniele RESCA (ITA) 48; Francesco RIO (ITA) 48; Erminio FRASCA (ITA) 46..


COMUNICATO STAMPA n. 12 del 22/02/2016


Qatar Open – Double Trap

Innocenti oro, Di Spigno argento

Cenci: ottima prova. Da domani in pedana la Fossa Olimpica


La stagione internazionale 2016 si apre con un oro ed un argento conquistati, rispettivamente, da Marco Innocenti e Daniele Di Spigno. L’occasione è il Qatar Open, in svolgimento a Doha dallo scorso 17 febbraio, scelto dal Direttore Tecnico del Double Trap Mirco Cenci e da quello della Fossa Olimpica Albao Pera come primo test dell’anno olimpico.

Nella gara di oggi, quella riservata agli specialisti di Double Trap, l’Italia è stata la super protagonista della gara di Double grazie all’oro ed all’argento centrati, rispettivamente, da Marco Innocenti e Daniele Di Spingo.

I due azzurri si sono trovati schierati l’uno contro l’altro nel medal match più importante e non si sono fatti nessuno sconto. Il toscano di Montemurlo, da poco indicato da Cenci come componente della squadra olimpica per Rio 2016, è entrato in semifinale con 140/150, due punti in meno di Di Spingo entrato come migliore con lo score di 142. Nella serie decisiva per l’accesso ai giochi per le medaglie quest’ultimo ha siglato un quasi perfetto 29/30, seguito a ruota da Innocenti con 28.

Nel medal match la situazione si è invertita e con 27 il poliziotto di Terracina (LT) ha ceduto il passo al collega, primo con 28.

Con loro sul podio il russo Vasily Mosin, medaglia di bronzo grazie al 26 a 24 rifilato al kuwaitiano Ahmad Alafasi.

In semifinale anche Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), sesto con 25/30, mentre fuori è rimasto Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), secondo tiratore indicato dal Direttore Tecnico come rappresentante italiano ai Giochi 2016, non con 136. Stesso punteggio ma peggior ultima serie per Davide Gasparini (Esercito) di Gabicce Mare finito undicesimo.

Soddisfatto Cenci: “ Questa gara ed il raduno internazionale che l’ha preceduta sono stati di grande aiuto alla squadra. Questi cinque ragazzi hanno dimostrato di essere in ottima forma e di avere le potenzialità per arrivare a grandi risultati. Ringrazio la federazione per l’ottima opportunità che ci ha offerto e per il sostegno che non ci ha mai fatto mancare”.

Archiviato il capito Double Trap, da domani le pedane del Lusail Shooting Complex saranno dedicate interamente agli specialisti di Trap. La squadra italiana guidata dal CT Albano Pera è arrivata in Qatar sabato 20 e già ieri, domenica 21, ha avuot modo di testare le pedane con allenamenti liberi.

A misurarsi con la gara saranno Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (PU), Erminio Frasca (Fiamme Oro) di Priverno (LT), Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo, Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, Daniele Resca (Carabinieri) di Pieve di Cento (BO) e Francesco Rio di Roma per la gara maschile e Federica Caporuscio (Forestale) di Roma, Valeria Rafffelli (Fiamme Oro) di Morgano (TV), Fiammetta Rossi (Carabinieri) di Montefalco (PG), Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO) e Silvana Stanco (Fiamme Gialle ) di Winterthur (SUI).

La competizione li impegnerà nei giorni di mercoledì 24 e giovedì 25 febbraio.


RISULTATI

Double Trap: 1° Marco INNOCENTI (ITA) 140/150 – 28/30 – 28/30; 2° Daniele DI SPIGNO (ITA) 142 – 29 – 27; 3° Vasily MOSIN (RUS) 141 – 27 – 26; 4° Shmad ALAFASI (KUW) 139 – 27 – 24; 5° Steven SCOTT (GBR) 141 – 26; 6° Alessandro CHIANESE (ITA) 141 – 25; 9° Antonino BARILLA’ (ITA) 136; 11° Davide GASPARINI (ITA


COMUNICATO STAMPA n. 11 del 19/02/2016


XXXI Giochi Olimpici

Le scelte dei tre Direttori Tecnci

Parola ad Albano Pera, Andrea Benelli e Mirco Cenci


Come anticipato dal precedente comunicato stampa, il Consiglio Federale della Fitav ha accolto le indicazioni dei Direttori Tecnici di Trap, Skeet e Double Trap ratificando le loro scelte per la composizione delle rispettive squadre per i Giochi Olimpici di Rio 2016.

Analizziamo insieme agli stessi Direttori Tecnici le motivazioni che hanno determinato l’individuazione dei nove tiratori che ad agosto partiranno per il Brasile.

Partiamo da Albano Pera, guida tecnica del Fossa Olimpica. Se al maschile l’indicazione di Giovanni Pellielo e Massimo Fabbrizi era quasi “obbligata”, sia per i curricula dei due grandi campioni sia perché entrambi autori della conquista delle Carte Olimpiche, al femminile c’era molta più incertezza. La scelta è stata complicata?

“La mia scelta è stata ponderata, più che complicata. Ho dovuto ragionare molto e valutare tutte le informazioni in mio possesso. Alla fine le opzioni erano due: Silvana Stanco e Jessica Rossi. In occasione della conquista della Carta olimpica Silvana si è resa protagonista di una bellissima gara e nel prosieguo della stagione non ha avuto modo di partecipare a molte altre gare internazionali a causa della nostra rincorsa alla seconda Carta Olimpica, che purtroppo non è arrivata. E’ una tiratrice molto forte e sono sicuro  che, con il tempo, lo diventerà sempre di più, ma al momento deve ancora maturare. Dall’altra parte, Jessica è indubbiamente un gigante dal punto di vista agonistico. Nessuno come lei ha vinto tanto e sicuramente nessuna delle avversarie che incontrerà nella gara di Rio potrà vantare un palma res come il suo e, rispetto alla compagna di squadra, ha una maggior dimestichezza con la pressione psicologica che impone la gara delle Olimpiadi. Per tutte queste ragioni l’ago della bilancia ha puntato verso di lei”.

In ogni caso la Stanco è stata “premiata” con l’indicazione come riserva olimpica. Con lei anche Valerio Grazini.

“Ho voluto premiare anche lui perché, malgrado la giovane età si è dimostrato fortissimo. In realtà credo che debba ancora scoprire le sue reali possibilità, però si impegna molto e si merita questo riconoscimento, che spero gli dia il giusto stimolo per migliorarsi ancora”

Scelta assolutamente ponderata anche quella del Direttore Tecnico dello Skeet Andrea Benelli “Ho dovuto lavorare di cesello per arrivare alla decisone finale. Nello skeet si è creato un gruppo di tiratori molto competitivi, sia al maschile che al femminile, avevo almeno quattro uomini e tre donne con le caratteristiche idonee per la partecipazione all’Olimpiade. Quindi, non è stata una scelta né facile né scontata. In questo momento il mio primo pensiero va ai ragazzi che sono rimasti fuori dalla prima squadra. So quanto hanno lavorato, quanto hanno dato alla Federazione e quanto hanno dato a me in questi tre anni di esperienza come loro CT. A loro va tutta la mia stima e la mia gratitudine. Detto questo, le mie scelte sono cadute su ragazzi e ragazze che potranno fare bene alle Olimpiadi. Oltre ai tre che hanno vinto la carta olimpica (Chiara Cainero, Diana Bacosi e Valerio Luchini, ndr), c’è stata l’esplosione di un ragazzo molto giovane che però ho ritenuto pronto per partecipare ad un evento così importante e l’ho inserito in squadra (Gabriele Rossetti, ndr). Ci tengo a ringraziare la Federazione per il sostegno che ci ha sempre assicurato delle condizioni di lavoro eccellente”.

Ultimo commento è quello che chiediamo a Mirco Cenci, guida tecnica del Double Trap Azzurro, raggiunto a Doha dove è impegnato con la sua squadra nelle gare del Qatar Opem.

“Innanzi tutto esprimo la mia grandissima soddisfazione di essere riuscito ad avere cinque tiratori di una valenza assoluta. Mi riferisco a quelli che sono qui con me ora (oltre ad Antonino Barillà e a Marco Innocenti ci sono Daniele Di Spigno, Davide Gasparini e Alessandro Chianese). E’ stato difficile decide chi lasciare a casa tra di loro. Alla fine ho scelto i due che hanno conquistato il pass per Rio e hanno ben figurata in ambito internazionale anche nell’ultima stagione”.


LA SQUADRA OLIMPICA DI TRAP

Men: Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP); Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli (VC).

Women: Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO).

Riserve: Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo; Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI).

Commissario Tecnico: Albano Pera .

LA SQUADRA OLIMPICA DI DOUBLE TRAP

Men: Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC); Marco Innocenti di Montemurlo (PO).

Commissario Tecnico: Mirco Cenci .

LA SQUADRA OLIMPICA DI SKEET

Men: Valerio Luchini (Carabinieri) di Roma; Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT).

Women: Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD); Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI).

Riserve: Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia; Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS); Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR)

Commissario Tecnico: Andrea Benelli .


PROGRAMMA DELLE GARE XXXI GIOCHI OLIMPICI – RIO DE JANEIRO 2016


Venerdì 5 agosto:                 Cerimonia d’Apertura

Sabato 6 agosto:                   ore 09.00 – Allenamenti Ufficiali Trap

Domenica 7 agosto:              ore 09.00 - Qualificazione Trap Femminile

                                               ore 09.30 - Qualificazione Trap Maschile (1° giorno)

                                               ore 15.00 - Semifinale e Medal Matches Trap Femminile

Lunedì 8 agosto:                   ore 09.30 - Qualificazione Trap Maschile (2° giorno)

                                               ore 15.00 - Semifinale e Medal Matches Trap Maschile

Martedì 9 agosto:                 ore 09.00 - Allenamenti Ufficiali Double Trap                                              

Mercoledì 10 agosto:            ore 09.00 - Qualificazione Double Trap

                                                ore 15.00 - Semifinale e Medal Matches Double Trap


Giovedì 11 agosto:                ore 09.00 - Allenamenti Ufficiali Skeet                               


Venerdì 12 agosto:               ore 09.00 - Qualificazione Skeet Femminile

                                               ore 10.30 - Qualificazione Skeet Maschile (1° Giorno)

                                               ore 15.00 - Semifinale e Medal Matches Skeet Femminile

Sabato 13 agosto:                 ore 09.30 - Qualificazione Skeet Maschile (2° Giorno)

                                               ore 15.00 - Semifinale e Medal Matches Skeet Maschile

Domenica 21 agosto:                        Cerimonia di Chiusura


COMUNICATO STAMPA n. 10 del 19/02/2016


XXXI Giochi Olimpici

Tiro a Volo, scelta la squadra Olimpica per Rio

Indicati i componenti delle Squadre di Trap, Skeet e Double Trap


Il Consiglio Federale, confermando le proposte presentate dai Direttori Tecnici Alabno Pera (Trap), Andrea Benelli (Skeet) e Mirco Cenci (Double Trap), ha sciolto la riserva sui nomi dei tiratori che comporranno le Squadre di Tiro a Volo in occasione dei Giochi Olimpici di Rio 2016.

Per quanto riguarda la Fossa Olimpica, Albano Pera porterà con se a Rio de Janeiro Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone, medaglia d’argento ai Giochi di Loondra 2012, vincitore della Finale di Coppa del Mondo 2014 a Gabale (AZE) e due volte Campione del Mondo a Lonato (ITA) 2005 e Belgrado (SRB) 2011, Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore, Campionessa Olimpica in carica e due volte Campionessa del Mondo a Maribor (SLO) 2009 e Lima (PER) 2013, e Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli, medaglia di bronzo ai Giochi di Sydney 2000, medaglia d’argento a quelli di Atene 2004 e Pechino 2008, quattro volte Campione del Mondo Nicosia (CYP) 1995, a Lima (PER) 1997, a Barcellona (ESP) 1998 e di nuovo a Lima (PER) nel 2013, che con quella brasiliana arriva alla sua settima partecipazione olimpica consecutiva. Scelti come riserve Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo per il comparto maschile e Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI) per quello femminile.

Passando allo Skeet, Andrea Benelli ha deciso di assegnare le quattro carte olimpiche a sua disposizione a Valerio Luchini (Carabinieri) di Roma, medaglia d’oro ai primi Giochi Europei di Baku (AZE) 2015 e Campione Europeo a Larnaca (CYP) nel 2012, a Diana Bacosi (esercito) di Cetona (SI), medaglia d’argento ai Giochi Europei di Baku 2015 e medaglia di bronzo alla Finale di Coppa del Mondo di Abu Dhabi (UAE) 2013, a Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), medaglia di bronzo al Mondiale di Lonato 2015 e vincitore della Finale di Coppa del Mondo di Nicosia (CYP) 2015, ed a Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), Campionessa Olimpica dei Giochi di Pechino 2008, vincitrice della Finale di Coppa del Mondo a Granada (ESP) nel 2006 e quattro volte Campionessa Europea a Maribor (SLO) 2006, a Granada (ESP) 2007, a Suhl (GER) 2013 e a Sarlospuszta (HUN) 2014.  Come riserve olimpiche il Direttore Tecnico ha indicato per la squadra maschile Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia e Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS), mentre per quella femminile Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR).

Infine, la squadra olimpica di Double Trap selezionata da Mirco Cenci sarà composta da Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC), medaglia d’argento ai Campionati del Mondo di Granada (ESP) 2014 e medaglia di bronzo ai Giochi Europei di Baku (AZE) 2015 e Marco Innocenti di Montemurlo (PO), vincitore della Finale di Coppa del Mondo a Maribor (SLO) 2004 e tre volte vice Campione Europeo a Zagabria (CRO) 2001, a Brno (CZE) 2003 ed a Suhl (GER) 2013. Per il momento resta top secret il nome della riserva, per la cui indicazione il Direttore Tecnico aspetterà i primi appuntamenti internazionali.

“Quello della scelta dei tiratori che ci rappresenteranno ai Giochi Olimpici è sempre un momento molto solenne – ha commentato il Presidente Rossi – Il Consiglio Federale ha recepito in toto le proposte dei Direttori Tecnici approvandole con piena condivisione ed all’unanimità. Come sempre ci presentiamo all’appuntamento olimpico con la squadra più numerosa. Siamo gli unici ad aver conquistato 9 Carte e siamo sicuri di averle assegnate nel modo migliore possibile. I nostri atleti ed i nostri tecnici faranno tutto quanto sarà nelle loro possibilità per conquistare sempre maggiori risultati, che non sono solo della Federazione Italiana Tiro a Volo o del CONI, ma di tutto il nostro Paese. Alle Squadre Olimpiche così definite ed ai Direttori Tecnici va il nostro migliore “in bocca al lupo””.


LA SQUADRA OLIMPICA DI TRAP

Men: Massimo Fabbrizi (Carabinieri) di Monteprandone (AP); Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli (VC).

Women: Jessica Rossi (Fiamme Oro) di Crevalcore (BO).

Riserve: Valerio Grazini (Forestale) di Viterbo; Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI).

Commissario Tecnico: Albano Pera .


LA SQUADRA OLIMPICA DI DOUBLE TRAP

Men: Antonino Barillà (Marina Militare) di Villa San Giuseppe (RC); Marco Innocenti di Montemurlo (PO).

Commissario Tecnico: Mirco Cenci .


LA SQUADRA OLIMPICA DI SKEET

Men: Valerio Luchini (Carabinieri) di Roma; Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT).

Women: Chiara Cainero (Forestale) di Cavalicco di Tavagnacco (UD); Diana Bacosi (Esercito) di Cetona (SI).

Riserve: Riccardo Filippelli (Esercito) di Pistoia; Luigi Lodde (Esercito) di Ozieri (SS); Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR)

Commissario Tecnico: Andrea Benelli .



PROGRAMMA DELLE GARE XXXI GIOCHI OLIMPICI – RIO DE JANEIRO 2016


Venerdì 5 agosto:                 Cerimonia d’Apertura


Sabato 6 agosto:                   ore 09.00 – Allenamenti Ufficiali Trap


Domenica 7 agosto:              ore 09.00 - Qualificazione Trap Femminile

                                               ore 09.30 - Qualificazione Trap Maschile (1° giorno)

                                               ore 15.00 - Semifinale e Medal Matches Trap Femminile


Lunedì 8 agosto:                   ore 09.30 - Qualificazione Trap Maschile (2° giorno)

                           &nb

Create a website